Ecografia e perizie mediche

11/apr/2012 17.56.44 Società Ultrasonologia medica della Svizzera Ital Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato Stampa

Ecografia e perizie mediche

La notizia è di quelle che non possono non destare preoccupazione : a
Zurigo un medico è stato rinviato a giudizio con l’accusa di avere manipolato un rapporto medico di un collega, nell’
ambito di una perizia medica per la rendita di invalidità. A seguito di questa perizia alla paziente è stata negata la
rendita di invalidità. Fortunatamente il medico in prima istanza è stato prosciolto dall’accusa e l’accusa appare
quindi priva di fondamento. Nonostante ciò la vicenda merita una riflessione.
Siamo in tempi di crisi economica, con un’
assicurazione invalidità nelle cifre rosse e con un mercato del lavoro che fa fatica ad assorbire la disoccupazione in
particolare delle persone meno qualificate. La pressione da parte del paziente per accedere ad una rendita e dell’
assicurazione a limitare il numero di rendite forzatamente aumenta ed il medico che redige una deve valutare in modo
oggettivo la situazione clinica sulla base degli atti a propria disposizione. In questo contesto gli esami di
diagnostica per immagini rivestono un’importanza spesso centrale. L’esame Ultrasonografico in particolare dell’apparato
locomotore e vascolare è diventato l’esame di scelta per un crescente numero di indicazioni e patologie ed in questo
contesto rappresenta un documento oggettivo di grande valore anche giuridico. L’esame ecografico è però tra le tecniche
di diagnostica per immagini quella più operatore dipendente. In questo contesto vi è una crescente esigenza di eseguire
esami e stilare i referti secondo standard e protocolli validati. Non dimentichiamo tra l’altro che ormai più di 3000
medici in Svizzera sono attivi nelle reti di managed care e quindi inseriti in circoli di qualità più impegnativi di
quelli classici. La Società di Ultrasonologia Medica della Svizzera Italiana da anni è comunque particolarmente
attenta al problema della standardizzazione delle procedure, in particolare nell’ambito dell’aggiornamento in piccoli
gruppi secondo i criteri del programma tutor.
Dott. Guido Robotti, FMH Radiologia Medica, Past President e responsabile
aggiornamento Società di Ultrasonologia medica della Svizzera Italiana


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl