Laici rompere il silenzio

19/mar/2006 13.41.48 Italia Laica Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Italia laica si associa alla denuncia sul trattamento dei liberali nella CDL fatta da Galgano Palaferri, Presidente Nazionale dell’UpL e candato del PLI.

 

Questi afferma che Il “trattamento ricevuto dai dei liberali dalla Cdl…non denota molta sensibilità…nei confronti di chi vuole sostenere certi ideali…diversa sorte hanno quelli che si "intruppano" in qualche partito” prosegue ricordando che il PLI è riuscito, “sia pure  nell'indifferenza dei media, a presentare liste”

In alcune regioni. Prosegue l’analisi notando che “la CdL…non brilla per liberalismo ma è sicuramente migliorabile soprattutto se grazie ai voti che riusciremo a conquistare sarà possibile innalzare il tasso di Liberalismo in essa presente, a oggi”. 

 

Sfortunatamente la situazione del Pli è simile a quella degli altri gruppi laici che tendono a migliorare la CdL su temi del riformismo liberal e liberalsocilista, certamente ora è necessario rompere il silenzio che li circonda e partecipare alle elezioni, dandosi mutuo sostengo qual’ora vi sia una lista e no le altre senza sottrarsi ad un confronto propositivo ove più presenti.

 

Italia laica promuove l’informazione e la collaborazione tra questi  gruppi non solo a fini elettorali ma soprattutto culturali e politici per incidere maggiormente nella gestione del paese.



Coordinamento nazionale di ItaliaLaica

"Unione per le Libertà" Rete dei Presidi per l'Italia Libera(le)   

            

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl