Sparatoria a Fort Hood - Un altro massacro collegato agli antidepressivi

08/apr/2014 16.38.15 CCDU Onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
                                                                                                 Aprile, 2014

 

Con la tragica sparatoria di Fort Hood, che ha causato la morte di tre soldati, il ferimento di 16 persone e si è conclusa col suicidio del killer, si allunga la catena di episodi di violenza di massa collegata all'uso di antidepressivi o altri psicofarmaci.

 

Secondo il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU - un'associazione attiva contro le violazioni in ambito salute mentale) questo incidente, come gli altri che lo precedono, è un campanello d'allarme sui pericoli di antidepressivi, antipsicotici e ansiolitici: l'insieme di queste tre categorie di psicofarmaci ha collezionato finora ben 22 avvisi, da parte di varie agenzie di vigilanza del farmaco a livello internazionale, perché causano comportamento violento e persino omicida.

 

Secondo quanto riportato dal New York Times, Ivan Lopez, il killer di Fort Hood, era in cura con un mix di Ambien (un sonnifero) e altri farmaci ansiolitici e antidepressivi; e 'uso di questi ultimi è stato confermato anche da CNN. In maniera tragicamente simile, Aaron Alexis, il killer che lo scorso settembre aveva ucciso 12 persone alla Base Navale di Washington prima di essere a sua volta colpito dalla polizia, era in cura con l'antidepressivo Trazadone.

 

Queste  sparatorie in ambiente militare riportano alla memoria i tanti episodi simili avvenuti in varie scuole americane: secondo molte fonti, il 90% dei killer assumeva antidepressivi. Preoccupato per gli effetti causati dagli psicofarmaci sui soldati USA, il parlamentare Jeff Miller, Presidente della Commissione sui Veterani di Guerra alla Camera, ha riferito a una stazione radio di Washington: "uno dei farmaci che il soldato Alexis assumeva effettivamente può causare effetti negativi potenzialmente attinenti col problema". Presto una commissione parlamentare si occuperà di suicidi e salute mentale tra i veterani, incluso la prescrizione di psicofarmaci a soldati.

 

Il CCDU mette in guardia contro i pericoli dell'uso di psicofarmaci da parte delle Forze Armate. Nel documentario presentato l'anno scorso "il nemico nascosto" il CCDU, per la prima volta, ha denunciato l'ampiezza del fenomeno e i suoi terribili risultati (spezzoni e diritti di messa in onda sono disponibili pubblicamente, col permesso del CCDU). Il documentario mostra i militari in servizio in tutto il mondo, usati come cavie in devastanti esperimenti psichiatrici, e include interviste a esperti militari, personale delle forze armate, specialisti di salute mentale nonché i familiari di alcune vittime.  Tra le rivelazioni del documentario troviamo:

 

Il Ministero della Difesa USA spende 2 miliardi di dollari all'anno solo per la salute mentale, e moltiplicato per sette la prescrizione di psicofarmaci tra il 2005 e il 2011.

 

Dal 2002 il tasso di suicidi nelle Forze Armate USA è quasi raddoppiato. Dal 2010 al 2012 i soldati morti per suicidio sono stati più di quelli deceduti a causa d'incidenti stradali, cardiopatia, cancro e omicidio.

 

La FDA (Food and Drug Administration – l'agenzia di vigilanza farmacologica USA) ha rivelato di avere ricevuto tra il 2004 e il 2012 ben 14.773 rapporti riguardanti l'insorgere di violenza a causa di psicofarmaci, incluso 1.531 casi di omicidio o idee omicide, 3.287 casi di mania e 8.219 casi di aggressione.

 

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani onlus

Email info@ccdu.org

www.ccdu.org

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl