La legge sulla devolution distruggera' la Sicilia

La legge sulla devolution distruggera' la Sicilia

16/nov/2005 23.14.49 movimento per l'autonomia del popolo siciliano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.




Movimento per l’Autonomia
del Popolo
Siciliano




Agli organi di stampa


Comunicato Stampa

Oggetto: La legge sulla devolution distruggera’ la Sicilia.

La nuova
legge sulla devolution oggi votata al Senato distruggera’ la Sicilia ed
il suo Autonomismo conquistato con Regio Decreto ed il sangue dei
picciotti siciliani nel lontano 1946 .Lo statuto di Autonomia siciliano
a cui molte fazioni politiche del momento fanno riferimento non ha piu’
ragione di esistere perche’il decentramento di competenze previsto
dalla nuova legge su Sanita’,Pubblica Istruzione e Polizia Locale
rappresenta solo il nulla rispetto alle altre sfaccettature della legge
che imprime con maggiore forza lo strapotere dello stato centrale
impedendo alle regioni di legiferare con la massima autonomia in
relazione alle esigenze del popolo e del territorio .

Mi meraviglio
come i nostri rappresentanti politici a Roma non abbiano capito il
tranello perpretato dalla Lega di Bossi che ha solo provveduto ad
aumentare il divario gia’ esistente tra regioni piu’ ricche e piu’
povere, favorendo cosi emigrazione e dissoluzione giovanile nella
nostra sicilia .Il decentramento di competenze in ambito sanita’
portera’ i siciliani a dovere sostenere gran parte delle spese per la
salute in quanto il nostro reddito pro capite e di gran lunga inferiore
a quello della lombardia e quindi usufruisce per il 40% circa di
assistenzialismo puro di tipo reddituale a scarico passivo per la
regione che non sapra’ piu’ dove prendere i soldi, altro che art. 37 e
38 dello statuto di autonomia e contentini a sfondo prettamente
elettorale!!

Il potere industriale del nord schiaccera’
definitivamente la Sicilia che nel tempo sara’ solo abitata da
pensionati ed invalidi perche’ tutti gli altri saranno emigrati in
cerca di lavoro visto che le decisioni inerenti lo sviluppo industriale
si prenderanno solo a Roma. Obbiettivo raggiunto per la lega che ha
favorito cosi’ il vero sviluppo delle regioni del nord dando maggiore
manovalanza per le proprie aziende e cervelli per farle funzionare,
naturalmente siciliani si intende.

Esorto tutte le forze politiche
che hanno a cuore la Sicilia e lo statuto di Autonomia a prendere
posizione su di un tale scempio per la terra di sicilia e a lottare per
una integrale applicazione del nostro statuto con l’istitutuzione in
Sicilia dell’alta corte di giustizia che permetterebbe di legiferare a
pieno titolo e secondo i bisogni del nostro popolo. Non abbiamo bisogno
di devolution perche’ siamo autonomi dal 1946 ed il nostro statuto ci
permette di avere tutto quello di cui i siciliani hanno bisogno. I
politici di convenienza e traditori della propria terra si dovranno
confrontare comunque con la propria gente e con il referendum
confermativo.

Gela
16/11/2005
Il Presidende pro tempore APS

Maurizio Cirignotta




Sede Organi Politici e Amministrativi

Segreteria Politica nazionale. Nicolò Asaro via Palmiro Togliatti n.
38 Mazara del Vallo(Tp)
tel. 0923 946254- fax 0923 933454
Presidenza
pro tempore: Maurizio Cirignotta- via s.maria degli Angeli snc-93012
Gela(Cl) Cell:3280466905-Tel/Fax:0933909145


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl