COMUNICATO DAL PRC.Vertenza Stretto: bisogna superare lo stallo

COMUNICATO DAL PRC.Vertenza Stretto: bisogna superare lo stallo Partito della Rifondazione Comunista Federazione di Messina Via S. Paolo dei disciplinanti, is. 369 n. 37 - 98122 Messina.

08/mar/2007 09.10.00 Rifondazione Comunista -circolo Peppino Impastato- Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
 

  Partito della Rifondazione Comunista

  Federazione di Messina

  Via S. Paolo dei disciplinanti , is. 369 n. 37  - 98122 Messina . Tel 09044236 e mail       prc.impastato@tiscali.it                                  

 

 

 

 

 Alla c.att.ne dei capiservizio delle testate in indirizzo

Al caposervizio cronaca di Messina della Gazzetta del Sud

 

Comunicato Stampa

 

VERTENZA DELLO STRETTO : BISOGNA SUPERARE LO STALLO

 

I lavoratori precari di Rete Ferroviaria Italiana ,impegnati da mesi in una lunga vertenza per la stabilità del lavoro e la sicurezza della navigazione nelle acque dello stretto di Messina, intraprendono oggi una nuova azione di lotta occupando gli uffici direzionali della Stazione Marittima. La decisione è frutto dell'assenza totale di risposte da parte dei vertici societari nei confronti della ferma opposizione dei lavoratori alla riduzione delle tabelle di armamento, da dieci a sette unità.

Nonostante le rassicurazioni, infatti, l'azienda non sembra intenzionata a tornare indietro rispetto alle proprie decisioni: prova ne è la prosecuzione delle prove di navigazione  della nave Enotria  con sette unità di equipaggio, duramente avversate dai lavoratori con blocchi ormai quotidiani.

Rifondazione Comunista, nel ribadire piena solidarietà ai marittimi e alle loro famiglie,intende denunciare per l'ennesima volta la gestione scandalosa sia del servizio pubblico di traghettamento quanto delle relazioni sindacali da parte dell'attuale dirigenza di RFI, la quale continua nella propria opera di sostanziale dismissione del traghettamento e risponde alle iniziative dei lavoratori assumendo comportamenti tesi a provocarne la reazione  attraverso atti di discriminazione e terrorismo psicologico verso tutti coloro che sono maggiormente esposti nella vertenza.

La sordità dei vertici di RFI rispetto agli innumerevoli richiami ad un comportamento più responsabile giunti dalle diverse istituzioni che hanno avuto un ruolo di mediazione nella vertenza ha superato il livello di guardia:

Il PRC impegna perciò  i propri organismi locali e la propria deputazione a sollecitare il ministero dei Trasporti perchè richiami le parti attorno al tavolo negoziale in modo da giungere quanto prima ad una positiva risoluzione della vertenza attraverso la revisione delle tabelle d'armamento secondo criteri che garantiscano sicurezza, buoni livelli occupazionali ed efficienza del servizio.

Superata l'emergenza, sarà necessario però tenere aperto il problema della navigazione nello Stretto come grande questione nazionale: Il piano dei trasporti che il governo Prodi si appresta a varare dovrà costituire un punto di svolta rispetto a quanto si è fatto finora e ridare alle aziende pubbliche di trasporto la funzione primaria di assicurare ai cittadini il diritto ad una mobilità efficiente, sicura ed economica rinunciando a grandi opere dispendiose e antiecologiche e privilegiando quegli investimenti in grado di modernizzare reti e mezzi salvaguardando i livelli occupazionali. In questo quadro,Rifondazione Comunista assicura il proprio impegno affinchè i fondi previsti per le infrastrutture nel meridione siano utilizzati anche per lo stretto di Messina, come previsto dal programma dell' Unione.

il Segretario Cittadino

Tonino Cafeo


 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl