Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Varie Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Varie Sun, 27 Sep 2020 02:05:43 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/1 Autonomous Mobile Robot Market 2018-2025 Industry Analysis, By Key Players, Trends, Segmentation And Forecast By 2025 Wed, 23 Sep 2020 13:06:14 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/662598.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/662598.html Ethan Smith Ethan Smith An autonomous robot has a specific set of tasks and behavior. Autonomous robot has the ability to move its part partially or fully without human assistance, work under its design specification. The principle activities of autonomous mobile robots include mapping, navigation, localization, perception, and locomotion.This Press Release will help you to understand the Volume, growth with Impacting Trends. Click HERE To get SAMPLE PDF (Including Full TOC, Table & Figures) @ https://www.trendsmarketresearch.com/report/sample/3999

 

The global autonomous mobile robot market was USD 4.36 billion in 2018 and will reach USD 9.66 by 2025 at a CAGR of 12.03% during the forecast period.Growth by RegionNorth America will be major contributor in the market due to adoption of robotic technology for manufacturing, the development of self-driving cars and usage of autonomous mobile robots for transportation.

Drivers vs Constraints

Advancement in sensors used for navigation and rising dependence on unmanned or military vehicles are key factors for the growth of the market. Growing application of robots in industrial and technical sectors is also driving the market growth. However, high capital requirements for incorporation of these devices is hampering the market growth.

Get Complete TOC with Tables and Figures@ https://www.trendsmarketresearch.com/report/discount/3999

Industry Trends and Updates

SoftBank Robotics America, Inc. the North American arm of SoftBank Robotics Group announced an enhanced set of features for Pepper, the humanoid robot, including front of office capabilities.

Teradyne, Inc. and the shareholders of Mobile Industrial Robots announced the acquisition of MiR of Odense, for EUR 121 million net of cash acquired plus EUR 101 million if specific performance targets are met extending through 2020

Pre-Book Right New for Exclusive Analyst Support @ https://www.trendsmarketresearch.com/report/analyst/3999 

]]>
Sliding-wall Systems Market– Insights On Current Scope 2025 Fri, 18 Sep 2020 12:55:54 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/661498.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/661498.html Ethan Smith Ethan Smith

 

 
]]>
Underwater Wireless Communication Market Increasing Demand with Key Players Mon, 14 Sep 2020 12:20:29 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/660459.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/660459.html Ethan Smith Ethan Smith  

Overview:

Underwater wireless communication  network provides support and differentiated services for applications such as real-time monitoring, surveillance, communication tools for UAV and weather forecasting. With the increase in off-shore oil & gas industry, monitoring pollution in water environment, collection of data from the bottom of the sea, detection of new objects, and transmission of data between the ships have become crucial and require proper communication. Over the past two decades, heavy cables are being used to establish a high-speed communication channel between the remote source and the surface. This has got many shortcomings which include cost and durability. To overcome these problems, the necessity of underwater wireless communication is proving vital.

Get Sample Copy Of The  Report @ https://www.trendsmarketresearch.com/report/sample/9823  

Market Analysis:

The “Underwater Wireless Communication” market is estimated to witness a CAGR of 18.5% during the forecast period 2016–2022. The market is analyzed by interface platforms, applications, and regions. Transition to wireless communication could help to reduce the risks, cost, and improve the production. Real-time monitoring, surveillance, & detecting (earthquake and tsunami) are some of the key factors driving the market.

Regional Analysis:

In terms of regional analysis, the report is segmented into the Americas, Europe, Asia Pacific, and Middle East & Africa; along with the analysis of major countries in each region. The Americas is set to be the leading region for the underwater wireless communication market growth followed by Europe. Asia Pacific is known for improvements in industries and project & programs by governments (India and China). MEA is set to be the emerging region with a lot of opportunities and is expected to reach $165.5 million by 2022.

Vertical Analysis:

The major verticals covered in the report are oil & gas, military & defense, scientific research & development, and marine. Globally, the leading players of these verticals in the market are showing interest towards underwater wireless communication. The technology is already being incorporated and is used in all the major verticals. The offshore oil & gas industry in the underwater environment is set to be the leading vertical after military & defense. The market for scientific research & development and marine industry is expected to reach $1,008.8 million and $577.3 million, respectively by 2022.

Key Players:

DSPComm, SONARDYNE, Subnero Pte. Ltd., Teledyne Technologies Incorporated, EvoLogics GmbH, Kongsberg Gruppen, Furgo, and Saab AB.

Competitive Analysis:

Underwater wireless communication market offers tremendous business opportunities for service providers. Lot of small pure-players are growing in the industry with their specific expertise and are attracting attention from large players to collaborate and provide various novel applications and services. With the development of their expertise and support of large players, these players are expected to change the industry dynamics, resulting in double-digit growth for themselves in parallel.

Request For Report Discount@ https://www.trendsmarketresearch.com/report/discount/9823

Benefits:

The report provides an in-depth analysis of the underwater wireless communication market aiming to bring down the operational cost for the enterprises. The report provides a detailed analysis of the underwater wireless communication in terms of interface platforms, applications, and regions. With that, key stakeholders can know about the major trends, drivers, investments, and vertical player’s initiatives towards the underwater wireless communication adoption in the upcoming years. From the other end, the report provides details about the major challenges that are going to impact on the market growth. Furthermore, the report gives the complete details about the key business opportunities to key stakeholders to expand their business and capture the revenue in the market. This will help the key stakeholders to analyze before investing or expanding the business in this market.

Report Description @ https://www.trendsmarketresearch.com/report/analysis/IR/underwater-wireless-communication-market  

]]>
LEGGE OMOTRANSFOBIA, ARCIGAY: “NO AGLI ERRORI DEL PASSATO, SI TROVI MEDIAZIONE ALL’ALTEZZA" Thu, 23 Jul 2020 19:34:46 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/652225.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/652225.html Arcigay Arcigay LEGGE OMOTRANSFOBIA, ARCIGAY: “NO AGLI ERRORI DEL PASSATO, SI TROVI MEDIAZIONE ALL’ALTEZZA" 

Bologna, 23 luglio 2020 - Il testo di emendamento che circola in queste ore come risultato di un compromesso tra diverse forze politiche per garantire l’approvazione ampia delle legge contro l’omotransfobia rischia di ricadere negli errori che portarono, anni fa, al naufragio del testo Scalfarotto”: così Gabriele Piazzoni, segretario generale Arcigay. “Non possiamo permetterci di ritrovarci nel paradosso di scrivere in un testo contro le discriminazioni parole che in qualche modo Possano essere interpretate come salvacondotti per condotte borderline o addirittura discriminatorie. La questione della libertà di parola e di opinione semplicemente non esiste: le norme che il testo Zan va a integrare sono vigenti da decenni e non solo non hanno mai messo il bavaglio alle opinioni legittime ma non sono riuscite a metterlo nemmeno ai razzisti più spudorati, come lo scarso numero di sentenze dimostra. Quella stessa legge, ora, non può diventare un tribunale dell’Inquisizione solo perché si aggiungono le parole “sesso”, “orientamento sessuale” e “identità di genere”. Questo timore non solo è infondato ma è totalmente fuori dalla realtà, promosso da chi quella legge semplicemente non la vuole. A voler tranquillizzare questi parlamentari, si è gettata un’intera comunità nello sbigottimento e nella delusione. L’auspicio è che le forze politiche si rimettano al lavoro per trovare convergenze che non snaturino il senso di questa battaglia e che siano all’altezza della sfida che questa legge, in questo momento e in questo Paese, rappresenta”, conclude Piazzoni.
--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (348.6839779 - 338.1350946)


]]>
LEGGE OMOTRANSFOBIA, PETIZIONE E CAMPAGNA PER SOSTENERE L'APPROVAZIONE DI UN TESTO EFFICACE Tue, 21 Jul 2020 15:08:29 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/651726.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/651726.html Arcigay Arcigay
LEGGE OMOTRANSFOBIA, PETIZIONE E CAMPAGNA PER SOSTENERE L'APPROVAZIONE DI UN TESTO EFFICACE 
L’iniziativa sostenuta da Agedo, All Out, Arcigay, 6000 Sardine, Arci, Differenza Lesbica, Famiglie Arcobaleno, Gay Center, neg.zone, Rete Genitori Rainbow, Diversity, Polis Aperta, Salento Pride,  Ra.Ne e UAAR


Bologna, 21 luglio 2020 - Una raccolta firme per sostenere l’approvazione, senza stralci o compromessi al ribasso, della legge contro l’omotransfobia, in discussione alla Commissione Giustizia della Camera, e una campagna social per sensibilizzare l’opinione pubblica:  questa è l’iniziativa sostenuta da Agedo, All Out, Arcigay, 6000 Sardine, Arci, Differenza Lesbica, Famiglie Arcobaleno, Gay Center, neg.zone, Rete Genitori Rainbow, Diversity, Polis Aperta, Salento Pride,  Ra.Ne e UAAR - Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti e che in poche ore ha già raggiunto 5000 adesioni. 

“Donne e persone LGBTI+ devono essere protette da discriminazioni e violenze. Non si può più rinviare, serve una legge efficace ora!” è il titolo della petizione, disponibile al link http://allout.org/it/DallaParteDeiDiritti. “L’ultima ricerca dell’Agenzia Europea dei Diritti Fondamentali sulle persone LGBTI+ in Italia - si legge nell’appello - evidenzia che il 62% di loro evita di prendere per mano la persona amata e il 30% non frequenta alcuni luoghi per paura di subire aggressioni. Il 23% dichiara di aver subito discriminazioni sul lavoro, il 32% di aver subito almeno un episodio di molestia nell’ultimo anno e l’8% un episodio di aggressione fisica negli ultimi 5 anni. Solo 1 persona su 6 ha denunciato questi episodi. Dopo tanti fallimenti nell’approvare leggi su questi temi - proseguono i firmatari - è ora che l’Italia faccia la sua parte nel contrasto a discriminazioni e violenze fondate su sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere”. “Siamo cittadine e cittadini di questo Paese - concludono - e chiediamo una cosa semplice: poter vivere e amare liberi dalla paura”. Collegata alla raccolta firme c’è la campagna social #DallaParteDeiDiritti, che ripropone, con una serie di infografiche i dati emersi dalla ricerca dell’Agenzia Europea dei Diritti Fondamentali. 


“Siamo ormai nel vivo della discussione sulla legge contro l’omotransfobia - commenta Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay -. Con il deposito degli emendamenti, si svelano anche i tentativi che le forze politiche che convintamente praticano l’omotransfobia si apprestano a mettere in campo per far naufragare questa battaglia di civiltà. Per contrastare questi assalti abbiamo bisogno della mobilitazione di tutta l’opinione pubblica, che siamo certi essere, nella stragrande maggioranza, favorevole all’approvazione di questa legge. Per questo invitiamo tutte e tutti a firmare l’appello”.

"Violenze e discriminazioni verso le persone LGBTI+ sono una realtà quotidiana nel nostro Paese ma, a differenza di molti altri Paesi europei, non esiste alcuna protezione contro l'omotransfobia. Anche per questo, l'Italia è solo al 34esimo posto nella classifica dei Paesi membri del Consiglio d'Europa per il rispetto dei diritti LGBTI. Con la campagna #DallaParteDeiDiritti vogliamo mandare un messaggio forte e chiaro: non si può più rinviare, serve una legge efficace ora.", dichiara Yuri Guaiana, Senior Campaigns Manager di All Out.

I materiali della campagna sono disponibili per il download a questo link: https://www.arcigay.it/dalla-parte-dei-diritti/


--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (338.1350946)


]]>
Legge omotransfobia, Arcigay: "In alcuni emendamenti il tentativo di svuotare la legge. Noi vigili e pronti a dare battaglia" Mon, 20 Jul 2020 17:30:56 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/651554.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/651554.html Arcigay Arcigay
LEGGE OMOTRANSFOBIA, ARCIGAY: "IN ALCUNI EMENDAMENTI IL TENTATIVO DI SVUOTARE LA LEGGE. NOI VIGILI E PRONTI A DARE BATTAGLIA"
Bologna, 20 luglio 2020 - Il Consiglio nazionale di Arcigay, riunitosi ieri in una seduta online, ha discusso approfonditamente del testo di legge sull'omobitransfobia in discussione alla Camera e sugli emendementi depositati negli ultimi giorni. "Questo testo di legge - dichiarano i consiglieri e le consigliere in un ordine del giorno approvato all'unanimità - , frutto di un compromesso fra le nostre richieste e la volontà legislativa delle forze politiche parlamentari, non esaurisce in modo completo i bisogni del contrasto all’odio e le necessità di tutela e assistenza che le persone LGBTI+ e le donne vittime di quella violenza richiederebbero, tuttavia il testo depositato raccoglie alcune nostre storiche istanze e interviene in modo utile su diversi aspetti legali, sociali, culturali e di tutela che investono la vita delle persone che la nostra associazione vuole rappresentare, ed è pertanto nostro compito seguire con attenzione il percorso di questo testo legislativo che interviene sui nostri diritti e che può contribuire a far fare un passo avanti all'Italia nella direzione della tutela e della piena inclusione di cittadinanza per le persone LGBTI+". "Nella discussione che Arcigay ha avuto al suo interno - commenta il segretario generale Gabriele Piazzoni - sono emersi chiaramente due rischi che preoccupano la comunità di attivisti: il primo è legato all'ipotesi che si ripeta quanto successo anni fa col testo Scalfarotto, sabotato da un emendamento che paradossalmente costruiva, nelle violenze e nelle discriminazioni, un salvacondotto che favoriva proprie le organizzazioni smaccatamente omofobe. Non accetteremo che si tenti di trasformare una legge contro le discriminazioni nel certificato che le rende addirittura legittime. In secondo luogo, respingeremo ogni tentativo di svuotare l'efficacia delle misure di prevenzione e di supporto alle vittime riducendo i già risicati fondi stanziati dalla legge, importanti tanto quanto la parte penale del testo. Per scongiurare questi e tutti gli altri pericoli che la discussione farà emergere, noi saremo pronti e pronte alla mobilitazione", conclude Piazzoni.

--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (338.1350946)


]]>
Omobitransfobia, approvato testo base a Montecitorio. Arcigay: "Ora nessuna trattativa al ribasso" Tue, 14 Jul 2020 15:59:40 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/650508.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/650508.html Arcigay Arcigay
OMOBITRANSFOBIA, APPROVATO TESTO BASE A MONTECITORIO. ARCIGAY: "ORA NESSUNA TRATTATIVA AL RIBASSO"

Bologna, 14 luglio 2020 - "Con l'approvazione del testo base unificato, presentato dal relatore on. Alessandro Zan in Commissione Giustizia alla Camera dei Deputati, comincia formalmente l'iter della legge contro omobitransfobia e misoginia": lo dichiara Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay. Che prosegue: "Il Parlamento e il Governo hanno ora l'opportunità di compiere un primo passo importante per combattere le discriminazioni e le violenze e garantire sostegno concreto alle vittime. Il testo depositato è già frutto di una mediazione e ha lasciato fuori diverse istanze per le quali saranno necessari interventi legislativi nei prossimi anni. Tuttavia, l'estensione dell'istigazione alla violenza e alla discriminazione e l'aggravante di reato per motivi fondati su sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere, assieme alla previsione, seppur con dotazioni finanziarie che necessitano incrementi, di politiche attive di sostegno alle vittime di omobitransfobia tramite supporto legale, psicologico, di mediazione sociale e di alloggio, costituiscono elementi importanti che possono contribuire in modo importante nel cominciare ad aggredire il fenomeno delle discriminazioni e violenze verso le persone LGBTI. Ora è compito della maggioranza garantire alla legge un iter rapido e sicuro di approvazione, risparmiandoci i sabotaggi a cui sono stati sottoposti tutti i tentativi degli ultimi 25 anni di dotare il nostro Paese di una legge seria ed efficace contro l'omobitransfobia. Alla politica chiediamo di risparmiarci il solito balletto di emendamenti finalizzati a svuotare di contenuti la legge, insopportabili innanzitutto perché fatti sulla pelle di tante persone che attendono su questi temi risposte dalle istituzioni, che fino a oggi hanno sempre girato la testa dall'altra parte.", conclude.


--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (338.1350946)


]]>
TERZO TEMPO IN AZIONE: Modi e modi dell’uso dello SMARTPHONE Mon, 13 Jul 2020 12:47:05 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/650196.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/650196.html Associazione p63 Sindrome E.E.C. International Onl Associazione p63 Sindrome E.E.C. International Onl Comunicato stampa con preghiera di diffusione

 

Padova, 13/07/2020

 

L’associazione p63 sindrome E.E.C international Onlus con il sostegno di Fondazione Cariparo bando “Invecchiamento Attivo” 2018

presenta il progetto

TERZO TEMPO IN AZIONE: Modi e modi dell’uso dello SMARTPHONE
da lunedì 29 giugno 2020, ogni lunedì ore 17:00 in replica ogni venerdì ore 17:30
dagli studi di CafèTV24, canale 95 o 666 in Veneto.

 

Oggi 13 luglio 2020, sul canale 95 alle ore 17:00 andrà in onda la terza puntata del corso Modi e modi dell’uso dello SMARTPHONE: creato a supporto e sostegno delle persone over 65, per l’uso dello smartphone educativo per l’alfabetizzazione educazione digitale transgenerazionale.

Le puntate sono visibili sul canale 95 e 666 in VENETO, 113 in LOMBARDIA, 273 e 682 in EMILIA ROMAGNA, 95 e 213 in FRIULI VENEZIA GIULIA, 98 in PIEMONTE e VAL D’AOSTA, 274 in TRENTINO ALTO ADIGE, 192 in LIGURIA.

Si ringraziano tutti gli operatori dell’Associazione p63 Sindrome E.E.C. International, il team Cafè TV 24, il tutor insegnante Simone Canova e Fondazione Cariparo per il brillante risultato raggiunto. 

 

 

 

ass. p63 Sindrome E.E.C. International ONLUS

net work word communication MALATTIE RARE

www.sindrome-eec.it

 



]]>
Omobitransfobia, depositato il testo unificato. Arcigay: “ Proposta migliorabile, inserire divietò teorie riparative” Wed, 01 Jul 2020 13:43:03 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/648676.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/648676.html Arcigay Arcigay OMOBITRANSFOBIA, DEPOSITATO IL TESTO UNIFICATO. ARCIGAY: “PROPOSTA MIGLIORABILE, INSERIRE DIVIETO TEORIE RIPARATIVE”

Bologna, 1 luglio 2020 - “Il deposito del testo di legge unificato contro l’omobitransfobia in Commissione Giustizia alla Camera segna l’inizio di un nuovo tentativo di colmare il ritardo nella battaglia contro le discriminazioni legate all’orientamento sessuale e all’identità di genere che sconta il nostro Paese. Il testo è sicuramente migliorabile: serve un dibattito di merito, serio e non ideologico, che ci permetta di sfruttare al massimo questa occasione per contrastare concretamente  l’odio omobitransfobico e la misoginia”: lo dichiara Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay. “In occasione dello scorso 17 maggio  - prosegue - l’Agenzia Europea per i diritti fondamentali, che ha realizzato la più ampia ricerca sulle persone LGBTI+ dell’area Ue, ci ha restituito l’immagine di una Italia in cui le persone LGBTI+ subiscono un’oppressione quotidiana, capillare: il 62% di loro teme di prendere per mano il o la partner in pubblico, il 30% che dichiara di evitare determinati luoghi a causa del rischio di subire aggressioni e il 32% che ha subito molestie nell’ultimo anno. Questo clima condiziona non solo le vite di chi subisce il fatto criminale ma impone a tutti gli altri e le altre la rinuncia o la ricontrattazione graduale di alcune libertà fondamentali, che hanno a che fare con la propria identità e le persone con cui si condividono relazioni affettive o sessuali, ma che a catena coinvolgono tutte altre. Il Governo e la maggioranza parlamentare hanno ora l’occasione di affrontare un ostacolo imponente nella nostra cultura dominante, un problema irrisolto da decenni: è perciò auspicabile che la discussione del testo abbia tempi certi e sia esente da trattative al ribasso, ma anzi si ponga l’obiettivo della migliore legge possibile.
Il testo depositato interviene sia sulla parte penale, sia sulle politiche di prevenzione e contrasto e di sostegno alle vittime. Vengono estese le norme penali legate ad aggravante e istigazione alla discriminazione e alla violenza fondate su sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere. E questo è un punto importante, atteso da decenni.
Sul fronte delle politiche attive e di sostegno alle vittime, apprezziamo l’estensione delle competenza di UNAR all’ambito LGBTI, l’istituzione di un fondo di 4 milioni di euro per i centri antiviolenza e le case rifugio  (pochissimi rispetto alle dimensioni del fenomeno ma pur sempre un inizio),  e l’istituzione di una ricerca ISTAT triennale per porre rimedio al fenomeno dell’under reporting in questo ambito.
La legge può rappresentare un importante avanzamento dell’attuale situazione di pressoché totale disimpegno da parte delle istituzioni sul tema delle discriminazioni verso le persone LGBTI+. Ma molto ancora si può e si deve fare. Resta irrisolto ad esempio il complesso tema della propaganda discriminatoria che, fatto salvo per il razzismo, resta un vuoto nel nostro ordinamento, da affrontare presto, con serietà e con sguardo ampio e trasversale. Ma è del tutto assente nel testo anche il tema importantissimo delle  teorie riparative, cioè dei percorsi a cui vengono sottoposte persone lgbti+, spesso minori, per correggere un orientamento o un genere ritenuto non conforme alle attese. Una forma di sevizia gravissima, che in numerosi paesi europei - l’ultima è stata la Germania -  è stata espressamente e severamente vietata. L’auspicio è che l’Italia faccia altrettanto, e lo faccia cogliendo l’occasione che offre questo testo di legge, per liberarci definitivamente di queste barbarie dal sapore medievale.”, conclude Piazzoni. 

--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (348.6839779 - 338.1350946)


]]>
50 ANNI DI PRIDE, DOMANI E DOPODOMANI EVENTI ONLINE E OFFLINE PER CELEBRARE L'ORGOGLIO LGBTI Fri, 26 Jun 2020 16:20:11 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/647911.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/647911.html Arcigay Arcigay 50 ANNI DI PRIDE, DOMANI E DOPODOMANI EVENTI ONLINE E OFFLINE PER CELEBRARE L'ORGOGLIO LGBTI

Bologna, 26 giugno 2020 - Il prossimo 28 giugno ricorreranno i 50 anni dal primo Pride (allora chiamato Gay Pride), che si tenne a New York nel 1970 per celebrare i Moti di Stonewall dell’anno prima. Le restrizioni conseguenti all'emergenza sanitaria hanno reso impossibile lo svolgimento nel nostro Paese delle parate dei Pride, tuttavia in questo weekend in diversi luoghi, fisici e virtuali, e con diverse modalità, tutte rispettose delle norme, verrà celebrato comunque il 28 giugno.


La grande novità di quest'anno è il Global Pride, la maratona di 26 ore online che coinvolgerà domani, a partire dalle 7,30 ora italiana, i Pride di tutto il globo, quelli che sono stati costretti ad annullare la parata, a partire dalla Nuova Zelanda, dall'Australia e dal Giappone fino a raggiungere, a fine kermesse, gli Stati Uniti. Il blocco europeo è  previsto tra le 16.55 e le 19, mentre i contributi italiani andranno online verso le 18. In particolare, dal nostro Paese interverrà il Torino Pride con il cantante Osvaldo Supino e il direttore dell'UNAR Triantafillos Loukarellis, il Molise Pride con Vladimir Luxuria, il Lazio Pride con Tiziano Ferro e e la rete Ondapride con i cori LGBTI di tutta italia, in un'inedita versione di  "Bella Ciao". La maratona sarà trasmessa sull’account Youtube di iHeartRadio  o sulla pagina FB ufficiale del Global Pride.


Domani inoltre si terranno iniziative offline a Napoli, Pescara, Vicenza, Reggio Calabria, Pavia, Novara, Faenza, mentre domenica sarà la volta di  Bologna e Palermo. Infine, prosegue sui canali Onda Pride (sito web, canale YouTube e pagina Facebook) la programmazione di eventi online organizzati dai pride italiani in occasione del mese dell’orgoglio

Lgbti

--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (348.6839779 - 338.1350946)


]]>
Ground To Air On-Board Connectivity Market to Surge at a Robust Pace in Terms of Revenue over 2019 - 2026 Sat, 20 Jun 2020 08:49:35 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/646420.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/646420.html Ethan Smith Ethan Smith

The  global ground to air on-board connectivity market  was valued at $ 9.68 billion in 2018, and is projected to reach $ 24.44 billion by 2026, registering a CAGR of 13.8% from 2019 to 2026. On-board connectivity refers to internet connectivity in aircraft, ships, railways, and other modes of transportation systems. The on-board connectivity services includes mobile phone internet access, wireless internet access, and other data sharing services. In addition, it allows smartphones, tablets, and laptops to send and receive texts, emails, and other multi-media messages.

Get Sample Copy Of The Report:   https://www.trendsmarketresearch.com/report/sample/13347

Although, the purpose of on-board connectivity for trains, ships, and on airplanes differs, the major reason behind its offering is to keep passengers entertained while travelling. In addition, many airlines, trains, and public transportation buses have started offering on-board connectivity to their customers, which is fuels the ground to air on-board connectivity market growth.

Increase in IT expenditure in aviation, railway, and maritime industries and rise in disposable income of consumers are the major factors that fuel the demand for the ground market. In addition, liberalization in the transportation sector in the emerging markets is also drives the market growth.

However, high cost associated with the deployment of on-board connectivity systems is expected to impede the market growth. In addition, connectivity issue is anticipated to hamper the growth of the market, as high-speed trains move quickly from one cellular tower to another. Furthermore, increase in government initiatives to enhance customer services are expected to provide lucrative opportunities for the growth of the ground to air on-board connectivity market.

The global ground to air on-board connectivity market is segmented on the basis of component, application, end use, and region. By component, it is classified into hardware and services. As per application, it is categorized into entertainment and communication. By end use, it is divided into maritime, railway, aviation, and on-road transit. Region-wise it is analyzed across North America, Europe, Asia-Pacific, and LAMEA.

The global ground to air on-board connectivity market is dominated by key players such as ALE International, Bombardier Inc., Global Eagle Entertainment Inc., Gogo Inc., Honeywell, International Inc., Inmarsat Plc., Panasonic Corporation, Rockwell Collins, Thales Group, Deutsche Telekom AG, and others.

KEY BENEFITS
• The study provides an in-depth analysis of the global ground to air on-board connectivity market along with current trends & future estimations to elucidate the imminent investment pockets.
• Information about the key drivers, restraints, and opportunities and their impact analyses on the market is provided.
• Porter’s five forces analysis illustrates the potency of buyers and suppliers operating in the industry.
• The quantitative analysis of the  market from 2018 to 2026 is provided to determine the market potential.

KEY MARKET SEGMENTS

By Component

• Hardware
Ø Antennas
Ø Transceivers
Ø Ethernet Switches
Ø Wireless Access Point
Ø Others

• Services
Ø Managed Service
Ø Consulting Service
Ø Integration and Implementation Service

By Application
• Entertainment
• Communication

By End Use
• Maritime
• Railway
• Aviation
• On-road Transit
Ø Cars
Ø Buses

By Region
• North America
or US
or Canada

• Europe
or UK
or Germany
or France
or Rest of Europe

• Asia-Pacific
or China
or India
or Japan
or Australia
or Rest of Asia-Pacific

• LAMEA
or Latin America
or Middle East
or Africa

KEY MARKET PLAYERS
• ALE International
• Bombardier Inc.
• Deutsche Telekom AG
• Global Eagle Entertainment Inc.
• Gogo Inc.
• Honeywell International Inc.
• Inmarsat Plc.
• Panasonic Corporation
• Rockwell Collins
• Thales Group

Covid 19 Impact Analysis @   https://www.trendsmarketresearch.com/report/covid-19-analysis/13347

]]>
ANZIANI LGBTI, ARCIGAY PRESENTA UN MODELLO DI COHOUSING INTERGENERAZIONALE PER LA TERZA E QUARTA ETA' Thu, 18 Jun 2020 18:06:10 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/646162.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/646162.html Arcigay Arcigay ANZIANI LGBTI, ARCIGAY PRESENTA UN MODELLO DI COHOUSING INTERGENERAZIONALE PER LA TERZA E QUARTA ETA'
A Bologna e Torino gli eventi conclusivi del progetto Silver Rainbow con la descrizione dei piani di fattibilità
.

Bologna, 18 giugno 2020 - Un modello innovativo e sperimentabile di “abitare collaborativo”, un cohousing che si fa carico da un lato del contrasto alle solitudini involontarie, dall'altro supera il modello tradizionale della casa di riposo a favore di una soluzione volta a sviluppare il “senso di comunità LGBTI” con le persone nella terza e quarta età della vita, così da sopperire al ridotto supporto sociale di tipo familiare grazie alla creazione di condizioni di collaborazione attiva fra anziani LGBTI, insieme al coinvolgimento intergenerazionale di soggetti di altre fasce d’età. Questa soluzione è protagonista del report conclusivo del progetto "Silver Rainbow: azioni multilivello per l’invecchiamento positivo della popolazione anziana LGBTI, il contrasto alle solitudini involontarie, il dialogo intergenerazionale e la promozione dell’accoglienza e della visibilità in contesti non LGBTI”, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (ai sensi dell’articolo 72 del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 - anno 2017) e realizzato da Arcigay in collaborazione con Arci Pesca FISA.
Il report sarà presentato domani (venerdì 19 giugno) e venerdì prossimo (29 giugno) in due videoconferenze realizzate in collaborazione con le amministrazioni comunali di Torino e Bologna, entrambe coinvolte nel percorso del progetto. L'evento di domani si aprirà alle 17 con i saluti istituzionali di Marco Giusta, assessore della Città di Torino, e quelli di Gabriele Piazzoni (segretario generale Arcigay), Michele Cappiello (segretario nazionale Arci Pesca Fisa) e Riccardo Zucaro (Arcigay Torino). Poi illustreranno il report Enrico Bramerini (  https://www.elea-srl.it/), Francesca Bianchi (Università degli Studi di Siena) e Chiara Casotti (Rete italiana cohousing).  Per quanto riguarda la videoconferenza di Bologna, invece, appuntamento venerdì 26 giugno alle ore 10: aprirà l'assessora Susanna Zaccaria, del Comune di Bologna, assieme a Gabriele Piazzoni (segretario generale Arcigay), Michele Cappiello (Arci Pesca Fisa) e Giuseppe Seminario (Arcigay Bologna), per poi lasciare spazio all'illustrazione del report, sempre a cura di Enrico Bramerini ( Elea), Francesca Bianchi (Università degli Studi di Siena) e Chiara Casotti (Rete italiana cohousing). "Il progetto Silver Rainbow - commenta Gabriele Piazzoni, segretario generale Arcigay - si è dato un metodo scrupoloso, ponendosi all'ascolto dei bisogni delle persone lgbti della terza e quarta età e cercando un modello di risposta dettagliato, che si concretizza in un vero e proprio studio di fattibilità di una soluzione di abitare collaborativo,  che consegniamo innanzitutto alle amministrazioni comunale di Torino e Bologna, che con grande collaborazione ci hanno affiancato lungo questo percorso, e ovviamente a tutti gli altri enti, pubblici o privati, interessati al tema oltre che ai nostri comitati e gruppi informali, grazie agli strumenti operativi che verranno resi disponibili ". Il report esito del progetto Silver Rainbow  contiene inoltre una rassegna delle esperienze in ambito LGBTI italiane ed europee sul cohousing in generale e in particolare sul “cohousing intergenerazionale”; uno studio dei vincoli e delle opportunità attraverso l’esame degli elementi normativi, amministrativi e di sostenibilità negli specifici contesti amministrativi di Bologna e Torino;  la redazione di linee-guida condivise per la gestione di uno spazio abitativo di “cohousing intergenerazionale” in un’ottica di welfare generativo e di comunità, anche attraverso lo studio di possibili applicazioni nel contesto territoriale locale (individuazione di strutture adeguate, infrastrutture necessarie, possibili risorse private, ecc.); la definizione di azioni propedeutiche ad una implementazione concreta post-progetto. Tutte le informazioni e i materiali sono disponibili al link: https://www.arcigay.it/cosafacciamo/salute/silver-rainbow/

Qui alcune immagini.

Per partecipare alla conferenza di Torino, occorre collegarsi alla piattaforma Zoom:

Topic: Conferenza Finale Silver Rainbow Torino

Time: 19 giugno 2020 dalle ore 17.00 alle ore 19.30

Link Zoom Meeting https://zoom.us/j/98130683272?pwd=Qm0vZVZyOVd3QVpRYzdtbzJUVXZOZz09

Meeting ID: 981 3068 3272

Password: 190620




Per partecipare alla conferenza di Bologna, occorre collegarsi alla piattaforma Zoom:

Topic: Conferenza Finale Silver Rainbow Bologna

Time: 26 giugno 2020 dalle ore 10.00 alle ore 12.30

Link Zoom Meeting https://zoom.us/j/97488602591?pwd=TmlTWFg0NjFXbTUxR0ZCcllybVVhQT09

Meeting ID: 974 8860 2591

Password: 260620

--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (338.1350946)



]]>
L'ONU all’Italia: rafforzate leggi e politiche per combattere le discriminazioni basate su orientamento sessuale e identità di genere. Thu, 18 Jun 2020 13:33:49 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/646102.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/646102.html Arcigay Arcigay L'ONU all’Italia: rafforzate leggi e politiche per combattere le discriminazioni basate su orientamento sessuale e identità di genere.

Comunicato stampa di Associazione Radicale Certi Diritti, Arcigay e Centro Risorse LGBTI.

Roma, 18 giugno 2020


L'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani ha scritto una lettera all’Italia il 13 maggio in merito alla Revisione Periodica Universale con raccomandazioni specifiche tra cui la creazione di un’istituzione indipendente per i diritti umani, il rafforzamento di leggi e politiche per combattere le discriminazioni basate su orientamento sessuale e identità di genere e il potenziamento dell’UNAR.

«Arrivano mentre si avvia in Parlamento la discussione sulla legge contro l’omotransfobia, le raccomandazioni dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani sono particolarmente tempestive e danno all’Italia l’opportunità di dar seguito speditamente agli impegni presi all’ONU accettando 16 raccomandazioni sui diritti umani delle persone LGBTI», dice Yuri Guaiana, presidente dell’Associazione Radicale Certi Diritti e coordinatore del lavoro di advocacy relativo al terzo ciclo dell’UPR svolto da una coalizione composta da Arcigay, Associazione Radicale Certi Diritti, Centro Risorse LGBTI, Gaycs e OII-Italia.

«Le Nazioni Unite ci ricordano con queste raccomandazioni il ritardo che sconta L’Italia sulle politiche di contrasto e prevenzione delle discriminazioni, un ritardo che non ha alcuna giustificazione e deve essere colmato rapidamente come avvenuto in tutti gli altri paesi dell’Europa occidentale, la violenza non può essere giustificata in alcun modo, è ora che la politica guardi in faccia alla realtà e in occasione dell’attuale dibattito legislativo in Parlamento, ne tragga le ovvie conseguenze, dotando il nostro paese di una legge coraggiosa ed efficace che finalmente protegga tutte e tutti i cittadini dalle discriminazioni che un paese civile non può scambiare per opinioni, ma riconoscere come violenza», dichiara Gabriele Piazzoni, segretario generale Arcigay.

«È anche grazie a raccomandazioni come questa che le nostre istituzioni devono agire, non si può più temporeggiare, nè per quel che riguarda la legge nazionale relativa ai crimini d'odio omobilesbotransfobico, nè per un approccio più strutturato di tutti gli enti pubblici a supporto della comunità LGBTQI+, delle associazioni di categoria e di progetti innovativi di tutela delle fragilità all'interno della comunità», dice Valeria Roberti del Centro Risorse LGBTI.

--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (338.1350946)
]]>
Cure a domicilio e tutele per le persone con fibrosi cistica: a chiederlo l’Associazione di pazienti con la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi #OGGILOSAI Thu, 11 Jun 2020 09:44:20 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/644527.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/644527.html Lega Italiana Fibrosi Cistica Onlus Lega Italiana Fibrosi Cistica Onlus Così Lega Italiana Fibrosi Cistica invita la collettività ad essere parte attiva nel sostegno ai suoi progetti per assicurare alle persone con fibrosi cistica la continuità terapeutica e assistenziale di cui hanno bisogno in questo momento e richiama l’attenzione di partner, donatori e Istituzioni sulla gravità di questa malattia genetica che in Italia colpisce oltre 6.000 persone per le quali è normale l’uso della mascherina, il distanziamento sociale e le norme igieniche.


             Sostieni LIFC su: http://dona.fibrosicistica.it/


Roma, 10/6/2020 – “La sensazione di fragilità e precarietà che tanti hanno conosciuto per la prima volta nei giorni del Coronavirus è una situazione che, purtroppo, noi malati di fibrosi cistica conoscevamo fin troppo bene” Queste le parole di Francesco, 33 anni abruzzese, per lui così come per tanti altri giovani affetti da fibrosi cistica, la vita durante il lockdown non è cambiata molto rispetto a prima. Noemi con la sua determinazione ha conseguito la laurea mentre la quarantena di Giulia, 26 anni, era iniziata già dal mese di settembre a causa di una polmonite. 

Loro sono i protagonisti di #OGGILOSAI, la campagna di Lega Italiana Fibrosi Cistica-LIFC che, dall’inizio dell’emergenza Covid-19, è in prima linea per assicurare alle persone

con fibrosi cistica supporto e cure di qualità su tutto il territorio nazionale. In pochi giorni dall’inizio della pandemia LIFC ha ampliato il progetto di telemedicina per curare i pazienti a domicilio dopo che molti Centri di Cura per la FC sono stati riconvertiti in centri Covid ed ha potenziato i suoi servizi di supporto socio-assistenzialepsicologico e alloggiativo (quest’ultimo per i pazienti in lista di attesa di trapianto e i loro familiari).

 

Oggi tutti sappiamo cosa vuole dire proteggersi con una mascherina, rispettare strettamente le norme igieniche e la distanza di almeno 1 metro - afferma Gianna Puppo Fornaro, Presidente LIFC- Quello che molti non sanno, è che per le persone con fibrosi cistica tutto questo è normale ma in aggiunta, devono seguire programmi di terapie quotidiane per tutta la vita, sono sottoposte a frequenti ricoveri ospedalieri e a periodici cicli di terapia antibiotica e quando tutto ciò non è sufficiente devono ricorrere al trapianto di doppio polmone“.

 

Per questo, nonostante la fine del lockdown, LIFC intende rafforzare ed estendere i suoi servizi ad un numero maggiore di pazienti perché per loro, non è possibile abbassare la guardia.

Con lo slogan ‘A un metro da, ricominciamo grazie a te‘, l’Associazione, con un chiaro riferimento alla necessità di rispettare il distanziamento sociale, invita la collettività, i partner, i donatori e le Istituzioni ad agire, ad essere parte attiva nel sostegno ai suoi progetti per garantire alle persone con fibrosi cistica supporto e cure di qualità erogate a distanza; con l’hashtag #oggilosai pone inoltre l’accento sulla gravità della malattia, sulla fragilità del respiro, sulle cure di cui i pazienti hanno bisogno quotidianamente e sul racconto della loro vita.

 

Testimonial di questa iniziativa sono gli stessi ragazzi e ragazze affetti da fibrosi cistica: FrancescoNoemiGiuliaElisa e tanti altri che, con le loro storie raccontano la malattia ai tempi del Coronavirus ed evidenziano i benefici dei progetti peri quali l’Associazione ha attivato la raccolta di fondi.

 

#OGGILOSAI


Sostieni LIFC su: http://dona.fibrosicistica.it/ 


 LA FIBROSI CISTICA

La fibrosi cistica è la malattia genetica grave più diffusa. Danneggia progressivamente l’apparato respiratorio e quello digerente. Cronica e degenerativa, è una malattia multiorgano che colpisce indifferentemente maschi e femmine. Ha come effetto principale il progressivo deterioramento della funzionalità polmonare e pregiudica seriamente la qualità della vita di chi ne è affetto, costringendo i pazienti a cure costanti e per tutta la vita.

Dipende dal malfunzionamento o dall’assenza della proteina CFTR (Cystic Fibrosis Transmembrane Regulator), che determina la produzione di muco eccessivamente denso,  che chiude i bronchi e porta a infezioni respiratorie ripetute, ostruisce il pancreas e impedisce che gli enzimi pancreatici raggiungano l’intestino, di conseguenza i cibi non possono essere digeriti e assimilati.

 

LEGA ITALIANA FIBROSI CISTICA

Lega Italiana Fibrosi Cistica - LIFC è l’Associazione di pazienti nata più di 40 anni fa, grazie alla forza di volontà di gruppi di genitori che, uniti, si sentivano più forti e meno soli. Questo, ancora oggi, è il motore che guida l’Associazione, che ascolta e dà voce alle esigenze di pazienti e famiglie per migliorare le cure disponibili, le opportunità sociali, i diritti e la qualità di vita di ogni persona colpita da fibrosi cistica. LIFC sostiene inoltre programmi di ricerca orientata al paziente e percorsi di cura innovativi.

 

Contatti:

Lega Italiana Fibrosi Cistica - Ufficio Comunicazione

Email: comunicazione@fibrosicistica.it

 www.fibrosicistica.it  - Tel. 392.3305786

 

 

 

]]>
Facial Rejuvenation Market: Clear Understanding of The Competitive Landscape and Key Product Segments Thu, 11 Jun 2020 07:48:48 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/644501.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/644501.html Ethan Smith Ethan Smith

Recent findings on the growth of global facial rejuvenation market demonstrate that the demand for such treatments is not restricted to women. Men, especially the younger demographics, and the ones who are fashion industry professionals are becoming key consumers for facial rejuvenation. ( Sample Copy Here )  The fear of undergoing multiple cosmetic surgeries and deforming the existing facial appearance continues to divert more consumers for facial rejuvenation, which is essentially a combination cosmetic surgery. The effectiveness of results is also slated to ramp up the growth of global facial rejuvenation market.

Request For Report Sample @  https://www.trendsmarketresearch.com/report/sample/3539

Trends Market Research (TMR) has estimated that the global market for facial rejuvenation attained market value of US $ XX billion in 2018. According to its forecast report, titled "Global Market Study on Facial Rejuvenation: Early Onset of Aging & Rising Adoption of minimally Invasive Procedures to Drive the Market, "the global facial rejuvenation market will expand at a steady CAGR of XX% and reach US $ XX billion market value by the end of 2025. Early onset of aging effects on a majority of people in the world is orchestrating the growth in demand for facial rejuvenation treatment. Some of the treatments for facial rejuvenation are invasive yet the patient endures less pain, which incidentally results into positive feedback. People continue to rampantly adopt facial rejuvenation treatment and fulfil their yearnings for enhancing superficial appearance. While lack of documented evidence continues to inhibit the growth of global facial rejuvenation market by instilling skepticism in consumers, the real threat for the market has been ensued by irregular international regulations for cosmetic surgeries, unavailability of professionals and growing presence of counterfeit cosmetic surgery products and equipment.

The report has stratified the growth of global facial rejuvenation market on the basis of types of products such as chemical peels, laser surfacing treatments, dermal fillers, topical products, microabrasion equipment, and botulinum. Among such segments, the growth of botulinum products is projected to remain dominant by accounting for more than 35% share of the global facial rejuvenation market. On the basis of distribution channels, the global market is primarily bifurcated into dermatology clinics and hospitals, with the former segment gaining dominance due to treatment advising and easier access to drugs.

Request For Report Discount @  https://www.trendsmarketresearch.com/report/discount/3539

The regional overviews of global facial rejuvenation market indicates exceptional and rapid expansion in Latin America and Asia-Pacific. Still, North America is expected to dominate the global market by accounting for nearly 75% of the market share. Flourishing media & entertainment industry in the US and surging health tourism industry have orchestrated the global dominance on North America in facial rejuvenation. Furthermore, consumers have been exhibit higher preference of combination cosmetic surgeries, thereby endorsing the option of facial rejuvenation treatments. In order to assess essential information on the competitive landscape of global facial rejuvenation market, the report has profiled some leading players in the market, which includes recognizable companies such as, Merz GmbH & Co. KGaA, Biopolymer GmbH & Co KG, LUMENIS,

Covid 19 Impact Analysis @  https://www.trendsmarketresearch.com/report/covid-19-analysis/3539 
]]>
Omotransfobia, Arcigay contro la Cei: "Triste vedere i vescovi dalla parte dei violenti" Wed, 10 Jun 2020 14:34:52 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/644396.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/644396.html Arcigay Arcigay
OMOTRANSFOBIA, ARCIGAY CONTRO LA CEI: "TRISTE VEDERE I VESCOVI DALLA PARTE DEI VIOLENTI"
Bologna, 10 giugno 2020 - "Addolora ma non sorprende ritrovare la CEI sulle barricate di chi contrasta ogni ipotesi di legge per tutelare dall'odio e dalla violenza le persone lgbti, specie giovani e giovanissime": Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay, ribatte a muso duro alle posizioni della CEI sulle proposte di legge contro l'omotransfobia, in discussione alla Camera. "Lo spauracchio della legge liberticida o del reato di opinione, del tutto infondato, impallidisce dinanzi alla quotidianità martellante dell'odio e della violenza di origine omotransfobica. L'Italia è l'unico Paese dell'Europa occidentale a non avere legislazioni a prevenzione e contrasto di questi fenomeni e questo è il motivo per cui siamo in coda in ogni classifica europea. Le forze politiche hanno il dovere di dare una risposta alle tantissime persone che hanno subito e subiscono violenze, approvando un testo di legge efficace e concreto, che cominci finalmente ad aggredire il fenomeno. E hanno il dovere di farlo tenendo la CEI fuori dalla porta, stigmatizzandone la scompostezza e il tentativo bieco di eterodirezione e ristabilendo i principi della nostra Carta costituzionale.  Già in passato, le gerarchie ecclesiastiche si sono schierate clamorosamente dalla parte dei violenti, coprendo crimini agiti spesso proprio da chi vestiva l'abito talare. E la storia ci ha mostrato che i pastori che proteggono i violenti fanno estinguere il gregge. L'auspicio è che le parti più sane delle istituzioni cattoliche - conclude Piazzoni - quelle che combattono veramente la violenza, sappiano correggere questa deriva e smentire nei fatti le parole dei vescovi", conclude Piazzoni. 


--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (338.1350946)


]]>
Diritti lgbti, legge transfobica in Ungheria. Arcigay: "Inaccettabile che l'Ue faccia finta di non vedere" Sat, 23 May 2020 15:42:58 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/640028.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/640028.html Arcigay Arcigay
DIRITTI LGBTI, LEGGE TRANSFOBICA IN UNGHERIA. ARCIGAY: "INACCETTABILE CHE L'UE FACCIA FINTA DI NON VEDERE"
Bologna, 23 maggio 2020 - "L'Unione europea non può voltarsi dall'altra parte e tradire se stessa: deve agire affinché in Ungheria non venga violato il rispetto dei diritti umani": Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay, commenta duramente l'approvazione in Ungheria della cosìdetta “Legge Insalata” proposta da Viktor Orbàn, in particolare dell'articolo 33 che vieta la rettifica anagrafica del sesso assegnato alla nascita alle persone transgender e intersessuali. "L'Ungheria - prosegue Piazzoni - è tenuta a rispettare quantosancito dalla Corte Europea dei Diritti Umani, che impegna gli stati membri a garantire il riconoscimento legale del genere ed è tenuta a dare valore alle raccomandazioni del Parlamento Europeo in merito al riconoscimento dei diritti e a favore della protezione da ogni discriminazione delle persone transgender". La Rete Trans di Arcigay, in questo senso, esprime forte preoccupazione per la comunità transgender ungherese riguardo l’ondata di stigma e di violenza a cui questa legge inevitabilmente la sottopone: "La deriva autoritaria di Orbàn - dicono le attiviste e gli attivisti della rete - ha portato all’approvazione di questa legge atta a definire permanentemente il genere di una persona soltanto “sulla base dei caratteri sessuali primari e dei cromosomi”, sebbene le identità non si possano definire esclusivamente e solo sulla base di un mero dato biologico. Si tratta di un atto gravissimo di cancellazione delle vite di migliaia di persone, del loro diritto ad esistere e ad autodeterminarsi. Presteremo tutta l'assistenza possibile al fine di contribuire alla battaglia iniziata dalle associazioni e attivisti per i diritti delle persone Transgender in Ungheria per contrastare questa norma. Ci appelliamo alla Presidente della commissione Europea Ursula von der Leyen affinchè intervenga con azioni concrete volte a ristabilire il pieno rispetto dei diritti umani in Ungheria e invitiamo la cittadinanza alla sottoscrizione della petizione lanciata sulla piattaforma ALL OUT https://action.allout.org/it/m/cb6ca9cb/#panel-action-form", concludono.


--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (3338.1350946)


]]>
Omotransfobia, Arcigay a Conte: "Bene il sostegno, il Governo faccia la sua parte per favorire l'iter legislativo" Sun, 17 May 2020 14:29:49 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/638177.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/638177.html Arcigay Arcigay
Omotransfobia, Arcigay a Conte: "Bene il sostegno, il Governo faccia la sua parte per favorire l'iter legislativo" 

Bologna, 17 maggio 2019 - "Accogliamo positivamente le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e l’appello del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte alle forze politiche affinchè convergano dopo tanti anni di discussione e tentativi andati a vuoto su un testo di legge contro le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere efficace e concreto": così Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay. Che prosegue: "La maggioranza di governo si compatti su un provvedimento di civiltà e il Governo stesso favorisca il percorso legislativo di una legge contro omofobia e transfobia. I testi di legge sul tema depositati alla camera e in attesa di discussione sono stati firmati da esponenti di tutte e 5 le forze politiche di maggioranza (M5S, PD, Italia Viva e Leu), ci sono quindi tutte le potenzialità per giungere all’approvazione di un testo che dica con chiarezza e senza ambiguità che il nostro Paese rifiuta la violenza e non tollera alcun tipo di discriminazione, tutelando le vittime di quella violenza e lavorando per la creazione di un’Italia in cui nessuno debba avere paura di essere liberamente se stesso.", conclude.


--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (338.1350946)


]]>
Omotrasfobia, 138 storie nel report Arcigay: maglia nera al nord, lì la maggioranza delle aggressioni Sat, 16 May 2020 12:56:52 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/638092.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/638092.html Arcigay Arcigay

OMOTRANSFOBIA, 138 STORIE NEL REPORT ARCIGAY: MAGLIA NERA AL NORD, Lì LA MAGGIORANZA DELLE AGGRESSIONI

Piazzoni: “Persone lgbti vulnerabili e spesso ancora invisibili”. Alle 18 diretta online sulla legge con Boldrini, Zan, Cirinnà (PD) e Maiorino (M5S)


Bologna, 16 maggio 2020 - “Quest’anno il 17 maggio, Giornata mondiale contro l'omofobia, la transfobia e la bifobia, porta con sé il trentesimo anniversario del giorno in cui l’omosessualità fu tolta dall’elenco delle malattie mentali dell’OMS”: dichiara Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay, che prosegue:  “In questi 30 anni, guardandoci intorno, abbiamo potuto misurare l'avanzamento culturale con cui ogni Paese ha capitalizzato questa conquista, comprendendo che i diversi orientamenti e le diverse identità di genere non sono malattie, e stigmatizzando chi le considera tali, perché minaccia il benessere, se non addirittura l’incolumità, di una parte della società. Le persone lgbti in Italia sono esposte a una condizione di vulnerabilità: è un fatto che non ha più bisogno di dimostrazioni, ma che vogliamo anche quest’anno approfondire”. 


Come sempre, in occasione del 17 maggio abbiamo tentato di esplorare l’odio nei confronti delle persone lgbti ripercorrendo tutte le vicende riportate dai mass media, cioè in qualche modo denunciate, rese pubbliche e definite tali da chi ne riportava il racconto. Si tratta solo della punta di un iceberg, che comunque rende l’idea dei connotati che assume l’odio omotransfobico. Dal 17 maggio scorso abbiamo censito dai giornali 134 storie di omotransfobia, più altre 4 in realtà avvenute prima di un anno fa ma che solo dopo, in fase giudiziaria, hanno messo in luce il movente. Un totale di 138 episodi, dei quali 74 avvenuti nel Nord Italia, 30 al Centro, 21 al Sud e 13 nelle Isole. 32 vicende hanno a che fare con vere e proprie aggressioni, 13 sono adescamenti a scopo di rapina, ricatto o estorsione, 9 sono violenze familiari, 31 sono discriminazioni o insulti in luoghi pubblici, come bar o  ristoranti, 17 sono scritte infamanti su muri, auto, abitazioni, 25 sono episodi di hate speech e di incitazione all’odio, online e offline, scatenati da esponenti politici, gruppi, movimenti.


“Maglia nera al Nord, - commenta Piazzoni - dove hanno avuto luogo più della metà delle storie censite e dove in effetti, in particolare in alcune città, abbiamo la sensazione concreta di un rafforzamento dell’istanza omotransfobica, spesso legittimata e reiterata anche dalle istituzioni. Ed è al Nord, infatti, che più di frequente perfino la politica attinge al linguaggio della violenza e dell’istigazione nei confronti delle persone lgbti. Sempre nel Nord si concentra uno dei fenomeni più preoccupanti che il rapporto ci rappresenta, non inedito, ma mai come quest’anno consolidato e ricorrente: gay maschi, spesso anziani ma non necessariamente, che vengono contattati da ragazzi giovani, di solito via chat. Ragazzi che poi incontrano ma dai quali vengono rapinati, o ricattati attraverso fotografie intime o sotto la minaccia di rivelare l’orientamento sessuale dell’uomo. Quello che un tempo era un fenomeno saltuario che riguardava di solito il degenerare di una relazione sexworker/cliente, oggi ha tutt’altre sembianze, cioè quelle di una trappola metodica rivolta a persone identificate come vulnerabili. Sono in tutto 13 gli episodi di questo tipo che la cronaca ha raccontato nell’ultimo anno. E ancora: al Nord si sono verificate la metà delle aggressioni (16 su 32) dei passati dodici mesi, avvenute quasi tutte per strada. Infine: guardiamo sempre con preoccupazione alle violenze familiari, presenti al Nord, come al Centro o al Sud, che quasi sempre restano nascoste ai media, ma che sono un fenomeno sempre presente e che registriamo quotidianamente attraverso le nostre reti associative, fenomeno che si è esasperato dopo le settimane di lockdown”.


Danno chiavi di lettura utili a leggere questa fotografia i dati comunicati due giorni fa dall’Agenzia per i diritti fondamentali dell’Unione europea, relativi alla più grande ricerca mai realizzata sulla popolazione lgbti, con oltre 140mila persone intervistate provenienti da circa 30 Paesi (qui il report dell’Italia) . “Il 62% delle persone lgbti intervistate nel nostro Paese - dice Piazzoni -  evita di tenere per mano il compagno o la compagna in pubblico e il 30% di loro si tiene alla larga da certi luoghi o certe zone per paura di essere aggredito o aggredita. Le persone lgbti visibili nel proprio contesto sono sotto la soglia del 40%, quindi oltre il 60% preferisce vivere nell’ombra. È questa invisibilità a produrre quella vulnerabilità che rende le persone lgbti ricattabili ed esposte a fortissime violenze psicologiche, prima ancora che fisiche. Ma per socializzare con serenità la propria condizione, una persona lgbti deve sentire attorno a sé un contesto sicuro e accogliente. A questo serve il grande lavoro culturale che da anni le associazioni come Arcigay portano avanti, a volte con grande sostegno delle istituzioni, altre volte superando i loro tentativi di censura. E a questo servirebbe una legge contro i crimini e le parole d’odio nei confronti delle persone lgbti, che da anni chiediamo e che sappiamo prossima al dibattito in aula. In quella battaglia il nostro faro sarà l’efficacia della norma e la sua corrispondenza alla domanda di giustizia che raccogliamo ogni giorno dalle persone colpite dall’odio”.


Di legge contro le discriminazioni legate all'orientamento sessuale e all'identità di genere si parlerà nella tavola rotonda online in programma oggi, 16 maggio, alle 18 in diretta dal sito di Arcigay.it: assieme al presidente nazionale Luciano Lopopolo e al segretario generale Gabriele Piazzoni interverranno i firmatari e le firmatarie delle quattro proposte di legge depositate in Parlamento, cioè l’on. Laura Boldrini (PD), l’on. Alessandro Zan (PD), la sen. Monira Cirinnà (PD) e la sen. Alessandra Maiorino (M5S).


Infine, delle 138 storie di omotransfobia censite nell’ultimo anno, cinque sono state affidate ad altrettante card virtuali, una campagna social per raccontare omofobia, lesbofobia, transfobia, bifobia e afobia esattamente nelle forme in cui le incontriamo, tutti i giorni, nella realtà. Le cinque storie mostrano l’attitudine dell’odio a cambiare forma, sembianze, linguaggio, attori, occasioni. Ma sempre odio resta, anche quando chi lo pratica lo rivendica in nome di una fraintesa libertà, quasi fosse un diritto. Invece, “La Violenza non è un diritto. Combatterla è un dovere”, recita il claim della campagna. Tutti i materiali sul sito arcigay.it


In allegato e qui il report 2020, a questo link le fonti con cui è stato costruito.
--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (338.1350946)


]]>
Diritti Lgbti, Italia ancora in coda nella Rainbow map di Ilga Europe. Arcigay: "Il Governo stia al passo di una battaglia globale" Thu, 14 May 2020 15:05:33 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/637603.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/637603.html Arcigay Arcigay
DIRITTI LGBTI, ITALIA ANCORA IN CODA NELLA RAINBOW MAP DI ILGA EUROPE. ARCIGAY: "IL GOVERNO STIA AL PASSO DI UNA BATTAGLIA GLOBALE"
Bologna, 14 maggio 2020 - "Di certo non ci coglie di sorpresa l'amara fotografia che la Rainbow Map di Ilga Europe, lo strumento attraverso il quale la ong ogni anno censisce gli avanzamenti in termini di affermazione dei diritti delle persone lgbti+ nell'area del Vecchio Continente, scatta anche quest'anno dell'Italia, trentacinquesima in una classifica di 49 Paesi": lo dichiara Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay. Che prosegue: "Pesa sul nostro Paese non solo l'immobilismo legislativo, che pone molti dei traguardi già tagliati in altre parti d'Europa in una lista molto lunga di cose ancora da fare, ma anche il reiterarsi e il rinvigorirsi di un sentimento omotransfobico che trova di frequente espressioni pubbliche, addirittura istituzionali. Ma la mappa non serve solo a farci  i conti in casa: è utile cogliere da questo articolato ritratto la portata globale della sfida sul contrasto alle discriminazioni e alle violenze basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere. Portiamo tutti e tutte assieme la responsabilità di convivere con i provvedimenti transfobici di Orban, ad esempio, e con le inaccettabili "lgbt free zone" della Polonia. E nel contempo, dobbiamo stare al passo con la Germania, che pochi giorni fa ha messo a bando le cosiddette terapie riparative, veri e propri atti di tortura praticati anche nel nostro Paese. O con la Svizzera, che poco tempo fa ha reso l'omotransfobia definitivamente reato. Consapevoli di questo impegno, abbiamo chiesto alle quattro persone che in Parlamento hanno depositato proposte di legge in tema di contrasto all'omotransfobia di partecipare a una tavola rotonda online, in diretta sabato 16 maggio, cioè alla vigilia della Giornata internazionale contro l'omotransfobia, sull'homepage del sito arcigay.it e sui nostri canali social. Assieme a me e al presidente nazionale Luciano Lopopolo, ci saranno, a partire dalle 18, l'on. Alessandro Zan (Pd), l'on. Laura Boldrini (Pd), la sen. Monica Cirinnà (Pd) e la sen. Alessandra Maiorino (M5S).", conclude Piazzoni.

--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (338.1350946)


]]>