SPADONI (UdC):"REGIONE, GRADIMENTO DEI PRESIDENTI OCCORRE UNO SFROZO PER I PAGAMENTI AI FORNITORI"

13/gen/2012 11.10.23 Morena Pompignoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La terza rilevazione trimestrale dell’Istituto di ricerca del gruppo BSE “Monitoregione” di Datamonitor, ha reso noto i dati sul gradimento dei governatori regionali.

Sul gradino più alto si conferma il presidente del Veneto Luca Zaia con un 60,2% di apprezzamento seguito dal suo omologo della Lombardia Roberto Formigoni con un 60% e dal presidente della Toscana Enrico Rossi con un 59,4%. Molto buona anche la posizione di Vasco Errani, governatore dell’Emilia Romagna il quale, pur scendendo al quarto posto con il 58,2% (meno 0,9% rispetto al trimestre precedente), ottiene un ottimo piazzamento, così come merita di essere citata la posizione di Raffaele Lombardo della Sicilia cui è attribuita la percentuale di gradimento del 56,6%.

Come cittadino romagnolo non posso non compiacermi del risultato ottenuto dal governatore Errani, al quale, in ogni modo vorrei evidenziargli un’altra indagine statistica di taglio negativo per la nostra regione. Vale a dire quella riferita ai ritardi di pagamento in cui la regione Emilia Romagna con i suoi 288 giorni – otto mesi e mezzo – di ritardo nei pagamenti risulta a pieno titolo nel gruppo delle regioni peggiori rispetto a quelle definite “virtuose”. Sulla base dei dati diffusi dal centro studi Cgia di Mestre l’ Emilia Romagna, infatti, si colloca dopo la Sicilia e appena prima di Puglia e Sardegna, a differenza della Lombardia, del Trentino e del Friuli Venezia e Giulia con soli tre mesi. In particolare, solo per citare qualche esempio, l’AUsl di Forlì salda i suoi debiti in quasi 17 mesi di tempo, il Policlinico di Modena ritarda di 480 giorni e l’Ausl di Bologna di 372, mentre l’azienda sanitaria locale di Ravenna, tutto considerato, contiene i pagamenti in tempi abbastanza accettabili.

In ogni caso la direttiva europea fissa a 60 giorni il tempo massimo del pagamento ai fornitori, pertanto se si vuole dare impulso all’economia e allo sviluppo concorrendo alla tenuta del sistema imprenditoriale, invito il nostro governatore regionale a un serio impegno diretto su questo versante. Peraltro lo sforzo richiesto dal sottoscritto mi pare s’ inserisca perfettamente nel solco tracciato dall’attuale governo Monti.

http://www.facebook.com/gianfranco.spadoni

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl