Telefono Antiplagio news: Cristicchi pazzia possessione

Telefono Antiplagio news: Cristicchi pazzia possessione TELEFONO ANTIPLAGIO 338.8385999 Comunicato-stampa La canzone vincitrice del Festival di Sanremo "Ti regalerò una rosa" di Simone Cristicchi, dedicata ai malati mentali, e l'uscita dal coma del piccolo Daniel, ferito dalla mamma il 18 febbraio scorso perché, secondo la donna, "era posseduto dal diavolo" sollevano un problema che la nostra società mediatica, insieme a qualche imprudente esorcista, trattano con leggerezza o non affrontano come dovrebbero.

05/mar/2007 00.10.00 antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
TELEFONO ANTIPLAGIO 338.8385999
Comunicato-stampa
La canzone vincitrice del Festival di Sanremo "Ti regalerò una rosa"
di Simone Cristicchi, dedicata ai malati mentali, e l'uscita dal coma
del piccolo Daniel, ferito dalla mamma il 18 febbraio scorso perché,
secondo la donna, "era posseduto dal diavolo" sollevano un problema che
la nostra società mediatica, insieme a qualche imprudente esorcista,
trattano con leggerezza o non affrontano come dovrebbero.
Nel brano-denuncia di Cristicchi si legge: "Mi chiamo Antonio e sono
matto, sono nato nel '54 e vivo qui da quando ero bambino, credevo di
parlare col demonio, così mi hanno chiuso quarant'anni dentro a un
manicomio".
E' evidente che in entrambi i casi la possessione non riguarda i
bambini, ma gli adulti, "posseduti" dalla loro mancanza di
sensibilità, dalla loro protervia, dal loro ego.
Quante volte abbiamo sentito esperti e studiosi di varia estrazione
culturale e religiosa avvalorare forme di demonismo che hanno confuso e
terrorizzato i credenti?
Quante volte rinomati esorcisti hanno affermato, senza alcun
fondamento teologico né biblico, che chi frequenta i maghi è più
esposto alle possessioni diaboliche?
Quante volte, perfino nei processi, abbiamo saputo di avvocati che
chiedono l'intervento dell'esorcista per salvare i loro clienti?
Quante volte i "media" sono andati dietro a queste notizie, senza
domandarsi il perché di tanta genericità?
Telefono Antiplagio plaude a denunce come quella di Simone Cristicchi,
che sollevano un problema serio, prendendolo per il verso giusto, ma
allo stesso tempo stigmatizza la faciloneria o l'inerzia di chi
preferisce vedere il diavolo dappertutto, anziché fare la fatica di
aiutare le persone a capire e a guarire.
La possessione diabolica, nei termini in cui ci viene propinata, è una
forma di deresponsabilizzazione del posseduto, in quanto le sue azioni
sono, in realtà, opera del possessore, ovvero dal demonio. Di
conseguenza il diavolo libererebbe da ogni responsabilità le sue
vittime, aiutandole a salvarsi, il che è una contraddizione. A maggior
ragione, nei bambini la possessione non ha motivo di esistere.
Se dobbiamo aspettare un fatto di cronaca o una canzone per affrontare
il problema, come possiamo sperare che i malati di mente non vengano
più considerati posseduti e che i bambini vivano serenamente la loro
età, senza inutili paure?
Coloro che parlano della possessione diabolica con superficialità
danno il lasciapassare a sedicenti maghi ed improbabili carismatici, il
cui unico fine è quello di spaventare e strumentalizzare le persone
deboli e indifese e manipolarle a loro uso e consumo.
Telefono Antiplagio 338.8385999
Prof. Giovanni Panunzio, ins. di religione
(fondatore e coord. naz.)


Naviga e telefona senza limiti con Tiscali
Scopri le promozioni Tiscali adsl: navighi e telefoni senza canone Telecom

http://abbonati.tiscali.it/adsl/

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl