Malagrotta , Iervolino: Veltroni ha le sue gravi responsabilità

30/dic/2010 15.59.46 Associazione Radicali Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il comunicato è disponibile anche in allegato, grazie e buon lavoro!

Malagrotta, Iervolino: Veltroni ha le sue gravi responsabilità

Dichiarazioni di Massimiliano Iervolino membro della giunta di Radicali
Italiani

Sulla mancata gestione virtuosa del ciclo dei rifiuti nella Capitale, sia
il centro destra che il centro sinistra hanno gravi responsabilità. Chi ha
governato per anni Roma ed il Lazio non può non riconoscere le proprie
colpe. Uno di questi è sicuramente Walter Veltroni. E’ bene ricordare che
l’ex Primo Cittadino, con l’Ordinanza N.81 del 19 marzo 2002, costituì una
Commissione di esperti allo scopo di: “individuare in tempi brevi le
iniziative da intraprendere per il miglioramento della gestione dei
servizi di smaltimento dei rifiuti, per assicurare la chiusura dell’intero
ciclo dei rifiuti e per conseguire l’innalzamento della qualità ambientale
della città”. Il comitato dei dotti era formato da: Ganapini, Gavasci,
Guerra, Masullo, Nebbia, Parmaliana, Venturi e Viviano. Alla fine dei
lavori, che terminarono il 5 luglio 2002, venne redatto un documento molto
interessante ed articolato che, individuando modi e tempi, prefigurava
l’obiettivo del 45% di differenziata da raggiungere entro il 2005. Per i
componenti della Commissione la condizione necessaria, ma non sufficiente,
per raggiungere tale ragguardevole percentuale era il superamento del
modello dei grandi contenitori in sede stradale (multimateriale) ed il
passaggio a quelli condominiali e di prossimità. Tale documento aveva come
previsione finale: il recupero di materia per il 44.8%, il recupero di
energia per il 26.4%, ed il conferimento in discarica per il 24.3%. La
commissione fece un ottimo lavoro senza cadere in pericolose politiche
populistiche, ma l’ex Sindaco Veltroni non attuò mai le proposte del
comitato di esperti, addirittura non le presentò mai alla stampa,
quell’illuminante atto rimase nei cassetti del Campidoglio. I motivi di
quel comportamento omissivo sono facilmente intuibili da chi conosce la
geografia dei poteri “forti” di Roma. Detto questo è bene ribadire che le
responsabilità su Malagrotta sono bipartisan, infatti anche l’inoperosità
di Alemanno è sotto gli occhi di tutti visto che, in quasi tra anni di
amministrazione, non ha saputo individuare un’alternativa alle grandi
discariche. Al Primo cittadino, che ieri chiedeva a mezzo stampa di fare
proposte più che proteste, mi permetto di consigliargli la lettura del
testo a prima firma Ganapini che, con i relativi aggiustamenti
quantitativi, è tutt’altro che superato.




Massimiliano Iervolino
Membro di Giunta di Radicali Italiani
via di Torre Argentina 76
00186 Roma
3453652220
m.iervolino@radicali.it
www.massimilianoiervolino.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl