Danny Decembri, Paolo Sani - FIRENZE: in tutta la città solo 11 bagni pubblici. Ecco perché la gente si arrangia nelle vie del centro. Il PDL dice basta!

03/giu/2009 17.40.07 C.F. Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

FIRENZE: in tutta la città solo 11 bagni pubblici. Ecco perché la gente si arrangia nelle vie del centro. Il PDL dice basta!

 

Danny Decembri, Presidente del Circolo delle Libertà Il Magnifico di Firenze, candidato per il Consiglio Comunale di Firenze e Paolo Sani, membro del Circolo delle Libertà il Magnifico e candidato per il Consiglio Comunale di Sesto Fiorentino, hanno finalmente affrontato il problema della scarsità di bagni pubblici nel capoluogo toscano: considerando l’andamento delle presenze turistiche del 2009, in calo di circa il 6% rispetto al 2007-2008, Firenze, ogni anno ospita fino a sei milioni di persone.

Se dividiamo questa cifra per dodici mesi, non considerando che durante le festività o l’estate la concentrazione è naturalmente maggiore rispetto ai mesi invernali, vedremo, che ogni mese il capoluogo toscano accoglie la bellezza di 500 mila turisti.

Prendendo poi in esame le persone che ogni giorno si danno al turismo “mordi e fuggi”, visitando la città in giornata, potremmo aggiungere, altre 200 mila presenze al mese, per un totale di circa 700 mila persone.

Ebbene, queste presunte 700 mila presenze mensili – che sicuramente sono una stima molto bassa e non comprensiva dei cittadini stessi che popolano ogni giorno le strade fiorentine – hanno a disposizione ADDIRITTURA 11 toilette pubbliche, le quali, oltre ad effettuare per la maggior parte orari da ufficio (08:00-20:00, alcune fino alle 22:00) e ad avere dei giorni di chiusura, costano anche 60 centesimi ad entrata. Bologna, ad esempio, dispone di 30 servizi igienici pubblici con un costo di 25 centesimi ad entrata: il paragone tra quantità e prezzo è decisamente imbarazzante.

Una media di 63.636 persone per toilette. Una situazione che, come sostengono i due candidati del Circolo delle Libertà Il Magnifico di Firenze “ non può e non deve andare avanti così. Il turismo è un bene prezioso e faremo di tutto per migliorare la nostra Firenze, partendo proprio da disagi di questo tipo, che sicuramente non potenziano le capacità ricettive della città. Non vogliamo più che i cittadini si lamentino, perché le meravigliose vie del centro fiorentino si trasformano in ghetti, che spesso vengono “scambiati” per bagni pubblici. Il degrado deve finire e per fermarlo vogliamo fornire rimedi pratici ed utili, non solo parole”.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl