Maxi emendamento, un de profundis per la cultura

14/lug/2010 17.45.58 arosati Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Roma, 14 luglio- “Il maxi emendamento presentato oggi certifica la soppressione dell’Ente teatrale italiano e il taglio del 50% sulle risorse degli enti culturali. Per la Toscana significa di fatto la messa in mora del Teatro La Pergola e un crisi profonda per 33 importanti istituti, tra i quali il Museo della Scienza, il Museo Stibbert, l’Accademia Chigiana, la Fondazione Spadolini, la Domus Mazziniana, l'Accademia lucchese di scienze, lettere ed arti”.
Lo ha dichiarato, in una nota,  il senatore Andrea Marcucci (PD), segretario della commissione cultura a Palazzo Madama.
“E’ un vero de profundis per la cultura che questo governo considera carne da macello. Incredibile la situazione in cui versa la Pergola, storico teatro di Firenze. A questo punto dell’anno- ha spiegato il parlamentare- non c’è il programma della prossima stagione e quindi neppure la campagna di abbonamenti. Anche per quanto riguarda i 33 istituti culturali della regione che subiranno tagli a bilanci già molto esigui, ad oggi non è dato sapere quali saranno i criteri adottati dalle forbici di Bondi. Sappiamo dal maxiemendamento che verranno risparmiati un totale di 10 milioni di euro e che la contropartita è la dismissione della cultura e del sapere nel nostro Paese”.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl