SPADONI (UdC):"SOLIDARIETA' AL GRUPPO EQUITALIA"

SPADONI (UdC):"SOLIDARIETÀ AL GRUPPO EQUITALIA".

Persone Spadoni, Gianfranco
Luoghi Italia, Ravenna
Organizzazioni Gruppo Equitalia, Udc
Argomenti diritto, politica, etica, economia, legislazione

11/gen/2012 11.56.10 Morena Pompignoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il Consiglio Provinciale di Ravenna premesso

• che il nostro Paese, al pari di quasi tutte
le altre nazioni del mondo, sta attraversando da alcuni anni un congiuntura economica estremamente negativa;

• che una della cause principali della crisi italiana è l’abnorme mole di evasione fiscale da parte di larghe fasce di soggetti;

• che l’articolo 53 della Costituzione della Repubblica Italiana prevede che “tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva”;

• che è indispensabile principio di civiltà e di equità quello della così detta “responsabilità patrimoniale del debitore”, positivamente codificato anche in capo privatistico all’articolo 2740 del codice civile e che recita che “il debitore risponde dell’adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri”;

• che è evidente l’importanza dell’adempimento dell’obbligazione tributaria che consente alle strutture pubbliche di erogare servizi alla generalità dei consociati, ivi compresi, giustamente, coloro che, senza colpa alcuna, non sono in grado di concorrere alle spese;

• che non pare equo né moralmente giusto,che taluni soggetti possano invece beneficiare di tali servizi, senza però contribuire, pur avendone le possibilità, sottraendosi, anche fraudolentemente, a tale dovere;

• che lo Stato, in particolare con la riforma avviata nel 2006, ha riportato in mano pubblica il sistema di riscossione al fine di conseguire un sistema esattivo più omogeneo su tutto il territorio nazionale;

• che uno degli scopi che lo Stato ha inteso perseguire con tale riforma è quello di individuare e perseguire coloro che non adempiono al dovere costituzionalmente codificato di concorrere alle spese pubbliche;

• che uno degli strumenti di cui lo Stato si serve per conseguire tale scopo sono le società del gruppo Equitalia;

• che tali società non svolgono ruolo alcuno nell’accertamento delle somme dovute dai contribuenti, ma si limitano, nel rigido rispetto della normativa e delle istruzioni ministeriali, a riscuotere le somme dovute, anche ricorrendo ad espropriazione forzata laddove il debitore non dovesse adempiere spontaneamente;

• che oltre ottomila sono le persone che giornalmente svolgono la propria attività alle dipendenze di tali società;

• che da molti mesi è in corso una campagna di ostilità e delegittimazione nei confronti del gruppo Equitalia, ostilità alimentata anche da una certa superficialità e, talvolta, strumentalità, di parte del sistema mediatico;

• che tale ostilità sta sfociando, con un escalation preoccupante, in criminali gesti intimidatori, spesso concretizzantisi in gravi danni alle persone e alle strutture del gruppo Equitalia ed assumendo, sempre più, la sostanza di veri e propri atti terroristici;

• che pare opportuna una ferma presa di posizione da parte di tutta la società civile

esprime

• la più ferma condanna dei criminali e terroristici gesti di intimidazione ai danni delle società del Gruppo Equitalia;

• la propria vicinanza nei confronti del personale di Equitalia ed in particolare nei confronti di coloro che, in prima persona, hanno sperimentato le devastanti conseguenze di tali vili atti terroristici.

Gianfranco Spadoni Consigliere Provinciale Ravenna

http://www.facebook.com/gianfranco.spadoni

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl