Passeggiata in Val Rosandra

Passeggiata in Val Rosandra L'associazione di volontariato Stella Alpina onlus, in collaborazione con l'associazione "Amici delle iniziative scout - AMIS", organizza, domenica 5 aprile, una "camminata" nei dintorni di Trieste: in Val Rosandra.

03/apr/2009 00.08.31 Stella Alpina Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La passeggiata-escursione proposta, che rientra all'interno del progetto: RAGIONARE CON..I PIEDI!!! "La Filosofia del Camminare in montagna"mira a far conoscere il territorio che si estende intorno al fiume Rosandra.
La passeggiata è nell'ottica di permetterci di conoscerci un pò di più fra di noi (adulti), di conoscere un pò l'attività dei ragazzi (i lupetti del 1° Branco -Fratelli di Mogli - AmIS) e di fare una passeggiata tranquilla e conoscere il territorio carsico attorno alla Val Rosandra.
Una camminata, dunque, per conoscere meglio il territorio, alla portata di tutti, che lasci lo spazio per scoprire la natura attraverso i “colori della primavera”.
L'orario di ritrovo sarà, alla fermata della 41, alle 10,00, nella P.zza principale di Bagnoli della Rosandra
(il bus parte da Piazza Libertà - stazione centrale - di Trieste alle 9,30).
Da Bagnoli ci dirigeremo al rifugio  Premuda e quindi verso Bottazzo, strada facendo i più ardimentosi (i lupetti sicuramente) saliranno alla chiesetta per poi “correre con lentezza” e raggiungere quelli che si saranno invece diretti lentamente verso Bottazzo.
Appena riuniti saliremo lungo un sentiero che ci porterà su uno spiazzo dalle parti di S. Lorenzo dove ci fermeremo sino alle 15.00.
Ripresi la passeggiata, dopo essere arrivati alla chiesetta di S. Lorenzo, ridiscenderemo per un sentiero verso il Premuda dove arriveremo intorno alle 16,00 circa e potremo tutti stare in libertà e rifocillarci.
Alle 17:00 circa saremo nella P.zza principale di Bagnoli della Rosandra (per Trieste bus 41   alle 17,25).
Il pranzo sarà al sacco.
E’ importante utilizzare un abbigliamento idoneo a proteggere il corpo dal morso delle zecche, sempre in aguato. Sarebbe opportuno munirsi di repellenti a base di DEET (del tipo Autan o similari) reperibili anche in farmacia.
 
L’importanza del progetto è quello di far vivere delle esperienze legate all’ambiente della montagna in cui si possa sentire, pensare ed agire in armonico reintegro con la natura e il proprio corpo
D’altronde la passeggiata offre ai partecipanti un’occasione di approfondimento in un contesto di divertimento in cui è assente l’esaltazione della dimensione agonistica, non c’è competizione,
Per tutti i partecipanti sarà benefico la scoperta del “ritmo del gruppo” che si adatta a quello del più lento, perché la profonda verità del nostro camminare è: STARE INSIEME.
 
 L’invito è quello di camminare con calma, senza fretta, senza lasciarsi prendere dalla frenesia e dall’ansia di arrivare alla meta, di non camminare solo per arrivare, ma di andare con le proprie gambe e con la propria testa e in quel andare lento incrociare la gente e fare della strada in loro compagnia.
L’invito è quello di immergersi nella natura, di osservare ed ascoltare tutto ciò che si incontra lungo la strada, scoprendo “lo spirito del luogo” e di far crescere lo spirito di comunità e solidarietà attraverso il camminare in gruppo e il faticare insieme.
 
Per informazioni:    Zefferino        cell. 3498858463 e 3495005101   
e-mail                        stellaalpinaonlus@gmail.com                   
sito                              www.stellaalpinaonlus.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl