Il segretario provinciale PRC sull'ATO3: via Barresi e La Macchia

Il segretario provinciale PRC sull'ATO3: via Barresi e La Macchia Partito della Rifondazione Comunista Federazione di Messina Via S. Paolo dei disciplinanti, is. 369 n. 37 - 98122 Messina.

08/feb/2007 00.30.00 Rifondazione Comunista -circolo Peppino Impastato- Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

  Partito della Rifondazione Comunista

  Federazione di Messina

  Via S. Paolo dei disciplinanti , is. 369 n. 37  - 98122 Messina . Tel 09044236 e mail       prc.impastato@tiscali.it                                  

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

 

 

Pr. 7/ org 2007

 

L’apertura di un’inchiesta da parte della Procura della Repubblica sulle assunzioni dell’ATO 3 ME è un atto plausibile e consente di accertare la verità sul versante di presunte responsabilità penali. Come Segretario di Rifondazione comunista ho già reso la mia disponibilità a fornire ogni informazione utile allo svolgimento dell’indagine giudiziaria.

Ma al di la degli esiti giudiziari  la condanna del metodo consociativo deve essere netta e non limitata a dichiarazioni spesso rituali e scontate.

Rifondazione comunista considera il consociativismo un micidiale sistema politico-istituzionale  incompatibile con l’organizzazione democratica della società civile. Quando la trasparenza, il rispetto delle regole, i valori morali  vengono calpestati c’è ben poco da mediare.

In una città come Messina, scossa da tragedie e scandali  (i morti dello Stretto, i marittimi, gli operai della Birra Messina, il sacco edilizio…),  è inaccettabile  far passare senza agire uno scandalo che ha avuto risonanza nazionale.

Rifondazione Comunista aveva già chiesto in data 3.2.07 la revoca immediata dei provvedimenti dell’ATO che hanno trasformato a tempo indeterminato i contratti di lavoro a termine, ma il Consiglio di Amministrazione nella riunione del 6 .2.07 ha difeso le proprie scelte.

Se i fatti sono questi, e se è vero che tra i nomi dei beneficiari assunti dall’ATO, tramite colloquio (!) ne risulta uno coinvolto nell’inchiesta  sulle infiltrazioni mafiose a Messina Ambiente” (Gazzetta del Sud), mi pare logico che si chiedano le immediate dimissioni del  presidente Barresi e dell’A.D. Lamacchia e non esclusa la richiesta dell’intervento della Commissione Antimafia Nazionale per tutto quello che interessa l’ambito politico-istituzionale.

Il PRC vuole vederci chiaro a partire dalla prima fase delle assunzioni a termine.

Rifondazione Comunista non intende fare ne quadrati ne cerchi ne triangolazioni al proprio interno e tantomeno al Centrosinistra.

I rapporti di fiducia li costruiamo  sull’attività e sull’impegno che ogni compagno come Peppe Previti, ha espresso ed esprime nella società e nelle Istituzioni.

Poi se ci  sono elementi che dimostrano il contrario si dicano.

A Messina ed in Sicilia c’è molto da fare sul fronte della trasparenza, a cominciare dall’invenzione di reparti ospedalieri e di carrozzoni clientelari sparsi in tutto il territorio e pilotati Centro-Destra.

Penso, paradossalmente, che  questa vicenda possa servire a Rifondazione Comunista per mettere alla prova una classe politica dirigente, sfidandola su progetti di legge, anche di iniziativa popolare, che garantiscano legalità e trasparenza nella gestione della cosa pubblica a Messina e Sicilia ovunque: nel settore della sanità, degli appalti, dell’agricoltura, dell’ambiente, etc.

Trasparenza ovunque!

Messina 7 febbraio 2007

 

Il segretario provinciale

Filippo Giunta

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl