Scuola , Bacaro e Iervolino: “Un opuscolo sul presepe? L'Assessore pensi a comprare il materiale didattico”

sul come costruirne uno in cartone; contestualmente stato bandito un concorso, dal medesimo solerte Assessore, fra 42 scuole materne ed elementari per scegliere i pi bei presepi preparati dagli alunni; entrambe le iniziative nell'ambito di un progetto dal titolo "Una cultura comune: il presepe simbolo di pace universale tra i popoli".

26/nov/2008 13.46.55 Associazione Radicali Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato stampa anche in allegato.
Grazie

Scuola, Bacaro e Iervolino: “Un opuscolo sul presepe? L'Assessore pensi a
comprare il materiale didattico”


Dichiarazione di Demetrio Bacaro e Massimiliano Iervolino rispettivamente
tesoriere e segretario dell’associazione Radicali Roma

“Apprendiamo che l’Assessore alla Politiche Educative del Comune di Roma
ha deciso l’invio a tutti gli alunni delle scuole elementari della
capitale di un opuscolo sulla storia del Presepe e di un gadget (?!?) sul
come costruirne uno in cartone; contestualmente stato bandito un
concorso, dal medesimo solerte Assessore, fra 42 scuole materne ed
elementari per scegliere i pi bei presepi preparati dagli alunni;
entrambe le iniziative nell’ambito di un progetto dal titolo “"Una cultura
comune: il presepe simbolo di pace universale tra i popoli". Vorremmo
conoscere dall’Assessore l’entit delle risorse economiche impiegate per
questa iniziativa e sapere anche se l’Assessore conosce la situazione di
diffusa e drammatica carenza dei materiali didattici e non solo nelle
scuole romane: sa l’Assessore che in molte scuole i genitori si “tassano”
per comprare pennarelli e carta igienica? In tali condizioni che senso ha
scrivere sul sito del Comune “..Alunni e insegnanti sono invitati a
sbrigliare la fantasia, sperimentando le diverse tecniche, tradizionali e
non, di realizzazione del presepe..”? Un delicato eufemismo forse per
sottoporre le famiglie ad altri esborsi per la vanit e la gloria delle
diverse scuole e dell’Assessore Marsilio.
Sulla scelta poi del Presepe come strumento di pacificazione fra i popoli,
in una realt ormai multi etnica e plurireligiosa come la nostra, almeno
qualche perplessit la suscita. Ma nel programma di governo del centro
destra non si enfatizzata la necessit di una maggior conoscenza della
Costituzione e della educazione civica? L’Assessore non pu ignorare ci
che a chiare lettere la nostra Carta dice a proposito della laicit dello
Stato e dei diritti dell’individuo al rispetto delle proprie convinzioni
anche religiose. Perch allora non distribuire un libretto, che sarebbe
valso anche come gadget, sulla dichiarazione dei diritti universali
dell’uomo? Non ritiene l’Assessore che tale gesto sarebbe stato strumento
pi utile per una coscientizzazione infantile sulla pace fra i popoli.
Purtroppo il dubbi che l’ennesima iniziativa di questo tipo sia volta ad
ingraziarsi sempre e comunque le gerarchie ecclesiastiche vaticane, che
non essendo di per s esecrabile, lo diventa quando il disegno perseguito
proviene da amministratori di cosa pubblica, per definizione garanti della
pluralit dei soggetti amministrati. Dopo gli insegnanti di religione in
corsia preferenziale per gli incarichi negli asili nido, ora i pamphlet ed
i concorsi sul Presepe; l’Associazione Radicali Roma invita, ancora una
volta, l’Assessore Marsilio ad un confronto su questi temi, magari
partecipando al Congresso dell’Associazione il 5 e 6 dicembre 2008 in Via
Torre Argentina 76.”

www.radicaliroma.com


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl