Un peso e due misure per Alessandra Kersevan

Visualizza questa email nel tuo browser Un peso e due misure per Alessandra Kersevan La programmazione è un elemento imprescindibile dal concetto di Economia florida, senza la quale ogni azione è destinata al fallimento Che il negazionismo da ambo le parti sia un argomento molto pruriginoso ormai è fuori dubbio, ma certe volte arriva anche ad essere ridicolo.

29/nov/2014 13:02:24 Ettore Ribaudo (Segr. Prov.le Gorizia del MiR. Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.




Un peso e due misure per Alessandra Kersevan
La programmazione è un elemento imprescindibile dal concetto di Economia florida, senza la quale ogni azione è destinata al fallimento

FoibeChe il negazionismo da ambo le parti sia un argomento molto pruriginoso ormai è fuori dubbio, ma certe volte arriva anche ad essere ridicolo.

Diciamo questo perché ogni qualvolta si assiste a qualcuno che nega la shoah ecco che si alzano degli scudi e si chiede immediatamente l’incriminazione di queste individui, ma quando è un esponente sicuramente vicina alla sinistra estrema ovvero un’insegnate che nega le Foibe ecco che nessuno deve dire niente perché vige il politicamente corretto; questo lo troviamo inaccettabile sotto tutti i punti di vista perché non esistono morti di serie A o di serie B.
E’ il caso della Alessandra Kersevan, la quale non paga nell’avere sempre negato le Foibe ottiene anche per questo un contributo di 20.000 euro per la sua associazione Culturale “Kappa Vu. S.a.s”; contributo che viene negato invece a realtà sicuramente più importanti sia nel panorama associazionistico che in quello Culturale; vedasi i contributi negati a CormonsLibri.
Per questo troviamo folle avere concesso questo contributo senza che nessuno abbia mai alzato il fatidico polverone sul problema, non dimentichiamo che la Kersevan contestò sia le Foibe in generale, ma sopratutto le foibe di Basovizza, dove ricordiamo, furono trucidati uomini, donne, giovani la cui unica colpa fu quella di essere Italiani.
Allora ci chiediamo e chiediamo alla Presidente Serracchiani: perché avete concesso questi contributi a questa associazione rea di macchiarsi ripetutamente di queste vulgate fuori logica? Perché si continua a considerare i morti in maniera differente secondo la parte politica di riferimento?
Non sarebbe ora di istituire la giornata “dei morti perpetrati dai regimi dittatoriali”?
Ancora nel XXI secolo si assiste a questa diatriba dove un morto è più importante dell’altro, ma auspico che l’intelligenza e la Cultura che alberga in certi nostri Politici illuminati possa prendere il sopravvento perché, come abbiamo detto sopra, non esistono morti di serie A e di serie B, ma solo morte pertanto lasciamoli riposare in pace, magari onorandoli.

Tags: Auto, cormons, foibe, kersevan alessandra, politica, serracchiani

Basiglio-Ribaudo Ettore Guido
Componente Dipartimento Cultura di Forza Italia

Quick Links

 

 




In the News




La politica oggi sta vivendo in prima persona la rivoluzione portata dai nuova media digitali che in poco tempo hanno cambiato radicalmente la comunicazione e l'informazione. Il web diviene un canale fondamentale per la politica per ottenere i seguenti risultati: Mostrare una politica trasparente. Comunicare le proprie idee e progetti Interagire con il proprio elettorato. Palesare la propria opinione in relazione a specifici accadimenti. Mostrare la propria presenza sul territorio. Coinvolgere il cittadino su specifiche iniziative creando un vero e proprio laboratorio tipico della destra sociale.


Phone: (+39) 3346274558
Email: [email protected]
Website: http://www.ribaudo-ettore.it






THIS IS TEST EMAIL ONLY
This message was sent for the sole purpose of testing a draft message.




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl