ITALIANi UE: PICCHI (PDL) bassa affluenza ma PDL primo all'Estero

ITALIANi UE: PICCHI (PDL) bassa affluenza ma PDL primo all'Estero "Nonostante il neo di una bassa partecipazione al voto, dovuto anche a problemi tecnico/organizzativi tra la Farnesina e gli stai UE di residenza dei nostri connazionali, 72.000 italiani hanno votato per il Rinnovo del Parlamento Europeo presso gli appositi seggi organizzati dalla nostra rete diplomatico e consolare.

08/giu/2009 13.47.58 Guglielmo Picchi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
"Nonostante il neo di una bassa partecipazione al voto, dovuto anche a problemi tecnico/organizzativi tra la Farnesina e gli stai UE di residenza dei nostri connazionali, 72.000 italiani hanno votato per il Rinnovo del Parlamento Europeo presso gli appositi seggi organizzati dalla nostra rete diplomatico e consolare. Il Popolo della Libertà con il 34,26% dei voti è di gran lunga il primo partito  Italiano con il PD che raccoglie un misero 23%, ribaltando il risultato elettorale delle politiche del 2008. In tutti paesi esclusi Irlanda, Spagna e Paesi Bassi il Popolo della Libertà è il primo partito". Così Guglielmo Picchi, deputato del Popolo della Libertà eletto all'estero commenta i risultati elettorali ottenuti dal PDL nei 26 paesi della UE. "Il dato all'estero è positivo e per noi un incentivo ad andare avanti con le politiche che abbiamo intrapreso. Il partito dovrà organizzarsi all'estero sotto la guida dall'On. Di Biagio ma la partenza è stata per lui e per noi favorevole con questo successo elettorale, che certo non nasconde una piccola insoddisfazione per il dato italiano francamente sotto le previsioni. I connazionali all'estero si sono dimostrati superiori alle critiche lanciate sui giornali esteri contro Silvio Berlusconi confermandoci il voto. Abbiamo lavorato sul territorio e lo abbiamo fatto bene: siamo stati gli unici con rappresentanti di lista ai seggi che hanno vigilato sul voto e i nostri delegati di lista che hanno organizzato una campagna elettorale capillare ottenendo un ottimo risultato. Là dove sono stati organizzati eventi come nel caso della Repubblica Ceca il PDL sotto la guida del nostro delegato Dott. Solazzo ha raggiunto il 51% dei suffragi.
Del PD che dire non pervenuto, assente sconfitto dalla propria politica di gossip, mentre il dato dell'Italia dei Valori dimostra quanto ancora esista un elettorato che vota solo contro Berlusconi e in modo ideologico e settario, non a favore di un progetto politico europeo come il nostro.
Per concludere sono molto soddisfatto del risultato del Regno Unito dove il PDL continua a rimanere saldamente la prima forza politica del paese. Il lavoro sul territorio e i semi piantati producono buoni frutti."
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl