Fatti, non parole!

Le dichiarazioni del governatore Renata Polverini lasciano sconcertati: dall'ospedale all'arsenico, dal pomodorificio al turismo, le sue affermazioni hanno descritto una falsa realtà.

Persone Stefano Zappalà, Mauro Mazzola, Polverini, Renata Polverini, Talete
Luoghi Roma, Lazio, Tarquinia
Argomenti politica, economia, ospedale

26/apr/2012 15.52.53 MazzolaSindaco Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Basta con le promesse elettorali! Passi ai fatti. Le dichiarazioni del governatore Renata Polverini lasciano sconcertati: dall’ospedale all’arsenico, dal pomodorificio al turismo, le sue affermazioni hanno descritto una falsa realtà. Sul presidio ospedaliero il presidente Polverini è indifendibile perché aveva deciso di chiuderlo. Se non fosse stato per l’Amministrazione Mazzola e per la mobilitazione di Tarquinia, l’ospedale sarebbe un ricordo lontano. La sanità viterbese è nel caos più completo e lei ci racconta di quanto è stata brava. Lo dica però alle migliaia di pazienti che vivono gravissimi disagi e ai medici e agli infermieri che fanno i salti mortali per garantire l’efficienza dei servizi e i numeri. Numeri che non potranno essere mantenuti senza il reintegro del personale, che ha diritto alle ferie e alla maternità. Dia le deroghe per le assunzioni. Questa sì che sarebbe serietà politica. Ancora più gravi le sue parole sull’arsenico. Invece di perdere tempo il governatore Polverini metta i soldi per comprare i dearsenificatori alla Talete. Una società, amministrata dal centro destra, che fa acqua da tutte le parti, con bilanci in profondo rosso e con un’evidente incapacità operativa. Azione cara presidente! Il tempo delle parole è finito da un pezzo! Sui rifiuti non racconti bugie. Per due anni ha considerato Tarquinia un puntino geografico dove gettare solo l’immondizia di Roma. E sui rifiuti ricordiamo che il presidente Polverini è stata commissariata. Non ha più competenze ma solo responsabilità. Il silenzio sul pomodorificio è invece imbarazzante come il sequestro della struttura avvenuto nello stesso giorno della sua visita. La gestione del sito è in mano all’ARSIAL. La Regione Lazio ha dimostrato l’inerzia più assoluta, tanto da trasformare lo stabilimento in una discarica a cielo aperto. Sul turismo il presidente Polverini smentisce l’assessore Stefano Zappalà, che due anni fa si dichiarò entusiasta del lavoro fatto dall’Amministrazione Mazzola.

                                                                                                Il candidato a sindaco Mauro Mazzola

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl