NOMADI, GIRO-BALDI-PALLONE, “PROBLEMA NOMADI ? IL RE E’ NUDO”

12/mar/2007 19.49.00 Coordinamento regionale Forza Italia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO


Francesco Giro, coordinatore regionale del Lazio e Commissario per la Città
di
Roma, Michele Baldi, Capogruppo al Comune di Roma e Alfredo Pallone,
capogruppo
alla Regione Lazio, hanno dichiarato:

"Il re è nudo. Questa è la drammatica verità. Il sindaco Veltroni si accorge
dopo
anni di governo della sinistra a Roma che esiste il problema nomadi, che
esiste
il problema degli alloggi, che esiste il problema sicurezza, che esiste il
problema degli ospedali che chiudono, che esiste il problema dei rifiuti. E
chiede addirittura a Prodi di aggiungere ai suoi 12 punti un tredicesimo
dedicato a Roma. Insomma ci troviamo di fronte ad un quadro politico e
amministrativo deprimente e caotico che anche il congresso romano della
Margherita ha denunciato. Il discorso sui Mali di Roma di Berlusconi del 23
febbraio ha avuto il merito di scuotere questa Città perché è da quel
giorno
che precipitosamente nella Capitale le cose stanno emergendo nella loro
cruda
realtà. Sui nomadi non è mai esistita in oltre dieci anni di governo delle
sinistre una seria programmazione sulla gestione e il controllo di questa
massa
di persone. E ora dopo anni di inerzia e di sogni allegri di una giunta che
pensava solo alla politica buona e bella, come recitano le lezioni di
Veltroni
in giro per l’Italia, ci si accorge dell’emergenza nomadi. Ma non basta
abbattere frettolosamente le favelas, la cui esistenza non era un segreto
per
nessuno ma è servita la denuncia forte di Silvio Berlusconi per rompere il
clima
di omertà. Occorre prevedere dove andranno questi nomadi perchè il rischio è
quello di trasferirli da un quartiere ad un altro e di delocalizzare il
disagio.
Le leggi e i modelli esistono già applichiamoli una buona volta ! Forza
Italia
con il suo gruppo alla Regione Lazio aveva fatto nel mese di ottobre una
proposta precisa: esiste una legge regionale sui rom del 1985, che possiamo
migliorare e adeguare ai tempi. È una legge che purtroppo nessuno conosce
neppure la giunta regionale del Lazio. Parla di interazione e non di
integrazione, e la distinzione è importante. Ai nomadi vengono imposte delle
regole, anche il pagamento di una quota di soggiorno perché non possono
occupare
le nostre aree senza trarne dei precisi doveri. Si parla anche di formazione
al
lavoro, di attività artigianali, di educazione ai bambini. Se i rom
accettano
di rispettare queste e altre regole, che mai hanno voluto rispettare, allora
si
potranno affrontare l’emergenza altrimenti è l’anarchia ed è normale che i
romani scendano in piazza perché hanno paura che queste popolazioni rom
producano solo disagio e disordine. La legge regionale prevedeva anche la
nascita di una Consulta sui Nomadi e allora la giunta Marrazzo ha la
possibilità
di fare qualcosa di positivo e di realistico visto che oggi la sua
maggioranza è
identica a quella di Veltroni e molte cose diversamente dalla precedente
Giunta
regionale gli sono concesse dal SuperSindaco. Non possiamo assistere alla
sceneggiata di un prefetto come Achille Serra che si sostituisce d’un colpo
alle
funzioni e al ruolo politico di un Comune, di una Provincia e di una
Regione,
tutte governate dalla sinistra, evidentemente incapace di governare il
territorio."



Ufficio stampa Forza Italia
Coordinamento regionale del Lazio
Dott.Manuel Fondato
339-4098884

_________________________________________________________________
Push the button! Crea il tuo blog e fatti vedere...         
http://pushthebutton2006.spaces.live.com/

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl