Radicali/ referendum regionali Audizione e conferenza stampa

Marted 24 marzo: - Alle ore 12.00 presso il Consiglio Regionale del Lazio (via della Pisana) in I Commissione consiliare Affari Istituzionali e Statutari (sala Latini) si terr l'audizione dei Radicali inerente a: REFERENDUM PROPOSITIVI ED ABROGATIVI IN REGIONE LAZIO - A margine dell'audizione in Commissione, alle ore 15.30, presso la sede del Partito Radicale in via di Torre Argentina 76, si terr una conferenza stampa dal titolo: I REFERENDUM IM/POSSIBILI?

23/mar/2009 15.25.12 Associazione Radicali Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il comunicato stampa disponibile anche in allegato.
Grazie e buon lavoro


Audizione e conferenza stampa
REFERENDUM REGIONALI PROPOSITIVI ED ABROGATIVI.
I REFERENDUM IM/POSSIBILI?
Lo Statuto della Regione Lazio prevede che 50.000 elettori possano
promuovere referendum abrogativi e propositivi, ma questo potere
realmente effettivo?
Marted 24 marzo:
- Alle ore 12.00 presso il Consiglio Regionale del Lazio (via della
Pisana) in I Commissione consiliare Affari Istituzionali e Statutari (sala
Latini) si terr l’audizione dei Radicali inerente a:
REFERENDUM PROPOSITIVI ED ABROGATIVI IN REGIONE LAZIO

- A margine dell’audizione in Commissione, alle ore 15.30, presso la sede
del Partito Radicale in via di Torre Argentina 76, si terr una conferenza
stampa dal titolo:
I REFERENDUM IM/POSSIBILI?
Parteciperanno:
Massimiliano IERVOLINO, membro della Direzione Nazionale di Radicali Italiani
On. Daniele FICHERA, Assessore agli Affari Istituzionale per la Regione Lazio
Alessandro MASSARI, membro della Direzione Nazionale di Radicali Italiani
ascoltato in audizione dalla I Commissione consiliare Affari Istituzionali
e Statutari della Regione Lazio.
Diego SABATINELLI, Segretario Lega Divorzio Breve

Statuto della Regione Lazio
Art. 61
(Referendum abrogativo di leggi, regolamenti ed atti amministrativi)
1. Il referendum per l’abrogazione totale o parziale di una legge
regionale, di un regolamento regionale e di un atto amministrativo
generale indetto dal Presidente della Regione quando lo richiedano:
a) cinquantamila elettori;
b) due consigli provinciali con deliberazione adottata a maggioranza dei
due terzi dei componenti di ciascun consiglio;
c) dieci consigli comunali che abbiano iscritti nelle liste elettorali non
meno di cinquantamila elettori, nel loro complesso, con deliberazione
adottata a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascun consiglio.
2. La proposta soggetta a referendum approvata se alla votazione ha
partecipato la maggioranza degli aventi diritto ed stata raggiunta la
maggioranza dei voti validamente espressi.
3. L’abrogazione a seguito del referendum ha effetto il centoventesimo
giorno successivo alla pubblicazione dei risultati della consultazione
popolare.
Art. 62
(Referendum propositivo di leggi regionali)
1. I soggetti titolari del potere di promuovere il referendum abrogativo
di cui all’articolo 61 possono presentare al Presidente del Consiglio
regionale, con le modalit previste dallo stesso articolo e dall’articolo
37, comma 4, una proposta di legge regionale da sottoporre a referendum
propositivo popolare.
2. Qualora il Consiglio regionale non abbia deliberato in ordine alla
proposta di legge da sottoporre al referendum propositivo entro un anno
dalla dichiarazione di ammissibilit della relativa richiesta, il
Presidente della Regione, con proprio decreto, indice il referendum
propositivo popolare sulla proposta stessa.
3. L’esito del referendum favorevole se ha partecipato alla votazione la
maggioranza degli aventi diritto ed stata raggiunta la maggioranza dei
voti validamente espressi.
4. Entro sessanta giorni dalla proclamazione dei risultati del referendum
propositivo, se l’esito favorevole, il Consiglio tenuto ad esaminare
la proposta di legge sottoposta al referendum stesso.
5. La proposta di legge oggetto di referendum propositivo non decade alla
fine della legislatura e, in tale caso, i termini di cui ai commi 2 e 4
decorrono nuovamente dalla data di insediamento del nuovo Consiglio.



Massimiliano Iervolino
Membro della Direzione Nazionale di Radicali Italiani
via di Torre Argentina 76
00186 Roma
3453652220
m.iervolino@radicali.it
www.massimilianoiervolino.it





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl