Comunicato stampa: Rifondazione pone il veto alla candidatura di Turi Lombardo

RIFONDAZIONE COMUNISTA PONE IL VETO ALLA CANDIDATURA DI TURI LOMBARDO NELLA LISTA DI "UNITI PER LA SICILIA"

22/apr/2006 15.09.00 Unità Socialista - Federazione di Messina Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA DELLA SEGRETERIA DELL’ON TURI LOMBARDO
 

RIFONDAZIONE COMUNISTA PONE IL VETO ALLA CANDIDATURA DI TURI LOMBARDO NELLA LISTA DI “UNITI PER LA SICILIA”

 

Nel corso di una riunione nella sede di Primavera Siciliana, in vista della predisposizione delle liste per le elezioni regionali, il segretario regionale di Rifondazione Comunista Rosario Rappa ha posto il veto alla candidatura di Turi Lombardo per la prossima scadenza elettorale regionale, adducendo motivazioni assolutamente prive di fondamento.
Turi Lombardo, già deputato regionale socialista e già assessore, arrestato nel 1993 per presunta associazione a delinquere non di tipo mafioso, dopo 10 anni e 6 mesi è stato, nel corso del 2003, definitivamente assolto «perché il fatto non sussiste», con sentenza della Corte di Cassazione.
La Corte di Appello di Caltanissetta ha già condannato lo Stato Italiano e per esso il Ministero di Grazia e Giustizia e, fra qualche giorno, la Corte di Appello di Palermo si pronuncerà sull’ingiusta detenzione poiché Turi Lombardo è rimasto in carcere per più di 6 mesi.
La posizione del segretario di Rifondazione appare, quindi, assolutamente pretestuosa poiché la Magistratura, di ogni ordine e grado, ha sancito che le accuse rivolte a Turi Lombardo dalla Procura di Palermo erano prive di ogni fondamento.
Occorre anche rilevare che il veto nei confronti di Turi Lombardo non è giustificato neppure dai criteri di esclusione - codice etico - concordati prima delle elezioni politiche dai partiti che hanno dato vita al cartello elettorale “UNITI PER LA SICILIA”.
La posizione giustizialista di Rifondazione Comunista, avallata dalla Lista Di Pietro, cui recentemente ha aderito l’on. Leoluca Orlando, è l’alibi dietro cui si nasconde il timore che Turi Lombardo, grazie alla stima e alla popolarità raccolta nel corso della sua vita politica, possa essere eletto alle elezioni regionali che, diversamente da quelle politiche, consentono di esprimere il voto di preferenza.

 

DICHIARAZIONE STAMPA DELL’ON. TURI LOMBARDO

 

«Il povero Rappa è, in ordine di tempo, l’ultimo killer di un giustizialismo di sinistra che, soprattutto in Sicilia, tarda a morire.
Continuerò a dire le cose che penso e a fare quelle che ritengo giuste.
Se non è bastata l’ingiustizia del carcere a piegarmi, che volete che sia la mancanza di un seggio all’ARS.
Rappa e i suoi compari non troveranno la compiacenza di nessun socialista degno di questo nome o, se la troveranno, sarà di socialisti che hanno rinunciato alla loro storia e alla loro dignità.
In questa occasione viene difficile pensare che Rappa e i suoi compari non si rendano conto del danno politico ed elettorale che con il loro comportamento arrecano alla possibile elezione di Rita Borsellino o, forse, se ne rendono conto e per questo si comportano in questo modo».

 

 
ON. AVV. TURI LOMBARDO
Segreteria politica: via XX Settembre n°62 - 90141 Palermo
Telefono: 091/6195065 - Fax: 091/6197905
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl