RIDEFINIRE LA MALATTIA MENTALE

15/ott/2011 16.08.54 CCDU onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


La bibbia delle malattie mentali viene riscritta.

 

Chicago Tribune - 12.10.2011 - Julie Deardorff

 

Quando uno psichiatra fa una diagnosi di malattia mentale, fa riferimento a un manuale piuttosto complicato chiamato Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, abbreviato DSM.  Inizialmente pubblicato nel 1952, questo tomo costituisce il riferimento anche per i ricercatori, gli istituti pubblici e privati di assicurazione sanitaria e l’industria farmaceutica.

 

Questa bibbia della psichiatria è però oggi oggetto di critiche e controversie.  La quinta edizione, il cui contenuto è stato ampiamente anticipato sui media, si è attirata il dissenso di molti psichiatri, generando oltre 8mila commenti negativi riguardo gli argomenti più svariati: dai disturbi sessuali, all’ansia,  ai problemi psicosomatici.

 

Le revisioni che sono state proposte sono “basate sui dati scientifici più rigorosi e aggiornati oggi disponibili” sostiene il vice presidente del comitato di revisione Darrel Reiger, aggiungendo che “le nuove inclusioni della lista di disturbi serviranno a stimolare la ricerca e condurci a una più profonda conoscenza”.

 

I critici sostengono che alcune delle nuove malattie estendono la definizione di malattia mentale e abbassano la soglia di alcuni disturbi, che: “Produrrà un aumento delle diagnosi. Questo, a sua volta, genererà un enorme ondata di prescrizioni inutili, costose, e spesso dannose” sostiene Allen Frances - autore della precedente edizione - sulle colonne dello Psychiatric Times.

 

Un esempio di nuova malattia è la frenesia del mangiare.  Secondo la nuova definizione questo disturbo potrà essere diagnosticato a chi indulge nel mangiare almeno una vola alla settimana per almeno tre mesi, mentre nella versione precedente si considerava malattia solo se accadeva almeno due giorni alla settimana per almeno sei mesi. I critici sostengono che l’abbassamento della soglia per questa diagnosi comporterà la medicalizzazione di comportamenti perfettamente normali.

 

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani raccomanda: informarsi attentamente, non accettare facili diagnosi psichiatriche sia per se stessi che per i propri figli, richiedere accurate analisi mediche e avvalersi sempre di un medico se si decide di smettere di assumere terapie a base di psicofarmaci, inoltre il cittadino ha il diritto  di richiedere l'applicazione del consenso informato e i medici  devono informare.

 

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani onlus

Email info@ccdu.org

www.ccdu.org         www.ccdu.it

 

Qui informazioni tratte dal documentario “Marketing della pazzia: ma siamo tutti matti?” in formato DVD:

http://www.ccdu.it/videos/marketing-of-madness/disease-mongering.html

 

Fonte articolo del Chicago Tribune:

http://www.chicagotribune.com/health/sc-health-1012-dsm-20111012,0,1994518.story
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl