Indipendente dai partiti, in campo per gli italiani

E sarebbe illogico che proprio gli italiani all'estero, che condividono tanti problemi concreti e per la prima volta possono fare sentire la loro voce, si dividessero e vedessero il loro voto perso nei giochi della politica.

13/mar/2006 17.02.30 Confederazione degli Imprenditori Italiani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Francesco de Leo - Alternativa Indipendente Italiani all'Estero Noi italiani all'estero non possiamo permetterci di non essere rappresentati. Specialmente quando le due formazioni di riferimento sono cosi vicine nei numeri, c'è il rischio che un voto dato ad una parte al 50% non significhi vittoria. Noi non possiamo correre questo rischio. E sarebbe illogico che proprio gli italiani all'estero, che condividono tanti problemi concreti e per la prima volta possono fare sentire la loro voce, si dividessero e vedessero il loro voto perso nei giochi della politica. Per questo sono indipendente e preferisco stare fuori dalle dinamiche di partito.

Sono indipendente perché parto dal basso fuori dai giochi dei partiti. Credo ancora che si debba dare preferenza alla persona, alle iniziative e alla statura morale del politico piuttosto che alle etichette. Al servizio dei miei connazionali per fare gli interessi loro e non di club o botteghe in cui si da spazio a tanti melodrammi e operette come troppo bene testimoniano gli organi di stampa.

Tanti candidati diranno ho fatto questo, ho fatto quello, o sono questo o quello. Anche io posso essere grato per avere raggiunto obiettivi professionali importanti, avere anche dato lavoro ed opportunità a tante persone.. Ma quello che mi ha spinto a chiedervi di rappresentarvi in parlamento è la vostra imprenditorialità, la passione con cui voi insieme a generazioni di italiani avete costruito opere, attività, scuole, e lo avete fatto da Italiani in America.

Questo è un paese pragmatico. Per questo, qui viene valorizzata una cultura del fare, del costruire. Io mi candido a rappresentare questo popolo italo-americano, a cui appartengo. Il voto dato a me sarà dimostrazione ulteriore di una volontà di cambiamento che i partiti non riescono più ad interpretare.

Per questo sono indipendente.

Francesco de Leo
Candidato alla Camera dei Deputati
Circoscrizione America Settentrionale e Centrale
Con Alternativa Indipendente Italiani all'Estero
http://www.deleo.net

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl