TELEFONO ANTIPLAGIO aderisce allo sciopero delle lotterie

28/ago/2007 02.05.00 antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
TELEFONO ANTIPLAGIO ADERISCE ALLO SCIOPERO DELLE LOTTERIE
Dopo le dichiarazioni di Umberto Bossi e la promozione della campagna
''Io non gioco piu'', Telefono Antiplagio annuncia il suo appoggio
all'astensione dal gioco d'azzardo. In un Paese civile, infatti, non
dovrebbe essere consentita, ne' stimolata con la pubblicita', una forma
di dipendenza tra le piu' pericolose che comprende anche il lotto
istantaneo, equiparato al lotto tradizionale, ma con un montepremi
prestabilito. Tanto piu' che in Italia, insieme alle lotterie,
proliferano venditori di numeri del lotto che utilizzano costosissimi
numeri di telefono per dare i numeri, con il beneplacito del
Parlamento e delle Authority. Lo sciopero delle lotterie potrebbe
servire non solo a versare meno tasse alla Stato, ma anche a
sollecitare la classe politica ad affrontare il problema sociale delle
truffe e del gioco compulsivo che si palesa soprattutto con il ''gratta
e vinci''.
Sono almeno un migliaio gli 899 e 892 dei ''lottologi'' che ogni
giorno, 24 ore su 24, incassano, attraverso la bolletta del telefono,
da 1 a 2 milioni di euro, per un totale di circa 500 milioni all'anno.
E' di questi giorni la notizia che arrivano sms pubblicitari che
invitano a comporre 899030539, il cui costo e' 15 euro fin dallo scatto
alla risposta.
Sono 25 milioni gli italiani che giocano o scommettono una volta
all'anno, ovvero il 40% della popolazione. Sono 9,5 milioni invece,
pari al 15%, gli scommettitori che giocano ogni settimana. Al primo
posto c'e' il Superenalotto con 16.340.000 italiani che puntano almeno
una volta all'anno. Seguono: il Lotto con 14.990.000 di scommettitori,
il Gratta e Vinci (8.820.000), le Lotterie (7.230.000), il Totocalcio
(con 6.940.000), il Totogol (2.510.000), il Bingo (1.880.000), il Totip
(720.000) e la Tris (670.000). Si tratta di una raccolta cospicua, che
per il 2007 si attestera' intorno ai 40 miliardi di euro. Notevole e'
anche il bacino degli operatori interessati: si va dagli 80.000
esercizi Fipe ai 50.000 tabaccai della Fit, dalle 18.000
Totoricevitorie ai 1.600 concessionari dell'Aams, dai 1.570 negozi per
scommesse di sport e ippiche alle 310 sale Bingo.
Al Ministero dell'Economia e delle Finanze, che si ritroverebbe senza
l'introito delle giocate, Telefono Antiplagio consiglia di recuperare
le somme perse provvedendo a far stampare direttamente dalla zecca di
Stato le banconote da 5, 10, 20, 50, 100, 200 e 500 euro, anziche'
dalla Banca d'Italia, che poi inspiegabilmente le cede in prestito allo
Stato italiano per il loro valore nominale piu' interessi.
Ufficio Stampa Telefono Antiplagio 3388385999
www.antiplagio.org



____________________________________________________________
Tiscali.Fax: registra gratis il tuo numero personale. Ricevi gratis sulla tua casella di posta e invii dal web.

http://fax.tiscali.it//

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl