Sgomberi di Via Lecco a Milano: torna la legalità del manganello e il populismo della politica.

Allegati

29/dic/2005 06.56.24 Radicali di sinistra Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 

Sugli sgomberi di Via Lecco a Milano: torna la legalità del manganello e il populismo della politica.
La Giunta Albertini e la legalità del manganello: sgomberati e deportati 200 rifugiati politici. Dov’è finito il milione di euro per le politiche sull’immigrazione che il Sindaco Albertini ha incassato dal Governo? 
 
Comunicato stampa
 
Gli scorsi giorni, a Milano, ci sono state forti tensioni fra gli immigrati che da settimane occupavano un edificio fatiscente di via Lecco e le forze dell’ordine, che hanno sgomberato il presidio a manganellate.
I Radicali di sinistra sottolineano come si tratti di circa 200 immigrati extracomunitari, per lo più eritrei e sudanesi, molti di loro donne e bambini, i quali come rifugiati politici hanno diritto a strutture e servizi di prima necessità, una casa, un lavoro e l’assistenza sanitaria.
Nonostante siano stati stanziati per il Comune di Milano un milione di euro per le politiche sull’immigrazione, la Giunta Albertini è stata capace solo di manganellare e deportare gli immigrati in container ubicati all’uscita dell’autostrada Milano-Laghi.
Le manganellate in nome della legalità, nascondono le profonde illegalità della Giunta milanese: non sono stati attivati dei corsi di formazione professionale per immigrati né i molti immigrati qualificati sono stati inseriti nel mondo lavorativo e ai molti immigrati ammalati e alle donne in gravidanza è negata l’assistenza sanitaria.
I Radicali di sinistra denunciano come sia Albertini e la sua maggioranza a muoversi nella illegalità e ricordano che la legge prevede che gli immigrati, anche senza permesso di soggiorno, hanno il diritto all’assistenza sanitaria presso strutture pubbliche.
Vergognose appaiono gli attacchi al Prefetto dell’assessore alle politiche sociali Tiziana Maiolo, di Forza Italia ma con un passato pannelliano, e l’assessore regionale al territorio Davide Boni (Lega Nord) per la sua morbidezza e hanno auspicato un ritorno alla legalità con lo sgombero immediato senza però fornire soluzioni per gli immigrati.
Ancora una volta, le destre dimostrano di veicolare il tema della legalità in modo populista: si tratta di una legalità armata contro i deboli e gli ultimi della società; una non legalità prodotta dall’illegalità e dall’irresponsabilità delle istituzioni.
 
Fabio Sannino
Radicali di sinistra
Responsabile diritti civili
diritti@radicalidisinistra.it


 


Radicali di sinistra . il movimento dei cittadini libertari laici ecologisti . www.radicalidisinistra.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl