Lettera aperta al Ministro Tremonti a proposito di Abolizione degli Studi di Settore

10/gen/2010 17.10.23 Imprenditori d'Italia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Lettera Aperta


Onorevole Ministro Tremonti Giulio
Presso Camera dei Deputati
Piazza Montecitorio,1
00186 Roma



Oggetto: Abolizione degli Studi di Settore.


Onorevole Ministro Giulio Tremonti, chi le scrive il fondatore del
movimento politico Imprenditori d'Italia gi fondatore ed amministratore
delegato della societ Eutelia che Lei conosce per gli animati eventi del 10
novembre scorso (http://www.samuelelandi.com).

Avendo vissuto da imprenditore piccolo medio e poi grande, ho avuto il
grande privilegio di poter cogliere ogni sfumatura, difficolt e
soddisfazione che questo lavoro pu dare ad una persona desiderosa di
lavorare in Italia.
Fortunatamente ho avuto anche l'opportunit di girare per molti paesi esteri
ed incontrare colleghi che l lavorano potendo apprezzare le profonde
differenze del sistema italiano con quello di gran parte dei paesi europei.

La conclusione che ne ho tratto che l'Italia gode della ricchezza prodotta
di quasi 6 milioni di imprese (di cui 2.8 milioni sono ditte individuali),
ma che tratta gli Imprenditori peggio dei mafiosi...

L'aggressione fiscale sotto il suo mandato non ha precedenti nella storia
italiana ma se la unisce all' evidente crisi di consumi che stanno subendo
tutte le aziende, fa scaldare gli animi bellicosi anche di chi normalmente
lascia perdere e pensa solo a tirare avanti il carro pieno di sprechi,
sussidi e spese folli.

Sotto la sua gestione la spesa pubblica del 2009 aumentata di 31,6
miliardi di Euro rispetto all'anno 2008. E' vero che ci sono state spese
straordinarie per il terremoto in Abruzzo e per la cassa integrazione
ordinaria ma le Aziende non ce la fanno proprio pi con questo livello di
persecuzione fiscale e burocratica!
Il Movimento Imprenditori d'Italia ha aperto qualche giorno fa un pagina
su Facebook dal titolo inequivocabile ABOLIAMO GLI STUDI DI SETTORE
ricevendo una media di +300 adesioni al giorno, un segno indiscutibile del
malessere che circonda questo argomento.

Recentemente la Cassazione ha sconfessato lo strumento degli Studi di
Settore, ma non tutte le piccole imprese possono sostenere spese legali per
tutti i ricorsi ed alla fine si trovano costrette ad adeguarsi denunciando
un reddito pi alto, ma falso!
Molti degli aderenti a questa petizione on-line, sono sostenitori del
Partito delle Libert che le ricordo, riporta nel proprio programma,
l'obiettivo della rivisitazione drastica degli studi di settore.

Tutto ci premesso, sono quindi a richiederLe a nome di tutte le piccole
Imprese Italiane, tutto il suo impegno ad

ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE!


Attendiamo una sua gentile risposta.....Cordiali Saluti.


Samuele Landi

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl