Unioni civili, Iervolino: "E' opportuno, ed urgente, far conoscere l'articolo di oggi sul Riformista"

26/nov/2007 14.49.00 Associazione Radicali Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Unioni civili, Iervolino: “E’ opportuno, ed urgente, far conoscere l’articolo di oggi sul Riformista”

 

Dichiarazione di Massimiliano Iervolino, Segretario dell'Associazione Radicali Roma (primo firmatario della proposta di delibera di iniziativa popolare sul Registro delle Unioni Civili a Roma):

 

“Mi sembra utile sottolineare l’importante articolo del Riformista a firma Paolo Rodari, rispetto alle povere parole dell’assessore D’Ubaldo pubblicate oggi su La Repubblica. Il pezzo di Rodari ha il merito di rendere pubblica una delle principali motivazioni che ci ha spinti ad iniziare la raccolta firme sul registro delle unioni civili. La sconfitta del ddl Bindi Pollastrini ci fece capire quanto fosse urgente ripartire proprio da Roma, città di coesistenza tra la capitale d’Italia e lo Stato del Vaticano, per una nuova stagione di diritti civili. Abbiamo la responsabilità di averne riaperto il dibattito, lo abbiamo fatto coscientemente dopo aver assistito all’ingerenza vaticana nei confronti dei Dico e non abbiamo indugiato ad andare avanti nella nostra battaglia. Oggi, le preoccupazioni del Vaticano sono la dimostrazione di quanto sia utile approvare subito la delibera sulle coppie di fatto.” 

 

www.radicaliroma.com

 

Di seguito l’articolo di sui fa riferimento il comunicato stampa.

 

Il Papa scrive di speranza e osserva Roma

Il Riformista, art. di Paolo Rodari   

 

La scelta della data di uscita è significativa. Venerdì 30 novembre, festa di sant’Andrea e, insieme, ultimo giorno utile prima dell’inizio dell’Avvento, che comincia ufficialmente sabato primo dicembre, con la recita dei primi vesperi. L’Avvento: per i cristiani, tempo di attesa e di speranza e, quindi, tempo perfetto per l’uscita della seconda lettera enciclica di Benedetto XVI dedicata proprio alla seconda delle virtù teologali, la speranza, e intitolata Spe salvi (salvi nella speranza). Nella speranza cristiana, per la quale il futuro può essere guardato da credenti senza paura in virtù della fiducia che si ripone nello Spirito di Dio.

Una coincidenza: per la Chiesa, questa non è solo la settimana dell’enciclica. E’ anche la settimana della discussione e della votazione in Campidoglio - si comincia alle dodici di quest’oggi, presso la commissione consiliare competente - della proposta di delibera popolare sull’istituzione di un registro delle unioni civili. Le firme, infatti, sono state presentate lo scorso 5 luglio, e la discussione e la votazione devono svolgersi entro sei mesi dalla presentazione. E’ inutile che si tratta di un voto che preoccupa il Vaticano ma soprattutto il vicariato di Roma e la Conferenza episcopale italiana timorose, nella sostanza, che possano rientrare  dalla finestra (e proprio a Roma) quelle unioni civili che la Chiesa ha tanto osteggiato, innegabilmente con successo, almeno in Parlamento, e continua ovviamente ad osteggiare.

Ma i tempi della Chiesa non sono quelli del mondo, e non sarà certo la preoccupazione per il voto in Campidoglio a creare intoppi all’uscita della seconda enciclica di Benedetto XVI avverrà senza intoppi. Dopo la prima enciclica resa nota nel gennaio del 2006 e dedicata alla terza virtù teologale, la carità - il tema fu scelto da Wojtyla prima che morisse e papa Ratzinger lo fece suo - Benedetto XVI dedica la sua seconda enciclica (una lettera che il Papa rivolge ai vescovi e a tutti i fedeli della Chiesa) ancora a una tematica dottrinale.Anche se non è escluso che nell’enciclica ci siano accenni, o qualcosa di più, anche ad altri temi.

In particolare, anche in questa enciclica, come fu nella Deus Caritas Est, Ratzinger potrebbe dedicare qualche capitolo alle tematiche sociali. Da più parti si riteneva che avrebbero costituito l’impianto della seconda enciclica di Ratzinger. E invece no. Le tematiche sociali e la globalizzazione saranno l’oggetto di una futura terza enciclica. E a questa ne potrebbe seguire addirittura una quarta, dedicata alla prima virtù teologale, la fede.

Così il trittico fede-speranza-carità sarebbe completo. Anche perché affrontare i grandi temi sociali dei nostri tempi avendo prima approfondito e messo a punto l’essenza dell’impianto dottrinale è tipico del pensiero di questo Pontefice per il quale, prima della pratica, viene la teoria, e prima delle ripercussioni sociali della fede viene la dottrina sulla quale questa fede si fonda.
Secondo alcune indiscrezioni raccolte la Spe salvi dovrebbe essere ampia almeno tanto quanto la Deus Caritas Est. Benedetto XVI, come suo solito, ha scritto il testo in tedesco. Poi il tutto è stato tradotto in latino e in italiano. L’italiano è stato usato come testo base per la traduzione nella altre lingue. Come recita il catechismo, la speranza cristiana riprende e porta a pienezza la speranza del popolo eletto, che trova la propria origine e il proprio modello nella speranza di Abramo, colmato in Isacco delle promesse di Dio e purificato dalla prova del sacrificio: «Egli ebbe fede sperando contro ogni speranza e così divenne padre di molti popoli», spiega Paolo nella lettera ai Romani. E un excursus biblico dedicato allo svilupparsi del tema della speranza cristiana dovrebbe essere contenuto anche nel testo del Papa. Un testo nel quale non mancheranno testimonianze concrete di vita vissuta all’insegna della speranza cristiana, a cominciare dalla vita dei santi. Tanti esempi, dunque, per riportare ad attualità le tematiche dottrinali.

Venerdì prossimo, nella sala stampa della Santa Sede, il testo sarà presentato dal cardinale Georges Marie Martin Cottier, pro-teologo emerito della Casa Pontificia, e dal cardinale Albert Vanhoye, professore emerito di esegesi del Nuovo Testamento al Pontificio Istituto Biblico.

Paolo Rodari   
26/11/2007
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl