CONFERENZA STAMPA Sala dell’Arazzo in Campidoglio ore 11, Roma 1 Febbraio 2008 Kash & Shabana, tra Roma e Kabul

CONFERENZA STAMPA Sala dell'Arazzo in Campidoglio ore 11, Roma 1 Febbraio 2008 Kash & Shabana, tra Roma e Kabul CONFERENZA STAMPA Sala dell'Arazzo in Campidoglio ore 11, Roma 1 Febbraio 2008 Kash & Shabana, tra Roma e Kabul Il 30 Gennaio 2008 un aereo Militare Italiano, con a bordo una bambina di appena 4 anni, decollerà dalla capitale Afghana per raggiungere l'aeroporto di Ciampino.

18/gen/2008 04.00.00 KASH GTorsello Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CONFERENZA STAMPA
Sala dell’Arazzo in Campidoglio ore 11, Roma 1 Febbraio 2008
Kash & Shabana, tra Roma e Kabul

Il 30 Gennaio 2008 un aereo Militare Italiano, con a bordo una bambina di appena 4 anni, decollerà dalla capitale Afghana per raggiungere l’aeroporto di Ciampino.
La giovane passeggera è Shabana, una bimba di Kabul che a nove mesi di età ha subìto un delicato intervento chirurgico al Maiwand Hospital di Kabul da Medici Afghani.
Durante e dopo l’intervento il Caso e’ stato seguito oltre che dai medici di Kabul anche dai loro colleghi Europei per meglio identificare e curare il male che affligge Shabana (colpisce circa il 10% di adolescenti). Nel settembre del 2007 la giovane Afghana è stata visitata a Kabul dal Presidente di Smile Train Italia Onlus, Dott. Fabio Abenavoli, il quale ha avviato le pratiche per il ricovero ospedaliero presso il Fatebenefratelli San Pietro di Roma con il fine di procedere al secondo intervento chirurgico questa volta presso una clinica occidentale.

Shabana , al suo arrivo in Italia, sarà accolta da una equipe medica e da una delegazione Istituzionale. Il primo di Febbraio sarà presente, insieme al padre Janat Ghul, alla Conferenza Stampa presso la Sala dell’Arazzo in Campidoglio e successivamente ricoverata al Fatebenefratelli. Tre giorni dopo la bambina sarà sottoposta ad intervento di chirurgia plastica a cura del Dott. Fabio Abenavoli.
Il periodo di convalescenza sarà trascorso nel Salento, in provincia di Lecce, presso la Fondazione Daniela e Paola, la casa famiglia per bambini sorta in memoria delle due sorelle di Casarano scomparse in un tragico attentato terroristico nel luglio 2005 a Sharm El Sheik.

L’intera vicenda di Shabana, compreso il primo intervento a Kabul nel 2005, è una iniziativa di Kash Gabriele Torsello, Ivan e Paride De Masi di Italgest. Si ringraziano per la collaborazione: l’Ambasciata d’Italia a Kabul, Smile Train Italia Onlus, Kabul Maiwand Hospital RSU (MRCA), Ospedale Fatebenefratelli San Pietro, Special Olympics Afghanistan, Fondazione Daniela e Paola, Provincia di Lecce e tutti i cittadini Afghani ed Europei che non hanno voluto far mancare il proprio apporto all’iniziativa.

Il caso Shabana rappresenta la seconda fase del progetto Staramascé Salento Negroamaro 2007 una iniziativa nata in collaborazione tra il fotoreporter Salentino sequestrato in Afghanistan nel 2006 - Gabriele Torsello - e la Provincia di Lecce. Il caso Shabana darà inizio ad una serie di collaborazioni dirette tra Ospedali Italiani e Afghani attraverso scambi Culturali e Materiali tra Medici e Pazienti. L’obiettivo sara’ di permettere ai Medici Afghani di operare tanti casi ‘Shabana’ direttamente in Afghanistan, Insha'Allah - Se Dio Vuole




KASH Gabriele Torsello

ITALIA  +39 392 1463082  
UK +44 7958 965676  





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl