A Washington il candidato Francesco de Leo replica a Pessina

08/feb/2006 17.16.11 Confederazione degli Imprenditori Italiani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Francesco de Leo, Candidato alla Camera dei Deputati per la Circoscrizione America Settentrionale e Centrale Le dichiarazioni del senatore Pessina sono davvero sconcertanti e inaudite.. Finalmente milioni di italiani accedono al voto del Parlamento della Repubblica e possono usufruire del massimo privilegio quali cittadini di una democrazia.

Invece di apprezzare il risultato raggiunto e contribuire a diffondere l'informazione in merito ad un evento politico e sociale denso di significato, ossia includere nell'elettorato connazionali spesso costretti da necessità a vivere all'estero, il nostro senatore denigra e dubita dello stesso sistema di cui egli fa parte.

A mio avviso, in qualità di candidato alla Camera, siamo di fronte ad un caso isolato di assurde dichiarazioni, che colgo l'occasione di screditare e privare di ogni supposto valore.

Il voto degli italiani all'estero è una conquista preziosissima, una scommessa vinta dopo anni di vani tentativi. In effetti il portato del contributo degli italiani all'estero è inestimabile, in quanto offre una prospettiva globale alla realtà italiana.   L'apertura dell'apporto di italiani residenti all'estero garantirà alle nostre istituzioni grandi opportunità di dialogo e crescita tra realtà ambientali differenti.

Le garanzie di una regolarità del voto sono innumerevoli. Viviamo in paesi di grande civiltà e storia democratica ed è assolutamente implausibile lo scenario prospettato dal senatore. Mi sorge un interrogativo spontaneo. Come possa mai esercitare le funzioni di garante un individuo che nega ogni risvolto positivo ad un evento imprescindibile per comprendere la novità della temperie socio-politica che anima i nostri elettorati.

Le spinte innovative hanno sempre destato timori in coloro che temono il cambiamento e da oscurantisti alla Gattopardo asseriscono "Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi".

Le elezioni degli italiani all'estero sono indice di un grande avvenimento di cui tutti devono e possono fare parte, per dare un segno di volontà di cambiamento anche ai tanti Pessina che tristemente declamano per sentire l'eco del loro vuoto ciarlare.

Francesco de Leo
http://www.deleo.net

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl