Noi siamo quelli che - Documento dei movimenti giovanili per la costituente socialista

Non proponiamo, dunque, un processo che si sviluppi in antitesi ad altro, ma che nasca e si sviluppi sui contenuti, partendo dall'analisi di ciò che è avvenuto nel nostro paese, ma anche in Europa e nel mondo in questo ultimo quindicennio.

16/apr/2007 21.20.00 www.nuovopsi.com Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nel sostenere l’idea di costituente socialista la nostra generazione crede sia imprescindibile trovare una koinè, ossia un linguaggio comune, che permetta a noi e a tutti coloro che vorranno intraprendere questo cammino di chiarirsi quali siano gli obbiettivi da perseguire.
Per questo, crediamo sia giusto richiamarsi alla migliore tradizione del riformismo italiano, laico, socialista, nel solco delle più evolute socialdemocrazie europee, al fine di realizzare un soggetto politico nuovo, che voglia cercare e sappia trovare risposte concrete alle esigenze ed agli interessi diffusi di una società in continuo mutamento ed in particolare della nostra generazione, che per prima dovrà affrontare le sfide di questi cambiamenti. Non proponiamo, dunque, un processo che si sviluppi in antitesi ad altro, ma che nasca e si sviluppi sui contenuti, partendo dall’analisi di ciò che è avvenuto nel nostro paese, ma anche in Europa e nel mondo in questo ultimo quindicennio.

Primo fra tutti un “sistema politico” Italia che non solo non ha saputo dare governabilità al Paese ma che non ha ridotto la frammentazione partitica ed ha anzi accresciuto a dismisura i costi e le inefficienze della politica, con sprechi che nulla hanno a che fare con i normali costi gestionali di una moderna democrazia.
In tale contesto, non semplicemente per una questione generazionale o di propaganda, riteniamo importante proporre la riduzione dell’età dell’elettorato attivo a sedici anni, quale utile strumento per tentare di contrastare la sempre più dilagante disaffezione dei giovani nei confronti della politica, come sfida ad un sistema sempre più gerontocratico e per riequilibrare gli interessi, in una società in cui fortunatamente le prospettive di vita si allungano, a favore delle nuove generazioni e dei loro bisogni ed aspettative.
Per tanto, appare del tutto imprescindibile la riforma della legge elettorale; auspicando una modifica in senso proporzionale, che nel consentire rappresentatività istituzionale induca una razionalizzazione del sistema politico attraverso l’introduzione di una soglia di sbarramento, quale quella del 5%, che non deve generare timore in una forza politica a vocazione maggioritaria.
Il programma varato dai giovani socialisti europei può quindi rappresentare un importante guida da seguire, ricca di punti che interessano la nostra generazione, da assumere come agenda di lavoro e da proporre al legislatore, non prescindendo da una fervida attività autonoma di elaborazione politica, culturale e di programma che svilupperemo con tutti coloro che vorranno contribuirvi.
Infine, proprio per misurarci con un nuovo linguaggio della politica, intendiamo lanciare oggi una campagna tesa alla costruzione di un “Manifesto identitario” aperto e innovativo, da realizzare interamente sulla base dei contributi che saranno proposti attraverso un sito appositamente creato: www.noisiamoquelliche.it . L’intenzione è quella di dare forma ad un linguaggio politico nuovo utilizzando lo strumento comunicativo proprio della nostra generazione: la Rete.

Questo processo politico ha nella giornata di oggi un primo e significativo punto di incontro, che segue alla spontanea e per ciò ancor più significativa giornata di Bertinoro.
Ci riproponiamo di dare seguito, a questa giornata odierna, con una serie di iniziative comuni, tra cui quella che si svolgerà sabato 28 aprile a Tivoli, assise ove promuoviamo ed auspichiamo un confronto, serio e serrato, da cui possa pervenire al processo di “Costituente” un contributo utile e importante di una nuova generazione che avanza, vuole crescere, responsabilizzarsi e rinnovare, senza scontri generazionali alcuni, una politica e un ceto politico tra i più vecchi d’Europa.

Associazione per La Rosa nel Pugno Tommaso Ciuffoletti
FGS Francesco Mosca
Nuovo MGS Lorenzo Pirrotta
Giovani “I Socialisti italiani” Nicola Carnovale
Costituente PSE Daniele Del Bene
Giovani sinistra DS per il socialismo Antonio Pataffio
Giovani PSDI Vittorio Sica
NGS Paolo Brizzi


www.noisiamoquelliche.it
Ahhh...imagining that irresistible "new car" smell?
Check out new cars at Yahoo! Autos.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl