PSICHIATRIA: SCIENZA O SISTEMA DI CONTROLLO SOCIALE?

12/dic/2008 16.42.42 CCDU onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Siamo stati i primi e non saremo gli ultimi ad avanzare questo dubbio. Dall'Australia alla Cina,  dall'America all'Italia, le notizie che corrono sui giornali mostrano sempre  più il vero volto della psichiatria.

Che cosa accomuna la somministrazione di antidepressivi a bambini sotto il primo anno di età in Australia, all'uso della psichiatria come sistema per far sparire persone scomode in Cina, alle stragi commesse da ragazzi sotto l'effetto di psicofarmaci in varie scuole d'America, alle drammatiche statistiche che regolarmente vengono elargite dai media sul peggioramento della Salute Mentale in Italia? Che dire poi dei delitti della follia che nella stragrande maggioranza dei casi sono commessi da persone sotto l'effetto di psicofarmaci? Vedi per esempio la donna che ha ucciso la figlioletta di due settimane mentre era in cura per la "sindrome post partum"?

Tutti questi fatti sembrano confermare, una volta di più, l'incapacità della psichiatria ad aiutare coloro che hanno un disagio mentale di qualsiasi tipo.

Gli stessi episodi potrebbero però dare adito ad un'altra chiave di lettura. Molti lo hanno già scritto, molti ne parlano, l'idea aleggia nell'aria,  ma nonostante l'immobilismo delle istituzioni e dei legislatori è impressionante, come questa cosa appaia evidente.

La psichiatria e i suoi trattamenti sono la causa diretta del peggioramento della Salute mentale.

Ad uno psichiatra tempo fa (testimonianza registrata) fu chiesto: "Qual è l'alternativa alla psichiatria?", la sua risposta è stata più illuminante di cento libri eruditi: "Esiste un'alternativa allo stupro?". 

Non possiamo aspettarci nessuna autocritica da parte delle associazioni ufficiali della psichiatria. Non ho mai sentito le varie associazioni psichiatriche italiane e internazionali prendere una posizione in merito a queste notizie a livello internazionale. Questa la dice lunga sulla loro silenziosa complicità.

Perché se in Cina, come in Russia e in altri paesi inclusa l'Italia, questa disciplina si presta a far sparire le persone con giustificazioni "terapeutiche", e in Australia vengono dati antidepressivi a bambini in fasce, la WPA (associazione mondiale di psichiatria) non dice nulla, come anche  le associazioni nazionali?

Ci chiediamo: perché il presidente della WPA,  l'italiano Dott. Mario May,  pone come obiettivo numero uno della strategia 2008-2011 dell'associazione il miglioramento della loro immagine e non fa nessuna menzione di azioni contro l'enorme numero di abusi perpetrati da moltissimi psichiatri in nome della Salute Mentale? Perché si accetta senza fiatare il fatto che il 56% dei membri della commissione che elabora il DSM (manuale diagnostico e statistico, la bibbia psichiatrica) sono sul libro paga delle società farmaceutiche che producono gli psicofarmaci che poi vengono allegramente prescritti anche a bambini con meno di un anno di età?

E ancora ci domandiamo cosa dicono i consulenti psichiatrici ai Ministri della Salute per convincerli della necessità di aumentare i finanziamenti nonostante l'evidente fallimento totale sotto gli occhi di tutti? Una ipotetica risposta potrebbe essere che la psichiatria è soltanto uno strumento di controllo sociale per soggiogare le popolazioni. Dov'è il comitato etico? Dove sono i biasimi?

Avendo trasformato ogni problema ed emozione umana in una malattia mentale, la psichiatria ha assunto il ruolo di autorità sulle faccende umane, con drammatici effetti nella vita di miliardi di persone e ingenti macabri ricavi per le aziende farmaceutiche. Pomposamente illustri psichiatri vanno in televisione a rispondere ad ogni domanda come se avessero la risposta a qualsiasi cosa e tutti sono pronti a prendere come oro colato ogni singola sillaba detta. Le persone dovrebbero essere giudicate dalle loro azioni e dai risultati che producono.

 

Massimo Parrino

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani – Onlus

E-mail  ccdu.milano@gmail.com

www.ccdu.org

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl