Comunicato dal PRC: solidarietà ai lavoratori del Sasmant e dell'ORSA Navigazione

24/gen/2007 03.20.00 Rifondazione Comunista -circolo Peppino Impastato- Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

  Partito della Rifondazione Comunista

  Federazione di Messina

  Via S. Paolo dei disciplinanti , 8  - 98122 Messina . Tel 09044236 e mail       prc.impastato@tiscali.it                                  

 

 

 

 

 Alla c.att.ne dei capiservizio delle testate in indirizzo

alla c.att.ne del caposervizio cronaca di Messina della Gazzeta del Sud

 

Comunicato Stampa

 

CLIMA PESANTE ALLA STAZIONE MARITTIMA.RIFONDAZIONE COMUNISTA CON I LAVORATORI COLPITI DA INGIUSTI PROVVEDIMENTI.

 

Dopo il drammatico incidente nello Stretto di Messina in cui hanno perso la vita quattro marittimi delle FS ci saremmo aspettati da parte della dirigenza di RFI un segnale chiaro della volontà di rilanciare il traghettamento pubblico ed una maggiore attenzione verso i problemi segnalati dai lavoratori.

Le notizie che invece giungono dalla Stazione marittima di Messina sono purtroppo di tutt'altro tenore:i sindacati Sasmant , Sap e Orsa/ navigazione segnalano infatti nuovi atti intimidatori  ai danni di loro esponenti colpevoli solo di battersi per la stabilizzazione dei precari e per migliorare la qualità del lavoro e del servizio offerto ai cittadini anche attraverso la denuncia dei numerosi disservizi, del collasso delle strutture e della sicurezza.

E' sempre la solita storia: le nuove strategie aziendali, nel privato come in quel che resta del pubblico, considerano il dipendente che vuole discutere le condizioni ed i modi in cui opera come un mero ostacolo al "buon andamento del lavoro", soprattutto quando questo dipendente si permette di sottolineare che l'andamento in questione non è buono proprio per niente portando a conoscenza dell'opinione pubblica ciò che veramente crea ostacoli e difficoltà al proprio lavoro.Ma, per fortuna, il diritto di manifestare il proprio pensiero è garantito sia dalla Costituzione quanto dallo Statuto dei Lavoratori ,  leggi fondamentali rispetto alle quali nessuna azienda- pubblica o privata che sia - gode di alcuna forma di extraterritorialità.

Chi opera ritorsioni nei confronti di propri dipendenti che manifestano - civilmente-disagio oppure sono  impegnati in vertenze sindacali si pone dunque fuori dalle regole minime della convivenza civile e va sanzionato ai sensi delle norme vigenti. 

Rifondazione Comunista manifesta  perciò ancora una volta la propria vicinanza  ed il proprio sostegno attivo a Mariano Massaro, Sebastiano Pino ed a tutti gli altri lavoratori che non chinano la testa e vogliono proseguire nella lotta per un traghettamento pubblico decoroso, efficiente e che non metta a repentaglio la salute -quando non la vita- di operatori e utenti.

Messina 24 gennaio 07

il segretario cittadino

Tonino Cafeo

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl