comunicato stampa/ PILLOLA DEL GIORNO DOPO: SULLA MANCATA PRESCRIZIONE LA MAGISTRATURA VUOLE VEDERCI CHIARO

11/giu/2008 17.20.00 Associazione Radicali Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
PILLOLA DEL GIORNO DOPO: SULLA MANCATA PRESCRIZIONE LA MAGISTRATURA VUOLE
VEDERCI CHIARO

Dichiarazione dell’avv. Alessandro Gerardi e di Massimiliano Iervolino,
Segretario dell’associazione Radicali Roma

Roma 11 giugno 2008
In data odierna il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di
Roma, dott.ssa Luisanna Figliolia - accogliendo la nostra opposizione - ha
rigettato la richiesta di archiviazione avanzata dal Pubblico Ministero ed
ha ordinato a quest’ultimo di proseguire le indagini nei confronti dei
medici obiettori di coscienza sulla c.d. “pillola del giorno dopo”.
In particolare il GIP ha ordinato al Pubblico Ministero di interrogare sia
il ginecologo che prestava servizio nel momento in cui la ragazza si è
recata presso l’ospedale pubblico chiedendo che le venisse prescritto il
contraccettivo d’emergenza, sia il direttore sanitario dell’azienda
ospedaliera in questione, al fine di apprendere le disposizioni
regolamentari impartite da quest’ultimo al personale sanitario e
paramedico relativamente alle modalità di prescrizione del Norlevo
(soprattutto nelle ore in cui l’ufficio della pianificazione familiare è
chiuso al pubblico). Lo stesso direttore sanitario sarà chiamato a
riferire anche sulle procedure vigenti all’interno del Pronto Soccorso con
riferimento alla registrazione obbligatoria delle pazienti in entrata.
I fatti risalgono al dicembre 2006 allorquando la Sig.ra S.P., avendo
urgente bisogno di poter usufruire della contraccezione d’emergenza, si
recò presso un ospedale romano chiedendo ai medici di turno la ricetta
medica necessaria all’acquisto della pillola del giorno dopo. Nella
circostanza la ragazza, il cui passaggio non venne nemmeno registrato
all’ingresso, non riuscì a parlare con il ginecologo e venne allontanata
da alcune infermiere sulla base del fatto che il medico di turno, essendo
obiettore di coscienza, non avrebbe in alcun caso potuto effettuare quel
tipo di prestazione.
All’esito delle indagini la Procura di Roma aveva chiesto l’archiviazione
del procedimento in quanto, a suo giudizio, i medici obiettori di
coscienza avrebbero comunque esercitato un loro legittimo diritto,
perlomeno sotto il profilo putativo. Il GIP ha respinto le conclusioni
alle quali è giunto l’organo inquirente ed ha invece accolto la nostra
tesi disponendo la prosecuzione delle indagini per altri due mesi al fine
di accertare e verificare se ed in che misura l’azienda sanitaria in
questione abbia fatto corretta applicazione del proprio protocollo interno
nonché delle disposizioni regolamentari dirette a garantire la fruizione
del servizio pubblico (nel caso di specie, prescrizione di un
contraccettivo d’emergenza) alle pazienti che ne facciano legittima
richiesta.
Dopo quella della scorsa settimana, questa è la seconda volta che un
Giudice del Tribunale di Roma ci dà ragione: ora non ci resta che vigilare
affinché la procura di Roma svolga fino in fondo il proprio dovere
approfondendo le indagini; restiamo infatti convinti che il richiamo
all’obiezione di coscienza da parte del medico non possa in alcun caso
celare pratiche omissive e dannose a danno di chi voglia semplicemente
usufruire di un farmaco classificato tra i contraccettivi d’emergenza e
legalmente in commercio da otto anni.





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl