Comunicato dal PRC : Blocco dell'Enotria. Cosa vuol fare RFI?

Cosa vuol fare RFI?

19/feb/2007 19.00.00 Rifondazione Comunista -circolo Peppino Impastato- Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

  Partito della Rifondazione Comunista

  Federazione di Messina

  Via S. Paolo dei disciplinanti , is. 369 n. 37  - 98122 Messina . Tel 09044236 e mail       prc.impastato@tiscali.it                                  

 

 

 

 

 

 
Alla c.att.ne dei capiservizio delle testate in indirizzo
alla c.att.ne del caposervizio cronaca di Messina della Gazzetta del Sud
 
COMUNICATO STAMPA
 
 
BLOCCO DELL'ENOTRIA:COSA VUOL FARE RFI?
È giunta questa mattina la decisione di RFI- navigazione di disarmare la nave Enotria. Le organizzazioni sindacali, impegnate nelle ultime settimane in una dura vertenza contro la riduzione delle tabelle d'armamento, sono allarmati da questa decisione ed annunciano nuove azioni di protesta.
Sull'Enotria, acquistata nel 2002, sono state effettuate delle prove di navigazione con la tabella d’armamento ridotta, 7 uomini a bordo invece di 10. Da oggi,al posto dell'Enotria, navigano nello stretto ,con nuove  turnazioni, le due navi Budelli e Razzoli.
 
Il mancato impiego del traghetto con le ridotte tabelle significherebbe infatti, secondo la società, non essere in grado di stare al passo con la concorrenza privati.

Già da mesi le navi di Caronte e Tourist navigano, infatti, sulla tratta Tremestieri - Villa San Giovanni con 7 uomini a bordo per ogni turno.

Per i sindacati, invece, un atteggiamento arrogante dei vertici di Rfi, considerato che le due navi che dovrebbero sostituire l'Enotria sulla tratta Messina-Villa S. Giovanni, hanno una capacità di carico inferiore, 9 mezzi pesanti invece che diciotto e consumi elevati.

Una scelta che per il sindacato favorisce ancora una volta le compagnie private e segno evidente della politica di dismissione in riva allo Stretto.

Le sigle sindacali, in un documento congiunto, auspicano l’intervento della Magistratura per fare luce sull’acquisto di Budelli e Razzoli che, in passato, ben tre commissioni tecniche hanno bocciato e giudicano inadeguata e incompetente l’attuale dirigenza che, negli ultimi 10 anni, ha ridotto in modo massiccio il personale, passando da 1800 unità a 626.

Il Partito della Rifondazione Comunista, che , con il suo circolo Peppino Impastato, continua a stare vicino ai lavoratori ed alle loro famiglie, si chiede se c'è ancora posto per la navigazione nello Stretto di Messina nelle strategie aziendali di RFI e quando l'azienda si deciderà a mantenere gli impegni presi col ministro dei trasporti Bianchi in occasione dell' incontro svolto il sette febbraio scorso a Roma, le cui conclusioni prevedevano- è bene ricordarlo-una moratoria della riduzione delle tabelle d'armamento fino alla conclusione dei lavori della commissione sulla sicurezza.
 
Il segretario cittadino
Tonino Cafeo
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl