Telefono Antiplagio news: Berlusconi offende i cristiani, appello alle autorita' religiose

Non e' la prima volta infatti che Silvio Berlusconi utilizza le parole di Gesu' Cristo e dei testi sacri per fare propaganda politica.

10/apr/2008 05.00.00 antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
TELEFONO ANTIPLAGIO 338.8385999
Comitato italiano di volontariato in difesa delle vittime di
ciarlatani e santoni e contro gli abusi nelle telecomunicazioni e nei
confronti di minori (dal 1994)

Dopo le ennesime affermazioni di Silvio Berlusconi al comizio di
Cagliari del 7/4/08, di fronte al santuario della Madonna di Bonaria:
''Vi vorrei nominare difensori, apostoli della verita', andate,
predicate e convertite le genti'', Telefono Antiplagio rivolge un
appello alla Chiesa cattolica ed a tutte le confessioni ortodosse e
protestanti in Italia affinche' prendano una posizione netta e chiara
sulle espressioni irriverenti e offensive del sentimento religioso
degli italiani e di tutta la cristianita' usate dal leader del PDL per
fini elettorali o per ''boutades'' di cattivo gusto. Non e' la prima
volta infatti che Silvio Berlusconi utilizza le parole di Gesu' Cristo
e dei testi sacri per fare propaganda politica.
Gia' nel 1994, alla sua prima elezione, affermava: ''Chi e' scelto
dalla gente e' come unto dal Signore'' (Repubblica). In seguito
aggiungeva: ''Voi dovete diventare dei missionari, anzi degli apostoli,
vi spieghero' il Vangelo di Forza Italia, il Vangelo secondo Silvio''
(Messaggero). ''Io sono il Gesu' Cristo della politica, una vittima,
paziente, sopporto tutto, mi sacrifico per tutti'' (ANSA). ''Per don
Giussani ero l'uomo della provvidenza'' (Repubblica). ''Non ho mai
registrato tanto entusiasmo nei miei confronti negli ultimi 14 anni, al
punto che mi sono venute le stigmate'' (Corriere della Sera).
''Allontana da me questo calice'' (AGI). ''La croce che dovro' portare
non e' mai stata cosi' pesante'' (Repubblica).
E' inverosimile che dal 1994 ad oggi, in Italia, nessun esponente di
primo piano, cattolico, ortodosso o protestante abbia preso
ufficialmente le distanze dalle affermazioni del cavalier Berlusconi o
abbia biasimato le sue espressioni e le sue battute di spirito, cosi'
povere di spirito. Se le nostre origini cristiane, i nostri valori sono
regolarmente dimenticati o messi in discussione, com'e' possibile
accettare che un leader politico strumentalizzi o derida le stesse
origini e gli stessi valori per i quali, da Gesu' Cristo in poi, molti
uomini hanno speso e perso la vita? Come si puo' confidare in un
riconoscimento, in una difesa di quelle origini e di quei valori da
parte di chi non fa altro che scimmiottarli? Se le stesse affermazioni
fossero state fatte da un cabarettista, da un cantante rock o da un
ciarlatano, quanti cristiani sarebbero balzati sulla sedia? Quanti
sacerdoti, quanti metropoliti, quanti pastori si sarebbero stracciate
le vesti? E quanti editori le avrebbero censurate? Quanti giornalisti
bigotti avrebbero risposto con articoli di fuoco?
E' inaccettabile per un credente, ma anche per un ateo, che la Bibbia
venga usurpata e dileggiata per interessi di potere, senza che nessuno
faccia niente per preservarla, senza che nessuno ribadisca che
l'autentico messianismo cristiano e' diametralmente opposto
all'ipocrita messianismo politico. Che messaggio, che esempio diamo ai
veri cristiani e alle nuove generazioni, quando non siamo in grado di
disapprovare chi banalizza e mortifica cio' che i nostri genitori, i
nostri nonni e i nostri padri spirituali ci hanno insegnato ad amare?
Telefono Antiplagio auspica che tutte le autorita' religiose cristiane
in Italia accolgano questo appello e ricordino a Silvio Berlusconi come
servirsi delle citazioni, richiamando alla sua mente la distinzione
fatta da Gesu' Cristo a proposito di denaro e tasse: ''Rendete a Cesare
quel che e' di Cesare, a Dio quel che e' di Dio''. Cio' che appartiene
a Dio e' il Vangelo, che gli puo' essere restituito solo mettendolo in
pratica, accogliendone la logica e i contenuti: fare giustizia ai
poveri e ad ogni uomo; farsi prossimi e solidali come il buon
samaritano; promuovere l’eguaglianza; trasformare gli arsenali in
strumenti di pace. Chi governa non sa neanche cosa vuol dire.

Per Telefono Antiplagio
Prof. Giovanni Panunzio, insegnante di religione
Fondatore e coord. naz.
www.antiplagio.org



_____________________________________________________

VOCE FREE: stacca Telecom, paghi SOLO 9,90 EURO al mese e chiami a 0 cent al minuto!
http://abbonati.tiscali.it/promo/voceaconsumo_0904/

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl