Bambini iperattivi - L'appello per il No ai questionari nelle scuole

15/set/2008 02.07.09 CCDU onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Prosegue l'iniziativa di sottoscrizione dell'appello per prevenire che i bambini siano etichettati nelle scuole di tutta Italia, attraverso questionari psicopatologici, con il rischio di essere conseguentemente sottoposti a trattamenti a base di psicofarmaci. Gli appelli sottoscritti verranno quindi inoltrati al Ministro della Salute e per conoscenza al Presidente del Senato, al Presidente e all'Assessore alla Salute della Regione Lombardia.



Sabato 13 settembre dalle 15.30 alle 18.00 a Milano in Piazza San Babila, organizzata dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU), prosegue la campagna di informazione e prevenzione al rilevamento di bambini definiti con "disturbi mentali" nelle strutture scolastiche con la distribuzione di materiale informativo ai cittadini e la sottoscrizione dell'appello.



Il disturbo mentale maggiormente sotto accusa e il Disturbo da Deficit dell'Attenzione e Iperattivita (ADHD), del quale proprio nei giorni scorsi si e sentito parlare per un'inchiesta della Procura di Bologna per accertare se un'associazione, che teneva conferenze sull'ADHD nelle scuole, promuovesse anche il Ritalin, uno degli psicofarmaci impiegati nel trattamento.



E' proprio quest'ultimo aspetto che fa sorgere molti dubbi sulla veridicita di questa patologia, dato che le cifre del mercato dei farmaci legate alla sua diagnosi sono da capogiro, ad un ritmo di crescita vertiginoso.



La polemica sull'ADHD e in corso negli Stati Uniti gia da alcuni anni, dopo che lo spropositato aumento delle diagnosi ha portato a milioni di bambini in trattamento farmacologico e persino decessi. Negli USA si sono ritrovati a dover rimediare ad una situazione che annovera gia dei bambini defunti, pertanto nel 2006 Numerosi casi di morte ed invalidita hanno portato all'approvazione di trentanove provvedimenti restrittivi in venticinque stati americani e di due leggi federali fortemente limitative in materia. Ventisei di questi provvedimenti sono stati deliberati nel 2003.



La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo, approvata il 20 novembre 1989, all'articolo 33 precisa che i bambini devono essere protetti dall'uso illecito di sostanze psicotrope.



Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, invita la popolazione a sottoscrivere l'appello al fine di sollecitare degli interventi che tutelano i bambini dai rischi di abusi.



Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus

Tel. 02 36510685

ccdu.milano@gmail.com

www.ccdu.org







blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl