Assalto squadrista della Rosa nel pugno alla conferenza sui PACS a Reggio Emilia

Allegati

05/apr/2006 18.44.03 Radicali di sinistra Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



Assalto squadrista della Rosa nel pugno alla conferenza sui PACS a Reggio Emilia organizzata da Verdi e Radicali di Sinistra. Boselli e Pannella, nulla da dichiarare?

I Radicali di Sinistra: un episodio di intolleranza e di violenza politica vergognoso.
Ectoplasmi noi? La Borghi pensi piuttosto ai tangentisti candidati nella Rosa nel pugno.
 
Dichiarazione di Fabrizio Cianci, Portavoce dei Radicali di Sinistra
 
Lunedì 3 aprile a Reggio Emilia, la rappresentante locale della Rosa nel Pugno -Stella Borghi- si è resa protagonista di un vero e proprio assalto squadrista alla conferenza in favore dei PACS organizzata da Verdi e Radicali di Sinistra a Reggio Emilia nel tentativo di far saltare l'iniziativa.
Questo l'ultimo atto di una campagna diffamatoria messa in atto dalla Borghi sui quotidiani locali e, in modo ancor più vigliacco, da Pannella su "Radio Radicale", senza diritto di replica.
Chiunque abbia memoria storica, non può dimenticare l'alleanza politica, la connivenza ideologica di Pannella con Berlusconi, la responsabilità del gruppo pannelliano nell'ascesa al potere di questa destra fuori da ogni legalità costituzionale e di garanzia democratica.
Tutto questo brucia ai pannelliani passati, per convenienza, al Centrosinistra. Brucia, soprattutto se sono i Radicali di Sinistra, nati da Bruno Zevi, uno dei più grandi critici dell'architettura contemporanea, ma soprattutto partigiano, azionista, fondatore del moderno Partito radicale, a ricordare questa macchia indelebile.
 
Oggi, dopo una vergognosa asta al ribasso tra i due poli e un accurato maquillage, i pannelliani ci parlano:
- di scuola pubblica dopo aver votato per i buoni scuola in Piemonte e Lombardia insieme a Ghigo e Formigoni e aver sostenuto la "parità scolastica" insieme al Cardinal Ruini;
- di laicità, dopo aver banchettato con Berlusconi, Buttiglione e Giovanardi e aver votato -insieme a Formigoni- una legge regionale di finanziamento a oratori e parrocchie;
- di PACS, pur essendosi svegliati solo ora dopo anni di lotte del Movimento Gay Lesbico Transessuale e Transgender e dei partiti di sinistra (tra cui i Radicali di Sinistra);
- di liberalsocialismo: dopo l'assalto dell'articolo 18 e aver messo in croce insieme al Centrodestra milioni giovani e di lavoratori con una precarizzazione sudamericana, chiedono una normativa ancor più precarizzante della Legge 30;
- di libertà di ricerca, pur difendendo le leggi Moratti che precarizza e rende ricattabili i ricercatori.
 
A chi, come la Borghi, ci chiede cosa abbiamo fatto in questi anni, rispondiamo che noi siamo stati dalla parte opposta alla sua e dei pannelliani: abbiamo difeso l'articolo 18, abbiamo manifestato contro la guerra e per il rispetto della Costituzione, contro la deforma scolastica della Moratti e per il rispetto e la piena titolarità dei diritti di cittadini omosessuali.
Le nostre battaglie sono documentate, una ad una, su www.radicalidisinistra.it
La battaglia dei Radicali di Sinistra è, quindi, nel segno della coerenza, ma anche dell'onestà: alla Borghi consigliamo, infatti, di concentrare i suoi test di radicalità non sui Radicali di Sinistra, ma sui diversi tangentisti passati in giudicato, ovvero riconosciuti come ladri dalla Giustizia, che vengono candidati nella Rosa nel pugno.
 
L'unica vera "truffa elettorale" sempre per usare l'elegante linguaggio della signora Borghi, è la Rosa nel pugno: un cartello elettorale formato da scarti del berlusconismo, nostalgici del craxismo, tangentari e voltagabbana.
Per queste ragioni rivolgiamo un appello ai radicali e ai laici affinché scelgano i Verdi il 9 e 10 aprile per sostenere chi, sui PACS, contro i finanziamenti pubblici alle scuole private, per una seria politica energetica e per i diritti dei lavoratori si è contraddistinto per una radicale scelta di laicità, giustizia e democrazia.
Sosteniamo i Verdi per un voto laico, progressista e responsabile: a fianco di Prodi e per una Unione più stabile e coesa.


 


Radicali di Sinistra . Libertari laici ecologisti . www.radicalidisinistra.it . info@radicalidisinistra.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl