Comunicato stampa: documento dei socialisti santagatesi

Allegati

18/nov/2005 09.02.19 Unità Socialista - Federazione di Messina Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

COMUNICATO STAMPA DI “UNITÀ SOCIALISTA - SDI”
  

SANT’AGATA DI MILITELLO, DOCUMENTO DEL CIRCOLO SDI.

  

 

    Il circolo politico - culturale dei socialisti santagatesi federato allo SDI, con il presente documento elaborato dal proprio direttivo riunitosi in data 15/11/2005, intende porsi all’attenzione della cittadinanza e della sua amministrazione comunale come un osservatorio socio - politico che guarda con spirito critico e costruttivo, nell’interesse primario della comunità, lo svolgersi dell’attività degli amministratori in ordine ai problemi del paese.
    Il circolo, pienamente consapevole della responsabilità di chi governa, interprete fedele delle normative che regolamentano gli atti inerenti al lavoro e al dovere civico di chi amministra, è costantemente attento allo scenario dell’attività amministrativa.
    La presenza e l’impegno del circolo e dello SDI nel sociale e nella politica si propongono il doppio obiettivo:
        1) che i cittadini siano trattati in egual misura e senza discriminazione; che venga riconosciuto loro lo stato di bisogno e di diritto sempre e comunque; che vengano tutelati i loro diritti senza bisogno di particolari interventi, così come, giustamente, si vuole che facciano il loro dovere; che si operi nella massima trasparenza e legalità perché proprio di questo oggi ha essenzialmente bisogno la società del nostro paese;
        2) promuovere, nell’interesse degli amministratori e degli amministrati, iniziative e suggerimenti che possono concorrere utilmente in direzione di benefici per il paese.
    A tal uopo fanno riferimento specificamente ad alcuni servizi che coinvolgono l’intero collettivo del paese e, nello specifico, guardano ai servizi socio - sanitari e di igiene pubblica con particolare riferimento alla manutenzione delle ville, dei giardini scolastici, del verde pubblico, delle spiagge e delle zone balneari; ai servizi scolastici (edilizia scolastica, mensa scolastica, riscaldamenti, palestre) e quant’altro concerne l’ambiente per un comfort sempre più adeguato alle esigenze primarie del mondo della scuola; ai servizi vari con particolare attenzione alla manutenzione della viabilità urbana e rurale, molto spesso carente ed inadeguata alle esigenze della vita della popolazione, che ambisce, sempre più legittimamente, ad una migliore qualità dei servizi, visto che oggi i servizi hanno un costo molto consistente e sempre più gravoso per le tasche dei cittadini; fanno riferimento, con particolare attenzione, alla fascia sociale riguardante il mondo degli anziani e dei portatori di handicap, nei cui confronti i servizi e le attenzioni mostrano carenze significative ed in alcuni casi dei veri e propri abbandoni.
    Infine, non si può non sottolineare quello che oggi stiamo vivendo con molta attenzione ed anche con giustificata preoccupazione, per ciò che riguarda il disagio collettivo causato dal passaggio della gestione dei servizi del settore della nettezza urbana dal comune all’ATO 1 che, a conti fatti, comporta costi elevatissimi, sicuramente insostenibili per gran parte della popolazione.
    A tal proposito, la domanda è: se la legge sul trasferimento dei rifiuti solidi urbani dagli enti locali al privato nasce al fine di alleviare le spese ai Comuni e nel contempo ridurre i costi per gli utenti (quindi legge migliorativa, si presuppone), come mai in Sicilia il trasferimento comporta costi da capogiro? Perché, se in Sicilia prevedeva l’istituzione di nove ATO, ne sono state istituite in numero di trenta?
    Di fronte al preoccupante problema, gli amici del circolo socialista e dello SDI esprimono tutto il loro disappunto, danno tutta la loro solidarietà alle minoranze consiliari che hanno votato contro, fanno propria l’iniziativa dell’ACIS che promuove la raccolta di firme per contestare quello che si può definire un autentico attentato alle tasche dei cittadini, già impoverite a causa di una politica sicuramente non favorevole al tessuto socio - economico di una vasta fascia di italiani; si associano a tutte le sigle sindacali e di volontariato che prestano attenzione al problema, chiedono con forza al Sindaco e alla sua amministrazione di adoperarsi per promuovere tutte le iniziative di dovere e di diritto al fine di moderare e livellare una situazione che comporta il rischio di farsi pesante; infine, visto che il problema allerta l’intera cittadinanza, ove l’amministrazione lo ritenga, chiedono un incontro col Sindaco
.

 

 
“UNITÀ SOCIALISTA” - SDI
Federazione provinciale di Messina
via Nina da Messina n°12 - 98121 Messina
Telefono: 090/8969370 - Fax: 090/8967390
Sito Internet: www.socialistimessina.it
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl