E' tempo di vera medicina, piuttosto che psichiatr ia

25/apr/2012 11.17.14 CCDU onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
E’ tempo di vera medicina, piuttosto che psichiatria

Western Morning News - 10 aprile 2012

Tolta tutta la retorica, ciò che gli psichiatri in realtà stanno facendo è ridefinire il cattivo comportamento come una malattia e drogare le persone su questa base.

Un nuovo studio suggerisce che un controverso "disturbo" psichiatrico possa venire scorrettamente diagnosticato in un'alta percentuale di casi. E il disordine più altamente redditizio è l’ADHD o Disordine da Deficit dell’Attenzione e Iperattività, per il quale si ritiene che che le diagnosi erronee possano ammontare a tre casi su quattro. Tuttavia, siccome l’esistenza dell’ADHD non è mai stata scientificamente dimostrata (l’esistenza dei disturbi psichiatrici non viene provata con metodi scientifici ma votata per alzata di mano da un’assemblea di psichiatri americani), sarebbe più esatto dire che quattro casi su quattro sono erroneamente diagnosticati.

L’ADHD è un parto della fantasia psichiatrica basato unicamente su una lista di comportamenti che potrebbero rientrare nella normalità di qualsiasi bambino, come "corre o si arrampica eccessivamente in situazioni non appropriate", "è spesso in movimento; agisce come se azionato da un motore; risponde; è facilmente distratto; perde matite o giocattoli; spesso non sembra ascoltare".
Ognuno di noi può avere un'opinione sul modo in cui i bambini si comportano, ma nessuno di noi pretende che le proprie opinioni siano un fatto scientifico. Gli psichiatri, invece, lo fanno. Nonostante l'assenza di prove scientifiche a sostegno dell’ADHD, la psichiatria via ha industriosamente costruito attorno un impero multimilionario, partendo da niente più che un mazzo di carte vuoto.  Stiamo parlando di centinaia di migliaia di Euro all’anno solo in Europa derivanti dalla vendita di farmaci rincitrullenti.

Gli psichiatri sostengono che i bambini e le persone etichettate hanno uno squilibrio chimico nel loro cervello, ma quest’affermazione non è mai stata scientificamente provata. Le truffe dell’ADHD e dello squilibrio chimico sono state accettate grazie ad una campagna di marketing a macchia d’olio, non grazie a prove scientifiche.
   
Tolta la retorica, quello che gli psichiatri in realtà stanno facendo è ridefinire il comportamento indesiderato come una malattia, e quindi drogare le persone. Il bambino o l’adolescente così drogati subiscono gli effetti di una pericolosa sostanza estranea nel loro corpo, che altera la loro mente. L'enfasi deve essere messa su test medici efficaci e su trattamenti che trovino le effettive condizioni fisiche non diagnosticate che si manifestano come la cosiddetta malattia mentale.

È il momento di praticare la medicina reale, piuttosto che la psichiatria.

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani raccomanda di informarsi attentamente, di non accettare facili diagnosi psichiatriche sia per se stessi che per i propri figli, ma richiedere accurate analisi mediche e richiedere l'applicazione del consenso informato secondo il Codice di Deontologia Medica art. 33, 34 e 35.

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani onlus
Email info@ccdu.org
www.ccdu.org


http://www.thisiscornwall.co.uk/Time-Real-medicine-Psychiatry/Story-15772097-detail/Story.html
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl