Del Bue: Decreto Bersani: luci e ombre

Poi perchè tocca alcuni punti non marginali della vita quotidiana dei cittadini (dalle ricariche telefoniche, al prezzo delle benzina, alla possibilità di chiudere conti bancari senza oneri, alla possibilità di aprire una attività imprendiatoriale in un solo giorno, come del resto già proposto dall'on.

14/mar/2007 18.00.00 www.nuovopsi.com Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

"Credo che il decreto Bersani sia positivo perchè stavolta non c'è Visco, contrariamente al suo primo provvedimento autunnale. Poi perchè tocca alcuni punti non marginali della vita quotidiana dei cittadini (dalle ricariche telefoniche, al prezzo delle benzina, alla possibilità di chiudere conti bancari senza oneri, alla possibilità di aprire una attività imprendiatoriale in un solo giorno, come del resto già proposto dall'on. Capezzone). Restano le seguenti obiezioni: la forma del decreto che non appare la più idonea, la sua assurda apertura (se è una lenzuolata è una lenzuolata a pois) a un variegato insieme di questioni, la mananza di una consultazione con le categorie interessate, che non significa concertazione, ma dialogo e possbilità di comprensione dei diritti di tutti, l'inaccettabile articolo 13 che comprende alcune modifiche di fondo alla Riforma Moratti (una riforma organica smantellata per decreto e che comporta l'accentramento statale della formazione professionale oggi di competenza regionale, la mancanza di provvedimenti seri sull'attuale statalismo in materie fondamentali come l'energia, i trasporti e i servizi comunali".

It's here! Your new message!
Get new email alerts with the free
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl