Battilocchio: Larghe intese o ci rimette l'Italia

Battilocchio: Larghe intese o ci rimette l'Italia Il voto di ieri ha confermato due cose: la maggioranza non esiste più, cosi come la Cdl.

29/mar/2007 10.30.00 www.nuovopsi.com Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il voto di ieri ha confermato due cose: la maggioranza non esiste più, cosi come la Cdl. Quindi da un lato il Governo non supera i 155 voti e palesa la non autosufficenza in una materia nodale come la politica estera: é purtroppo l'ennesima volta, malgrado gli sforzi frenetici dei diplomatici 'mediatori' dell'Unione; dall'altro lato è evidente che la Cdl non esiste più. La fine dell'alleanza é stata ribadita con parole eloquenti sia da Casini che da Baccini. Anche in linea con l'inequivocabile messaggio del Presidente Napolitano di questi giorni, credo che sia giunto davvero il momento di un Governo di larghe intese che imperniato su un programma condiviso, schematico e ben definito, porti a termine quelle riforme ormai improcrastinabili, necessarie a mantenere il passo con il resto d'Europa". Lo afferma il Vicesegretario del Nuovo Psi, Alessandro Battilocchio. "La contingenza internazionale - aggiunge l'Europarlamentare - ci dice che è l'ora delle scelte ed è chiaro che un Governo col fiato corto non può prendere decisioni impegnative ed incisive, di cui pure il Paese ha un crescente bisogno. Questo percorso può essere impostato solo mettendo all'angolo le forze antagoniste ed anti-sistema che in ogni altro Paese d'Europa sono relegate all'opposizione. La scomposizione del sistema é in atto. In sintesi - conclude Battilocchio - i due blocchi sono al capolinea e l'Italia non deve perdere altri treni."

TV dinner still cooling?
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl