SCUOLA, MINISTRA GIANNINI "ROTTAMA" STRATEGIA UNAR. LE ASSOCIAZIONI LGBT CHIEDONO UN INCONTRO URGENTE

04/apr/2014 15.17.42 Arcigay Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
SCUOLA, MINISTRA GIANNINI "ROTTAMA"  STRATEGIA UNAR. LE ASSOCIAZIONI LGBT CHIEDONO UN INCONTRO URGENTE
Bologna, 4 aprile 2014 - Si ripetono ormai sempre più frequenti i segnali di una battuta d'arresto totale del governo Renzi sul tema  della lotta alle discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. Una paralisi che diventa addirittura una retromarcia se si restringe lo sguardo all'istruzione, uno dei quattro assi di intervento definiti dalla Strategia Nazionale per la prevenzione ed il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere, predisposta e coordinata dall’UNAR.  È infatti di pochi giorni fa la notizia del ritiro da parte della ministra Giannini del materiale formativo "Educare alla diversità", commissionato da Unar all'istituto Beck e destinato agli insegnanti. Un atto di censura che, inquadrato nell'evolversi del dibattito sul tema , pare raccogliere il perentorio ordine del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della CEI, e realizzare pedissequamente gli auspici della metodica campagna mistificatrice portata avanti per settimane dal giornale dei vescovi.  Una corrispondenza grave e assolutamente inaccettabile, ma soprattutto un fatto tutt'altro che isolato: appena pochi giorni prima, infatti, la deputata PD Michela Marzano interrogava il governo circa la cancellazione delle giornate di formazione messe in programma da UNAR nell'ambito del medesimo asse di intervento. Insomma, ancora un'azione formativa sulle discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere cancellata immotivatamente.  Tutto questo mentre il premier Renzi visita scuole di ogni grado in tutto il territorio nazionale, sottolineando la volontà politica di un'attenzione particolare all'ambito educativo. Nei fatti, però, questa attenzione si traduce nella progressiva rottamazione di tutto il lavoro svolto, in ambito scolastico, sul tema della lotta alle discriminazioni, e soprattutto tradisce le attese di quella maggioranza di italiane e di italiani che all'ultima chiamata alle urne ha determinato la vittoria della coalizione di centrosinistra, premiando una proposta politica di segno opposto a quella che oggi vediamo realizzata. Questo paradosso rende urgente e inderogabile per noi la necessità di un chiarimento. Pertanto abbiamo protocollato la richiesta di un incontro urgente con la ministra Giannini, affinché ci dia spiegazioni su questi atti di censura e fornisca con precisione tempi e modalità di realizzazione degli interventi previsti nell'asse istruzione della strategia Unar. Ricordiamo inoltre al governo che l'impegno dell’Italia nel contrasto alle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere è dovuto anche a seguito dell’adesione al progetto sperimentale proposto dal Consiglio d’Europa per l’attuazione e l’implementazione della Raccomandazione del Comitato dei Ministri CM/REC (2010) 5 che viene costantemente monitorata dallo stesso Consiglio. Le larghe intese dunque non possono diventare l'altare su cui vengono sacrificati gli indirizzi indicati dal l'elettorato attraverso il voto e oggi spudoratamente traditi dalla sconsiderata retromarcia del governo Renzi. Un testacoda folle, che travolge un ambito che richiederebbe attenzioni e tutele particolari, e che rende le buone pratiche messe in campo nei territori prede di veri e propri attacchi squadristi.

Arcigay - Flavio Romani
Arcilesbica - Paola Brandolini
Famiglie Arcobaleno - Giuseppina La Delfa
Mit - Porpora Marcasciano
Associazione radicale Certi Diritti - Yuri Guaiana
Equality - Aurelio Mancuso


--
Ufficio stampa Arcigay - Vincenzo Branà (348.6839779)

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl