EDUCAZIONE: LA RISPOSTA ALLE ISTITUZIONI “LA VERITÀ SULLE DROGHE”

30/lug/2009 11.28.51 Gabriele Casella Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dopo l’appello del vice Sindaco Rolfi sulla politica cittadina dell’educare i giovani per non fare uso d’alcolici, i volontari della Chiesa di Scientology distribuiscono oltre 2000 opuscoli di prevenzione in città e provincia.

 

Pubblicazioni che fanno parte della campagna “No alla droga, si alla vita”, strumento internazionale di prevenzione e lotta alla droga che è presente nella nostra città da oltre 20 anni.

Nell’ultima settimana i volontari erano presenti in diversi posti della città come il Borgo Whurer, piazzale Loggia, numerosi negozi del centro e della periferia, mentre in provincia  si sono tuffati sulle spiagge del Garda, raggiungendo centinaia di persone.

Dal direttore della campagna, Gabriele Casella: “Penso che la politica dell’educazione sia d’obbligo e ancor più importante della repressione. E quest’ultima è davvero necessaria. Ma, e lo ripetiamo da anni, se la repressione non è seguita o, meglio ancora, preceduta e accompagnata dalla prevenzione, non si può essere determinanti.”

 

Ed è per questo che ormai da anni, ogni settimana, i volontari fanno prevenzione: discoteche, Pub, vie della città e anche creando eventi su misura, ogni volta dando al maggior numero di persone “La verità sulle droghe”.  L’opuscolo, in distribuzione anche nelle prossime settimane, tratta anche l’argomento alcol in modo scientifico ma semplice e comprensibile, riportando anche esperienze di vissuto e storie vere. La conoscenza porta alla comprensione che acquisita dai ragazzi è l’unica arma davvero efficace contro l’alcol.

 

Tratto dalla guida: “L’alcol indebolisce il sistema nervoso cellulare, riduce le inibizioni e danneggia la capacità di giudizio … è molto pericoloso mescolare alcol con farmaci o droghe illegali.. l’alcol influenza il cervello e diminuisce la coordinazione motoria, i riflessi sono più lenti.. la memoria diminuisce …hanno maggiore impatto sui giovani, piuttosto che sugli anziani, dato che i primi hanno un organismo ancora in fase di crescita”.

 

  “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono tutto sommato l’unica ragione di vivere” questa la citazione del filosofo umanitario L.Ron Hubbard che spinge i volontari a lavorare da oltre vent’anni  per una società migliore.

 

Per info Gabriele 3276199439

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl