L'UMORISMO NELLA CLOWNTERAPIA

Attraverso di esso entrano in relazione con gli altri e con il contesto circostante facendo sì che gli atteggiamenti mentali, fisici ed affettivi superino la staticità e si muovano verso la crescita "della persona" ed il conseguente "cambiamento della realtà" in cui vivono.

11/mar/2006 00.28.09 zefferino Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
L’UMORISMO NELLA CLOWNTERAPIA
pensieri di Zefferino Di Gioia - clown dottore Zerò


La principale attività dei bambini è il gioco. Attraverso di esso entrano in relazione con gli altri e con il contesto circostante facendo sì che gli atteggiamenti mentali, fisici ed affettivi superino la staticità e si muovano verso la crescita “della persona” ed il conseguente “cambiamento della realtà” in cui vivono.
L’importanza del gioco sta nel fatto che crea atteggiamenti attivi e sempre aperti a nuove situazioni, favorendo la comunicazione, lo scambio, l’incrocio di linguaggi diversi. Il gioco è un luogo dove le emozioni e la fantasia si riempiono di significato e danno un senso allo stare insieme…un luogo in cui avviene un passaggio di desideri.
I bambini hanno, quindi, bisogno di vivere il proprio tempo nel gioco, nella gioia, nella libertà, nella spontaneità e nell’autenticità.
La scarsità del “tempo di gioco” può essere la causa di disturbi allo sviluppo, di difficoltà di concentrazione, di stress, ecc.
Tipico esempio di questa realtà è il ricovero del bambino in ospedale, in particolare di quelli a lunga degenza (reparto oncologico).
In questa situazione, spesso il bambino appare depresso, ansioso, risente dell’abbandono del “contesto” famigliare...e delle preoccupazioni dei grandi, soffre di solitudine e della mancanza della propria casa.
Nella sua stanzetta “asettica” spesso ha paura, si annoia, è arrabbiato e vive la “sua” malattia come “castigo”.
In queste circostanze, fino a non molto tempo fa, il bambino viveva nella solitudine della propria malattia, perché si tendeva a curare il sintomo, perdendo di vista la persona.
Invece, ogni bambino, come ogni adulto, è un insieme di “aspetti”, di “sistemi”, che interagiscono tra loro.
Il corpo, la mente, lo spirito, “non sono” realtà separate, ma aspetti di un insieme che interagiscono costantemente fra loro e la “guarigione” può avvenire solo attraverso la cura di questo “tutt’uno” che può determinare, favorendo la comunicazione dei vari sistemi “tra loro”, il riequilibrio energetico. La guarigione e la salute fondano le loro radici su tale equilibrio.... sulla felicità che deve essere dentro ogni individuo.
Dice Patch Adams:”...i mali che affliggono la maggior parte dei malati, come la sofferenza, la morte e la paura, non possono essere curati con una pillola. I medici devono curare le persone non le malattie.”
Ecco, dunque, la necessità, oltre “l’indispensabile medico del corpo”, della presenza “del medico!!! dell’anima” che riporti il “tempo del gioco”, così che il bambino e...non solo...possa reagire con l’emozione e l’immaginazione, ed attraverso di esse e la parola, possa mandare dei messaggi al corpo e determinare dei cambiamenti fisici.
L’intervento di rendere il ricovero ospedaliero meno traumatico può avvenire, quindi, rubando un pizzico di buonumore e condividendo, con il bambino, le emozioni vissute, guardandolo “come individuo” nella sua unità.
Nasce così la gelotologia o comicoterapia o terapia del sorriso...tutti sinonimi di una disciplina che studia le proprietà benefiche del sorriso, del pensiero positivo e, quindi, la relazione tra il fenomeno del ridere e la salute.
Nasce così , dopo un lungo percorso formativo, all’interno di molti reparti ospedalieri, la figura di un dottore particolare che utilizza la risata come strumento per accelerare il processo di guarigione: “il clown dottore”.
Chi, meglio di un clown, può catalizzare le emozioni negative, trasformandole in energia positiva?!
Il clown è una figura ancestrale, un buffone, una figura transculturale che si perde nella notte dei tempi, che si trova in tutte le culture, che ha la capacità di ridere di sé, della proprie disgrazie, che non si lascia sopraffare dagli eventi della vita.
E’ l’aria fresca della vita che si dispone al centro “della pista” per far ridere della sua ignoranza e semplicità.
Il clown parte dal presupposto che nel gioco e attraverso di esso i bambini riproducono la realtà del mondo adulto, creando la loro realtà e gettano un ponte verso l’affascinante e a volte “pauroso” mondo che li circonda.
Per i bambini, infatti, il gioco è una preparazione-partecipazione alla vita reale, è una dimensione dove non bisogna dimostrare “a tutti i costi”, perché l’interessante è “esserci”.
Il gioco diverte, dà pace e buon umore, sia a chi guarda che a se stessi, crea complicità, disponibilità con altre persone, fa nascere una relazione.
Attraverso la relazione ci si può per gioco “calare” in una situazione di vita...di malattia, permettendo alla nostra umanità di esprimersi e, tutto questo senza forzare, favorendo “solo” la comunicazione, il passaggio delle emozioni, reinventando la realtà.
La risata è un ottimo antidoto a tristezza e depressione, perché, essendo lo spazio più breve tra due persone, crea un contatto, determina un vero e proprio massaggio interno, l’aumento di endorfine e, quindi, il rilassamento di tutto il corpo, favorendo la “guarigione”.
Perché ride.........un bambino in ospedale?!!!!....perchè, attraverso il clown, il bambino vede l’adulto straordinario in grado di viaggiare a piacimento nel mondo della fantasia....sente l’aria fresca della vita.
Il suo arrivo, per quanto “conosciuto”, è imprevisto, incontrollato, burrascoso, è senza regole!!!!!!!!.
Il clown dottore va visto, quindi, come una figura di sostegno e di aiuto concreto ai percorsi terapeutici, sia con i bambini che con gli adulti.
Il clown non è una persona ma uno stato d’animo attraverso il quale esplora “coscientemente” le sue debolezze, i suoi limiti e le sue contraddizioni...........trasformandoli in risata.
Attraverso il gioco cerca la complicità, il contatto, stimolando il bambino a liberarsi delle paure.
Certamente non può, per miracolo, fermare una tempesta, ma può donare “un ombrello” che aiuti ad avanzare meglio e a ritrovare la strada.
I clown dottori, nei reparti ospedalieri, con i loro camici colorati, ed attraverso il gioco aiutano a vincere, nei più piccoli, le paure per i dottori.....ad aprire uno spiraglio nella malattia, trasmettendo nel gioco la possibilità di continuare a mettere in gioco la propria capacità ad incontrarsi con gli altri............attraverso “un tempo di festa” in cui divertirsi insieme..... scambiandosi le esperienze.
Ed è talmente profondo questo incontro che, talvolta, non è richiesta “la risata”, ma “solo e soltanto” un po’ di compagnia.
Quella compagnia che, facendoti mettere da parte, sia pure per un “attimo”, il dolore, la solitudine..................... inviti alla speranza.

per informazioni:
clownzero_@libero.it




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl