, Iervolino: “La tassa sui rifiuti non deve essere cal?= colata in base ai metri quadri =?iso-8859-1?Q?dell’abitazione, bensì in base alla quantità di ri?= fiuti prodotti dai nuclei =?iso-8859-1?Q?familiari.”?dell’abitazione, be

familiari."?dell'abitazione, be Rifiuti/ Regione Lazio, Iervolino: "La tassa sui rifiuti non deve essere calcolata in base ai metri quadri dell'abitazione, bensì in base alla quantità di rifiuti prodotti dai nuclei familiari".

17/giu/2008 14.49.00 Associazione Radicali Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Rifiuti/ Regione Lazio, Iervolino: “La tassa sui rifiuti non deve essere calcolata in base ai metri quadri dell’abitazione, bensì in base alla quantità di rifiuti prodotti dai nuclei familiari.”

Dichiarazione di Massimiliano Iervolino, segretario dell’Associazione Radicali Roma:

“In Italia, quando si parla di riciclo dei rifiuti, i cittadini sono così sfiduciati da pensare che le strategie di riciclo possano esistere solo nelle favole. Invece, riciclare fino al 90% dei rifiuti è possibile. Lo si fa già e non in un pianeta lontano, bensì qui vicino a noi, in Europa, in Germania. Le istituzioni tedesche, per il trattamento dei rifiuti, hanno adottato una legge detta “delle 3R”: riciclo, riutilizzo, riduzione. Questa legge impegna i cittadini ad effettuare una accurata differenziazione dei rifiuti. In cambio della loro diligenza e responsabilità, le famiglie o le singole persone che producono meno rifiuti non riciclabili pagano meno la relativa tassa di smaltimento. La tassa sui rifiuti in Germania non viene calcolata in base ai metri quadri dell’abitazione, bensì in base alla quantità di rifiuti prodotti dai nuclei familiari. In questo modo per esempio, una persona anziana che vive sola e differenzia con cura i rifiuti, non paga le tasse in modo iniquo. Anche una famiglia numerosa che differenzia bene i rifiuti pagherà meno tasse di una famiglia altrettanto numerosa ma più indisciplinata. Una raccolta differenziata “spinta” è possibile attraverso il “porta a porta” e attraverso un incentivo alle famiglie, più differenzi meno paghi. Spero che il Presidente Marrazzo voglia prendere in seria considerazione questa proposta.” 

 

www.radicaliroma.com




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl