Telefono Antiplagio reagisce alle denunce di Striscia la notizia. E Striscia attacca l'Antiplagio con un video taroccato su youtube.

Processo a maggio Accuse a Striscia, rinviato a giudizio Telefono antiplagio Non accenna a placarsi la guerra che da anni contrappone l'associazione cagliaritana Telefono antiplagio con Striscia la notizia, la trasmissione televisiva satirica di Antonio Ricci.

20/feb/2008 23.30.00 antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
L'UNIONE SARDA 20/02/08 - Cronaca di Cagliari
Gup. Processo a maggio
Accuse a Striscia, rinviato a giudizio Telefono antiplagio
Non accenna a placarsi la guerra che da anni contrappone
l'associazione cagliaritana Telefono antiplagio con Striscia la
notizia, la trasmissione televisiva satirica di Antonio Ricci.
L'ennesimo capitolo si e' consumato ieri mattina con la decisione del
Gup Roberta Malavasi di rinviare a giudizio per diffamazione Giovanni
Panunzio e Alfredo Barrago, rispettivamente fondatore e presidente
dell'associazione che da anni cerca di smascherare maghi e ciarlatani
che abusano dell'ingenuita' e della credulita' popolare. Al termine
dell'udienza a porte chiuse, il Gup ha accolto la richiesta del pm
Liliana Ledda che ha svolto le indagini dopo la querela presentata da
Rti. Il prossimo 12 maggio, dunque, Panunzio e Barrago compariranno
davanti al giudice monocratico. L'accusa e' quella di ''aver offeso
l'onore e la reputazione di RTI spa, asserendo in un comunicato del 22
settembre 2002 che il programma Striscia la Notizia fosse oggetto di
numerose segnalazioni da parte di telespettatori, tanto che il Telefono
Antiplagio aveva deciso di istituire un Osservatorio-Garante
al fine di vigilare, tra le altre, anche su detta trasmissione''. A
innescare la querela per diffamazione sarebbe stata l'affermazione
ritenuta falsa dai legali della Rti che ''Striscia la notizia fosse
stata condannata dall'Antitrust per pubblicita' ingannevole (in
relazione ad una pubblicita' sui fiori di Bach) proprio a seguito di
una denuncia di Telefono Antiplagio''. Nell'attesa che il Tribunale
accerti come stanno le cose, ieri pomeriggio il fondatore
dell'associazione anti-maghi e' intervenuto sul suo rinvio a giudizio.
''Si tratta dell'ennesimo capitolo di una persecuzione di Antonio Ricci
nei confronti di Telefono Antiplagio - attacca Panunzio -. Striscia la
notizia usa due pesi e due misure. Nel 2001, infatti, mentre stroncava
i prodotti miracolosi di Wanna Marchi, ospitava telepromozioni di
sostanze con gli stessi poter mirabolanti. E oggi da una parte attacca
maghi e ciarlatani, dall'altra fa finta di non vedere quelli
pubblicizzati su Mediavideo in 230 pagine''. E la replica di Striscia
non si e' fatta attendere. ''Su Youtube - taglia corto un comunicato
dell'ufficio stampa - e' on line un video in cui si puo' vedere il
presidente dell'Antiplagio mentre sponsorizza l'attivita' dei maghi''.
Il filmato riprende una vecchia trasmissione televisiva di meta' anni
Ottanta dove Barrago e Panunzio parlavano con un presunto mago. (f.p.)

LA REPLICA DI TELEFONO ANTIPLAGIO A STRISCIA LA NOTIZIA
Striscia la notizia, rispondendo a Telefono Antiplagio che accusa il
tg umoristico di non citare, nella sua campagna contro i ciarlatani, le
aziende della famiglia Berlusconi che fanno pubblicita' ai maghi,
scrive:
''E' on line un video su youtube che illumina l'attivita' del Telefono
Antiplagio in cui si può vedere il presidente del Telefono Antiplagio
mentre sponsorizza l'attivita' dei maghi''.
Il filmato in questione in realta' e' un video taroccato del 1985, con
evidenti ''taglia e cuci''. Nel filmato originale i futuri responsabili
di Telefono Antiplagio, Giovanni Panunzio e Alfredo Barrago,
intervistano e deridono un sedicente mago in una tv locale, ma nello
spezzone di 40 secondi pubblicato su youtube e strumentalizzato da
Striscia sono riportate poche parole alla rinfusa. Il video si chiude
con il montaggio di un'inserzione pubblicitaria cartacea del 2001 del
ciarlatano intervistato, inserzione che all'epoca non esisteva e
ovviamente non poteva essere contenuta in una trasmissione di molti
anni prima. Se Antonio Ricci, con questo ''scoop'', ha pensato di
mettere sullo stesso piano le battaglie condizionate di Striscia contro
i maghi e quelle incondizionate che dal 1994 conduce Telefono
Antiplagio, ha preso una cantonata grande quanto la sua prosopopea.
Telefono Antiplagio si rifiuta di pensare che Striscia la notizia,
paladina dell'anti-tarocco, abbia organizzato il tarocco su youtube. In
ogni caso ha conferito mandato ai suoi legali affinche' l'ignoto
firmatario dell'ufficio stampa di Striscia la notizia illumini la
Procura della Repubblica su quanto ha scritto, sfruttando un filmato
manipolato senza verificare la fonte.



________________________________________________________________
Tiscali Voce 8 Mega: attiva la promozione entro il 21/02/08, in esclusiva TELEFONO+ADSL a soli 4,95 Euro al mese!
http://abbonati.tiscali.it/promo/mail/

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl