Antiplagio e astrologia su Famiglia Cristiana: "Un popolo di creduloni".

27/dic/2005 17.51.32 antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
INCHIESTA - DIECI MILIONI DI ITALIANI VITTIME DELL?ASTROLOGIA
UN POPOLO DI CREDULONI
Maghi, riviste, libri e segni zodiacali che popolano perfino la Rai: un mercato
che vale 5 miliardi di euro. I consigli degli esperti per sottrarsi alla
schiavitù dell?oroscopo.

Dimmi che segno hai e ti dirò chi sei. Non c?è conversazione che non tiri
in ballo l?oroscopo, soprattutto in questi giorni di passaggio da un anno
all?altro. E così ben 10 milioni di italiani creduloni affidano alle stelle
il loro futuro, anzi a circa 22.000 astrologi e maghi che attirano 25.000
"vittime" ogni giorno. Una moltitudine di donne (56 per cento), di uomini
(40 per cento) e perfino bambini e ragazzini (4 per cento) che sperano di
risolvere "magicamente" i loro problemi, molto spesso con effetti drammatici
su tante famiglie (3 milioni in tutto) per i grossi debiti contratti per
pagare costosi "consulti". Soldi che alimentano un gigantesco giro d?affari
stimato in 5 miliardi di euro, per la maggior parte (98 per cento) "esentasse".


Si tratta ovviamente di stime al ribasso, perché, stando alla Lega consumatori
(Acli), solo il 5 per cento delle vittime di questi raggiri sporge denuncia
per reati che vanno dalla truffa alla circonvenzione d?incapace, dall?estorsione,
anche aggravata, fino all?esercizio abusivo della professione medica e psicologica,
per citarne solo alcuni. Senza dimenticare che basta fare un giro in libreria
e cercare nel reparto "astrologia" o "esoterismo" per verificare che il mercato
tira bene: sono infatti ben 40 gli editori che si occupano esclusivamente
o prevalentemente di astrologia e che inondano gli scaffali con un migliaio
di titoli (dei quali oltre 30 usciti solo nell?ultimo anno). Cui si aggiungono
15 riviste specializzate, ben infarcite di pubblicità che reclamizzano ogni
sorta di indovini e maghi, per non parlare dei tanti oroscopi diffusi quasi
in tutta la stampa e perfino nella Tv di Stato.

Una pura invenzione
Ma com?è possibile che l?astrologia possa avere una presa di massa? E quali
basi scientifiche ha? Sgombriamo subito il campo dalla pretesa scientificità
(vedi intervista al fisico Antonino Zichichi). Alla voce "astrologia" e "zodiaco"
dell?Enciclopedia dell?Astronomia e della Cosmologia della Garzanti si legge:
«L?interpretazione dell?oroscopo per dedurre il destino dell?individuo è
un?operazione totalmente arbitraria», e che «chiunque abbia un po? di confidenza
con l?astronomia (che, invece, è la scienza che studia i corpi celesti) non
può avere alcun dubbio sul fatto che l?astrologia è un?assurdità». Anche
la legge (articolo 121 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza)
nega il diritto di cittadinanza ai maghi, codificandoli, in termini perentori
ma chiarissimi, come "ciarlatani" e vietandone il mestiere.

E allora perché continuano ad agire indisturbati, proponendo i loro "servigi"
pubblicizzati addirittura sulle Pagine Gialle alla voce "astrologia", o sul
servizio Televideo della Rai, su Mediavideo di Mediaset e in una miriade
di Tv locali e nazionali (anche se una recente sentenza del Tar del Lazio
vieta, finalmente, le trasmissioni di astrologia, cartomanzia e pronostici
tra le 23 e le 7)?

Un telefono per difendersi
Lo denuncia senza soste, ormai da anni, Giovanni Panunzio, storico fondatore
di Telefono Antiplagio (telefono 338/83.85.999; sito: www.antiplagio. org):
«Nonostante svariate volte la Polizia amministrativa sia intervenuta per
sanzionare i maghi e disporre la chiusura dell?attività, i ciarlatani continuano
a operare, perché sono leggi che non fanno paura. Occorrerebbero norme più
severe in ambito penale. Ritengo sia grave anche il fatto che il servizio
pubblico Rai dia spazio e dignità agli astrologi, inserendoli addirittura
in pianta stabile all?interno di trasmissioni televisive, redazioni e giornali
radio, e retribuendoli. Un insulto per chi paga il canone e le tasse. Ci
appelliamo alla Rai affinché sia garantita almeno la par condicio», aggiunge
Panunzio: «ogni volta che interviene un astrologo, sia data la parola anche
a un astronomo o a uno scienziato. Se non lo fa il servizio pubblico, chi
lo fa?».

L?oroscopo», prosegue Panunzio, «è utilizzato non solo dagli astrologi ma
anche dai maghi, che lo usano per acquisire notizie sul patrimonio della
vittima. Poi passano alla loro "specialità": pendolino, carte, sedute spiritiche
e così via». L?astrologia quindi è un fenomeno sociale che oscilla tra costume
e criminalità. Ma la preoccupazione riguarda, ovviamente, anche il piano
religioso.

Padre Francesco Bamonte, sacerdote dei Servi del Cuore Immacolato di Maria
ed esorcista a Roma, afferma che l?astrologia, priva di qualsiasi fondamento
scientifico, presume di descrivere le predisposizioni alle malattie di una
persona o la sua psicologia o addirittura di predire un futuro già scritto
nelle stelle. «È assolutamente falso credere che gli unici responsabili del
bene e del male ? sia quello fisico, sia quello morale ? sarebbero stelle
e pianeti», dice padre Bamonte.

Dieci milioni di clienti
Chiediamo se tra quei 10 milioni di creduloni ci sono anche dei credenti.
«Un cristiano non può accettare l?idea che il proprio futuro sia inscritto
in anticipo nelle stelle, perché ciò porterebbe a negare all?uomo libertà
e responsabilità. L?uomo è un essere libero. Noi orientiamo il nostro avvenire
su questa terra e la vita dopo l?esistenza terrena, con gli atti, le scelte,
le decisioni e gli impegni quotidiani. La vita umana non è soggetta inesorabilmente
a una fatalità cieca e senza speranza: Dio ci ha creati liberi, anche se
pesano su di noi numerosi condizionamenti».

Conoscere il futuro non è solo un desiderio degli adulti. In tempi di incertezze
anche economiche, con scarse e malpagate possibilità di impiego, i giovani
che tipo di atteggiamento hanno verso l?oroscopo? Carlo Climati, giornalista,
da anni impegnato a confrontarsi anche personalmente con i ragazzi in dibattiti
e conferenze e autore di alcuni libri che trattano in modo agile, ma approfondito
i rischi che essi corrono con il mondo dell?occulto, risponde: «L?oroscopo,
i segni zodiacali, la voglia di conoscere il futuro sono tra gli elementi
più presenti tra i ragazzi. C?è chi crede profondamente nell?astrologia,
chi non prende l?oroscopo troppo sul serio, ma comunque lo segue su giornali
e riviste e chi utilizza i segni zodiacali come argomento per socializzare
o per fare bella figura. Ho conosciuto, ad esempio», racconta Climati, «un
ragazzo molto timido che aveva l?abitudine di portare con sé, alle feste,
le tavole per calcolare l?ascendente. Utilizzava questo sistema per fare
nuove amicizie». Esistono forme di oroscopo particolari per i giovani? «Il
problema dell?oroscopo è che, purtroppo, può rappresentare una specie di
"ponte" verso altre passioni o abitudini esoteriche e superstiziose, come
talismani o amuleti».

«A volte, in certe riviste per adolescenti, l?oroscopo diventa l?occasione
per spingere i ragazzi a praticare piccoli riti magici. Si tratta di riti
innocui, ma che rischiano di contribuire a creare una mentalità superstiziosa,
spingendo a credere nel potere di oggetti. Sono discutibili, secondo me,
anche certi oroscopi legati all?amore, in cui si pretende di dire con quale
segno si andrebbe d?accordo. Comportamenti che rischiano di condizionare
i rapporti umani».

In discoteca si usa l?oroscopo? «Sì, occasionalmente. Negli ultimi anni si
è diffusa la presenza dell?astrologo e del cartomante nelle discoteche, soprattutto
quando vengono organizzate feste ispirate a temi esoterici, nel periodo di
Halloween. Tra un ballo e l?altro, i giovani hanno la possibilità di farsi
fare l?oroscopo, di interrogare le carte o di farsi leggere la mano».

Da chi ereditano, i giovani, la voglia di "leggere il futuro"? «Un tempo
l?educazione era il frutto di pochi maestri», aggiunge Climati: «I genitori,
la scuola e gli educatori religiosi. Oggi i ragazzi sono "educati", anche,
dalla Tv, da Internet, dalle canzoni, da certe riviste per adolescenti. Quando
si è soli, poi, è molto più facile essere strumentalizzati e indottrinati».
Avviene, a una certa età, il distacco da questa forma di divinazione-superstizione?
«Dipende. Alcuni ragazzi compiono un percorso di maturazione o di fede cristiana,
e allora si allontanano. Altri, purtroppo, passano dall?astrologia a esperienze
successive nel mondo dell?esoterismo». Perché tanti ragazzi oltre che all?oroscopo
ricorrono alla magia e all?occultismo? «Alla base ci sono sicuramente paure,
incertezze, timori per il futuro, alimentati dalla noncultura dell?apparenza
e dell?immagine. Il mondo, dominato dai più belli e dai più forti, appare
difficile da affrontare. Tanti ragazzi tendono a chiudersi nel proprio guscio,
magari affidandosi all?oroscopo, alla lettura delle carte, agli amuleti e
ai talismani per cercare un aiuto nell?affrontare la vita. Certi meccanismi
sono profondamente diseducativi perché rappresentano il trionfo della non
cultura, del non impegno e del "voglio tutto e subito, senza sforzarmi"».

Un appello ai "pastori"
Come difendersi da certi rischi? «È necessario innanzitutto promuovere una
cultura dell?impegno, che valorizzi i piccoli sforzi della vita quotidiana
per raggiungere un particolare obiettivo: ad esempio, lo sforzo che si fa
per studiare e superare un esame o per conquistare una ragazza. Inoltre,
è opportuno promuovere una sana cultura del limite, educare a capire che
nella vita non si può avere tutto e far accettare ai ragazzi i propri limiti.
Insomma, occorre ascoltare i giovani, aiutandoli a capire che astrologia
e magia non sono una soluzione per i propri problemi».

Ne è convinto, infine, anche don Alfonso d?Errico, rettore della Basilica
di San Tammaro vescovo di Grumo Nevano (Napoli), che di esperienza in materia
ne ha tanta, visto che di gente disperata che si rivolge all?astrologo ne
incontra molta. E lancia un appello a tutti gli operatori pastorali: «I giovani,
le persone sono soli, sempre più soli. Occorre dedicare più tempo all?ascolto
personale, bisogna far crescere in loro Gesù Cristo, perché di lui solo,
anche solo inconsapevolmente, hanno sete». Stefano Stimamiglio

IL FUTURO AL TELEFONO COSTA 40 EURO
La segreteria telefonica spiega che la chiamata costerà 1,80 euro al minuto
Iva compresa con uno scatto alla risposta di 6 centesimi Iva compresa, per
un massimo di otto minuti. È uno dei tanti numeri a pagamento di astrologi
pubblicizzati sulle riviste specializzate. Spesso, questi numeri funzionano
attraverso call center ben organizzati. L?astrologo mette il nome (per la
pubblicità), ma al telefono rispondono ragazzi e ragazze che si qualificano
come "assistenti" (o comunque astrologi). È una forma di raggiro. Così come
lo è quella di molti consulti astrologici in programmi tv: si pensa che sia
tutto in diretta, invece la chiamata, e la relativa consulenza del mago,
sono registrati.

Al numero che ho scelto di comporre mi risponde una voce di ragazza. Le chiedo
di parlare con l?astrologo titolare. Lei mi fa attendere qualche secondo
(sto già pagando la chiamata), ma il titolare sembra non sia reperibile.
«Se vuole può parlare con me», dice, «lavoro nel suo studio» (studio o, piuttosto,
call center?). Accetto. «Ho bisogno della data di nascita tua e della persona
coinvolta». Inizia, così, il consulto per una (inventata) storia d?amore
finita male. Ma otto minuti sono un batter d?occhio. «Se cade la linea, mi
richiami subito e ti rispondo io». Così è. La chiamata si interrompe, ma
lei ha appena cominciato ad analizzare le congiunzioni dei pianeti. Così,
seconda chiamata. Lei parla con tono dolce, amichevole, confidenziale. Mi
tiene al telefono il più a lungo possibile, chiedendomi come mi sento, dispensandomi
consigli sulla vita sentimentale (nemmeno fosse la mia migliore amica), il
tutto intervallato da lunghe pause di silenzio (peccato che si paghino anche
quelle).

La linea cade di nuovo. Terza chiamata. Le domando per quali motivi la gente
telefona. E lei: «La maggior parte per amore, molti per il lavoro; per le
malattie no, non siamo autorizzati». Poi aggiunge: «L?oroscopo giornaliero
è un gioco. Ma l?astrologia su base soggettiva è attendibile, per chi ci
crede». La saluto. «Fammi sapere come vanno le cose», dice. Faccio un calcolo:
40 euro per quasi 23 minuti. Ho seri dubbi che accetterò il suo invito. Giulia
Cerqueti

_________________________________________________________________
TISCALI ADSL Web&Mail
Solo con Tiscali Adsl navighi e telefoni senza canone Telecom a partire da
14,95 Euro/mese. Attivala subito!
Per te 500 MB inclusi per navigare, inviare e ricevere messaggi e-mail, foto
ed mp3.
http://abbonati.tiscali.it/adsl/sa/2wam_tc/




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl