Comunicato stampa

06/ott/2011 10.05.59 Roberto Piva Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Alla cortese attenzione degli organi di informazione
con preghiera di pubblicazione e diffusione.
 
Cordialmente,
Roberto Piva
 

“Dona il sangue del cordone ombelicale"

 

Il consigliere regionale Roberto Piva interviene a favore della campagna informativa per la donazione del sangue del cordone ombelicale

 

 “Assieme a una nuova vita, nasce una possibilità di cura”. Questo il messaggio della campagna informativa rivolta a tutte le donne in gravidanza affinché scelgano di donare il sangue del cordone ombelicale, utile per curare malattie del sangue e del sistema immunitario.

«Il sangue del cordone ombelicale - dichiara il consigliere regionale Roberto Piva, Vicepresidente della Commissione Assembleare “Politiche per la salute e politiche sociali”- , è ricco di cellule staminali emopoietiche che possono essere utilizzate per la cura di malattie tumorali del sangue e del sistema immunitario in bambini e adulti di basso peso».

Possono donare il sangue del cordone ombelicale tutte le donne che, nella gravidanza e sulla base dello stato di salute, sono risultate idonee alla donazione. La donazione è sicura, non comporta alcun rischio per la mamma e per il neonato e non è dolorosa Il sangue raccolto viene inviato alla specifica Banca regionale, che ha sede al Centro trasfusionale del Policlinico Sant’Orsola - Malpighi di Bologna.

«Le donne interessate  a donare il sangue del cordone ombelicale - continua Piva - possono rivolgersi al reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale in cui andranno a  partorire. La donazione è anonima e gratuita».

L’opuscolo realizzato dal Servizio sanitario regionale dell’Emilia-Romagna “Dona il sangue del cordone ombelicale”, chiarisce l’importanza di questa donazione e fornisce indicazioni utili su cosa fare e a chi rivolgersi per saperne di più e per comunicare la propria volontà. L’opuscolo, realizzato con il Centro regionale di riferimento per i trapianti che coordina tutte le attività di donazione, prelievo e trapianto in Emilia-Romagna, è distribuito nei reparti di ostetricia e ginecologia degli ospedali, nei Punti nascita, nei Consultori familiari.

«Oggi tutte le mamme - conclude Piva - possono rendere ancora più grande la felicità per la nascita del proprio figlio facendo un gesto di amore verso chi è meno fortunato».



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl