Unioni civili. Il Partito "democratico" nascerà sulla pelle delle coppie di fatto, dei cittadini omosessuali e transessuali

11/gen/2007 13.49.00 Radicali di sinistra Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

   
Il Partito "democratico" nascerà sulla pelle delle coppie di fatto, dei cittadini omosessuali e transessuali 
Radicali di Sinistra sulle ipotesi di riconoscimento attraverso il Diritto privato: ma la Bindi ha mai letto il Codice civile?

Comunicato stampa

Roma, 11 gennaio 2007

 
I Pacs, o, per meglio dire, la caricatura di essi (le cosiddette Unioni civili) non saranno oggetto di dibattito al Summit dell'Unione a Caserta, organizzato per definire le priorità programmatiche e di governo.
Il Presidente del Consiglio Prodi, infatti, avrebbe sposato la linea del Ministro della Famiglia, Rosy Bindi, la quale punta al riconoscimento individuale dei diritti, attraverso un contratto privato, disconoscendo ogni riconoscimento pubblico delle coppie e famiglie di fatto.
Appare, quindi, sempre più forte dentro il futuro Pd il fronte del no al riconoscimento giuridico delle coppie di fatto e la linea di una regolarizzazione delle unioni civili solo in termini di diritto privato viene assunata non solo dai "teo-dem", ma dall'intera Margherita, con Fassino già pronto al compromesso in nome della "sintesi di culture politiche" necessaria a quello che, propagandato come "il partito dei riformisti", diviene sempre di più un organico progetto di resurrezione della DC.
 
I Radicali di Sinistra ritengono vergognoso l'uso delle coppie di fatto, dei cittadini omosessuali e transessuali come moneta di scambio tra i DS e la Margherita: è scandaloso far nascere il Partito cosiddetto "democratico" sulla pelle di milioni cittadini e attraverso la negazione di diritti civili fondamentali, peraltro già previsti dalla Costituzione.
 
Al Ministro Bindi, che parla di "riconoscimento dei diritti dei singoli e non delle unioni civili in quanto tali", vorremmo chiedere se ha mai letto il Codice civile, dal momento che i "diritti dei singoli" sono - di fatto - inapplicabili, se non attraverso una profonda - e annosa - revisione del Codice stesso: il Ministro Bindi la smetta di giocare con la vita ed il futuro di milioni di cittadini.
 

Fabrizio Cianci
Segretario politico dei Radicali di Sinistra 

fabrizio.cianci@radicalidisinistra.it

www.radicalidisinistra.it   

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl