VOLETE CHE LA SCUOLA DEI VOSTRI FIGLI SIA UN LUOGO DI ISTRUZIONE ED EDUCAZIONE?

01/ott/2008 11.04.57 CCDU onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Creato il primo vademecum per aiutare i genitori a salvaguardare i loro diritti e quelli dei propri figli nella scuola.

Molti genitori si sono messi in contatto con il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, preoccupati delle iniziative psicologiche e psichiatriche organizzate all'interno delle scuole; persino nelle scuole materne.

Abbiamo pertanto creato un vademecum atto ad informare coloro che ritengono che la scuola debba rimanere un luogo di insegnamento e per  proteggere i bambini e le loro famiglie dalla possibilità di abusi nelle scuole generati da test psicopatologici, false etichette di malattia mentale e possibile conseguente somministrazione di psicofarmaci.

La maggior parte dei genitori non sa che in base a questi test il bambino potrebbe essere classificato come "malato mentale". Inoltre, nonostante tutte le promesse di approccio multimodale, spesso si inducono i genitori ad accettare la terapia farmacologica senza una giusta enfasi sugli effetti collaterali. E non si dovrebbe neppure trascurare il potenziale danno psicologico sofferto da un bambino etichettato erroneamente come "malato mentale".  Per evitare tutto questo a volte è sufficiente conoscere i propri diritti di genitore nei confronti dei propri figli all'interno della scuola, impedendo errori grossolani.

Alcuni psichiatri e psicologi stanno cercando di convincere gli insegnanti e i genitori che i problemi scolastici sono "malattie mentali" da curare e che il problema può essere risolto in base a un approccio medico, seguendo il modello americano che ha portato a milioni di bambini sottoposti a cure farmacologiche, con aumento dei casi di suicidio e infarto riconducibili all'uso di psicofarmaci.

Invitiamo pertanto i genitori ad informarsi scrupolosamente su queste proposte ed a monitorare le attività didattiche per scoprire se tali iniziative vengono fatte sui propri figli.

Il Piemonte e il Trentino sono le prime due regioni italiane che hanno approvato una legge che pone il divieto assoluto dei test psicologici nelle scuole; ora questa legge è approdata in Parlamento. Per poter crescere felici, i bambini devono essere responsabili delle loro azioni senza dipendere da cure psicologiche o psicofarmaci per essere dei "bravi bambini".

Per trovare il vademecum basta visitare il sito www.ccdu.org  e per ulteriori informazioni, la sezione "pubblicazioni > opuscoli > danneggiare i giovani", oppure il sito www.perchenonaccada.org, campagna volta ad informare sull'ADHD, condotta da varie associazioni no profit tra cui anche la nostra.

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani - Onlus
Per informazioni:
Tel.: 02-36510685
E-mail: ccdu.milano@ccdu.org

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl